Home ATTUALITÀ Al via la 75ma edizione degli Internazionali di tennis

Al via la 75ma edizione degli Internazionali di tennis

internazionali di tennis

Ci siamo. Sta per iniziare la 75esima edizione degli Internazionali di tennis, che si terranno dal 7 al 20 maggio. All’interno dell’area del Parco del Foro Italico fervono i preparativi, alcuni match hanno fatto registrare già il sold out, i campi di terra rossa sono stati battuti, gli allestimenti floreali fatti, i ballboys pronti a scendere in campo con gli atleti e la madrina, la grande Lea Pericoli, pronta a dare il via.

Gli Internazionali di tennis, ufficialmente “internazionali BNL d’Italia” vanno ben oltre il concetto di mera manifestazione sportiva; con i circa 200 mila spettatori paganti il torneo è diventato a Roma un vero e proprio evento sportivo-mondano. Un’occasione per gli appassionati di tennis di poter seguire le partite dei grandi big dai campi del Foro Italico, considerati dai campioni stessi i migliori al mondo, e un’opportunità per i più modaioli di partecipare ad un evento dei più glamour dello sport italiano e scovare dietro le quinte i vip del mondo dello sport per magari riuscire a scattare qualche selfie.

L’edizione 2018 si sarebbe dovuta aprire con le pre-qualificazioni in un campo d’eccezionale bellezza: Piazza del Popolo. Dopo gli ok e gli entusiasmi iniziali è arrivato invece lo stop da parte del Tavolo tecnico congiunto fra la Soprintendenza speciale archeologia belle arti e paesaggio di Roma e la Sovrintendenza capitolina che hanno bocciato il progetto ritenendo l’allestimento “eccessivamente impattante e inidoneo al carattere monumentale della piazza, vista anche la necessità di innalzare adeguatamente i livelli di sicurezza pubblica e di tutela degli elementi monumentali presenti” e affermando che  “i tempi di svolgimento del torneo incidono di necessità sulla durata di occupazione dell’area, che di conseguenza risulterebbe eccessivamente prolungata, limitando così notevolmente la fruibilità della piazza“.

Pur dovendo rinunciare a vedere i grandi match nel cuore del centro storico di Roma, la sinergia tra gil Internazionali di tennis e la città non verrà meno. A partire dallo scorso anno infatti, dalla collaborazione tra Federazione Italiana Tennis,Coni e l’amministrazione capitolina è nato il progetto “Tennis in città” che prevede l’apertura nella periferia romana di campetti temporanei dove assistere a partite tra grandi professionisti, maestri e anche persone comuni.

Per l’edizione 2018 sono stati allestiti i campi nel III Municipio, zona Vigne Nuove, con l’intento di diffondere e far avvicinare la gente a questa pratica sportiva. Inoltre, gli alunni delle scuole di Roma avranno giornate dedicate in cui assistere all’evento e avranno accesso allo Young Village del Foro Italico.

Un occhio di riguardo anche ai turisti: quelli che avranno acquistato un biglietto degli Internazionali potranno entrare gratuitamente in tutti i musei civici e aree archeologiche.

Per addentrarci meglio tra le sfumature di questo evento che festeggia i suoi 3/4 di secolo, ci siamo rivolti ad un cronista d’eccezione, Stefano Meloccaro giornalista sportivo per Sky, già  istruttore di tennis e preparatore fisico di tennisti, autore dei libri “Braccio d’oro” e “Studio tennis”.

internazionali di tennis stefano-meloccaroCome mai gli Internazionali di tennis attraggono così tanto?

Roma ha una grande tradizione, pur non essendo uno sport diffuso come il calcio, da Nicola Pietrangeli prima e Panatta dopo, il tennis è diventato uno sport assolutamente popolare. C’è adesso un ragazzo romano, Matteo Berrettini, che promette molto bene, speriamo che faccia durare la tradizione.

All’interno del circuito Atp master 1000 come si posiziona a livello d’importanza il torneo romano?

Roma è uno dei più importanti, storicamente ha sempre avuto i migliori partecipanti perché arriva prima del Roland Garros, perciò è un banco di prova. Poi a Roma si gioca con la formula combined event, ovvero si giocheranno partite maschili e femminili contemporaneamente nella stessa settimana.

Saranno tanti i campioni presenti, quali sono i nomi che potrebbero regalarci più emozioni?

Oggi dico Nadal, ha vinto 8 volte Roma, sicuramente se partecipa è di diritto il favorito numero uno. È il re della terra battuta. Personalmente mi piace molto un giovane atleta greco Stefanos Tsitsipas. Come atleti italiani siamo messi piuttosto bene, abbiamo i nostri classici Fognini, Seppi e Lorenzi.

Un ricordo divertente delle passate edizioni…

Lo scorso anno durante gli internazionali ero in onda con “edicola Fiore” e per i vialetti del tennis ho fatto finta di essere un personaggio famoso. Beh, in pochi minuti hanno iniziato a fermarmi, per farla breve hanno fermato più me dei tennisti veri. Mi sono divertito un mondo prestandomi a fare selfie come se fossi stato chissà chi!

Roma ci ha messo il luogo più maestoso ed imponente, il Coni e la Fit lo hanno reso ancor più elegante, il colpo d’occhio è da lasciare senza fiato. I campioni ci sono, lo spirito pure, i romani sono già in preallerta, cosa manca? Dobbiamo solo sperare nella magnanimità del meteo, goderci la manifestazione e che vinca il migliore.

Francesca Bonanni

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome