Home TEMPO LIBERO A Roma Peter Bence, l’eclettico scanzonato pianista-fenomeno

A Roma Peter Bence, l’eclettico scanzonato pianista-fenomeno

pianista sciolto, scanzonato e imprevedibile, dal 2012 al 2017 ha detenuto il record del mondo per il maggior numero di suoni prodotti in un minuto con il pianoforte.

peter bence

Dopo il successo dello scorso dicembre a Milano e a Trieste, Peter Bence, il nuovo fenomeno mondiale del crossover tra classica e pop, annuncia 4 nuovi concerti in Italia nel mese di maggio. L’ultimo sarà a Roma, sabato 26, al Teatro Brancaccio.

Classe 1991, Peter Bence è un giovane pianista, compositore, produttore ungherese. Bambino prodigio, comincia a suonare pianoforte a due anni, a sette viene ammesso alla prestigiosa accademia Franz Liszt e firma la sua prima composizione influenzato da Mozart e Chopin, mentre solo quattro anni dopo pubblica già il suo primo solo di pianoforte di sue composizioni. Nel 2004 vinse il terzo premio al Gyorgy Ferenczy International Piano Contest e nel 2008 rilasciò il suo secondo album, Nightfall.

Ispirandosi al grande John Williams si trasferì a Boston per studiare composizione in ambito cinematografico al Berklee College of Music, il più importante istituto universitario privato dedicato alla musica contemporanea, e contemporaneamente, nel 2015, inizia a farsi conoscere in tutto il mondo attraverso dei video pubblicati in rete di suoi arrangiamenti di celebri hit, dapprima con “Bad” di Michael Jackson, divenuto virale in pochi giorni, poi con “Cheap Thrills” di Sia, “Don’t stop me now” dei Queen, “Cry me a river” di Justin Timberlake e moltissime altre, raccogliendo oltre 250 milioni di visualizzazioni sui suoi canali ufficiali Facebook e YouTube.

Dopo aver collezionato diversi premi e primati, tra i quali il Guinness World Record per il “Most Piano Key Hits in One Minute”, Peter Bence nell’ultimo anno si è esibito in 20 paesi in 4 continenti e ha partecipato tra l’altro ai BBC’s Proms a Hyde Park a Londra dove si è esibito davanti a 50.000 spettatori.

Il punto di forza di Peter Bence è stato riuscire ad abbattere le barriere tra la musica classica e quella pop, grazie ad uno stile espressivo e moderno portando il pianoforte ad un nuovo livello, tanto da ispirare le giovani generazioni di musicisti e amanti della musica di tutto il mondo.

Lo spettacolo al Brancaccio del 26 maggio sarà un’occasione unica per i romani per vedere da vicino il talento dell’artista ungherese in uno show tra arrangiamenti crossover e composizioni originali inedite. (per acquistare i biglietti si può cliccare qui)

Edoardo Cafasso

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome