Home TEMPO LIBERO Isola Farnese, visita con degustazione alla Tomba dei Leoni Ruggenti

Isola Farnese, visita con degustazione alla Tomba dei Leoni Ruggenti

escursione

È la più antica tomba etrusca dipinta, databile tra il 700 e il 690 a.c., ed è sicuramente la più antica di tutto il mediterraneo occidentale. Scoperta nel 2006 grazie a una complessa operazione dei Carabinieri del Nucleo Patrimonio Artistico, la “Tomba dei Leoni Ruggenti” deve il nome al fregio dipinto sulla parete posteriore della camera sepolcrale con quattro bestie feroci dalle fauci spalancate che rimandano al mondo degli inferi.

Poco sopra si staglia un fregio con uccelli acquatici migratori, che simbolicamente accompagnano il defunto nel suo viaggio verso l’aldilà.  Il piccolo ambiente, scavato nel banco di tufo della collina, è facilmente accessibile e visitarlo è un vero e proprio tuffo nella storia degli etruschi.

L’occasione per conoscere questo gioiello storico viene offerta domenica 3 marzo dall’Ente Parco di Veio e dall’associazione Valorizziamo Veio che ha organizzato una visita guidata alla Tomba, preceduta da una breve introduzione sul ruolo e la storia della grande città etrusca di Veio. E al termine della visita sarà offerta una degustazione di vino locale.

L’appuntamento è alle 9.30 alla Mola di Isola Farnese, in via Riserva Campetti snca Isola Farnese. Il percorso, di circa 4,7 km e di bassa difficoltà, dura circa tre ore e mezza. Gli organizzatori consigliano scarponcini da trekking e abbigliamento escursionistico, borraccia con acqua, pomate contro eventuali punture di insetti, zaino comodo e giacca a vento in caso di pioggia.

Attenzione, visita e degustazione sono gratuite ma limitate a 25 posti. Occorre quindi prenotarsi obbligatoriamente, per avere conferma della disponibilità, ai seguenti numeri 3334705031 – 3315364032 oppure all’indirizzo mail valorizziamoveio@gmail.com

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Quattro giorni di preavviso potrebbero non essere sufficienti per coinvolgere più persone possibili molte delle quali totalmente impreparate a questo tipo di iniziative, fisicamente e come equipaggiamento (Scarpe da Trekking ???).
    Condivido con i molti una sorta di frustrazione nel sapere di queste gite o escursioni perché non avendovi mai partecipato potrebbero essere occasione di imbarazzo.
    Certo chi ha figli piccoli o adolescenti potrebbe superare questi ostacoli in virtù di una esperienza da non perdere, la cui preziosità non ha pari in assoluto per tutto ciò che essa comporta.
    L’Ente Parco di Veio e le tante Associazioni per quanto possibile sono il riferimento guida per tanti imbarazzati e fuori forma che amerebbero essere il 3 marzo alla Mola di Isola Farnese.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome