Home TEMPO LIBERO La Storta, torna Floracult evento top per pollici verdi

La Storta, torna Floracult evento top per pollici verdi

floracult

A La Storta, in via Giacomo Andreassi 30, nel cuore del Parco di Veio da venerdì 21 a domenica 23 aprile, all’interno della tenuta agricola biologica I Casali del Pino, si svolgerà l’ottava edizione di FloraCult, mostra mercato di florovivaismo amatoriale che promuove la cultura del verde, l’ecosostenibilità e l’ambiente.

Un evento che, ideato e organizzato da Ilaria Venturini Fendi, imprenditrice agricola e designer, e curato da Antonella Fornai, esperta di giardini, si conferma un appuntamento must per i cultori del verde.

Le foglie tema dell’ottava edizione

Sotto ogni foglia c’è vita che si ripara dal sole e dalla pioggia” scrive Stefan Buczacki, botanico inglese.

La foglia è forma, tessitura, colore, profumo e respiro. Ognuno di questi aspetti sarà oggetto di incontri, conferenze e lezioni.

La quantità di energia solare catturata dalla fotosintesi attraverso le foglie è immensa, studi recenti provano che si può produrre energia pulita dalla fotosintesi artificiale.

Fotosintesi Naturale e Foglie Artificiali, questo l’argomento rivoluzionario di cui parlerà Leonardo Guidoni, giovane scienziato ricercatore, Docente di Chimica all’Università degli Studi de L’Aquila.

Mangiamo la Foglia”: a Floracult troveremo le foglie commestibili del Citrus hystrix, un agrume conosciuto con il nome di Combava, quelle della Moringa oleifera, di cui si mangia tutto persino le radici che sanno di ravanello e le gustose foglie di molti Pelargoni.

A mettere le foglie in testa ci pensa Alessandro Magagnini, giovane emergente nel mondo del florovivaismo che realizza cappelli con piante vive.

Le conferenze sul giardino, la presentazione di libri, gli incontri sull’eco-sostenibilità e l’ambiente vedranno la partecipazione di personalità del mondo della cultura e del giardino: Stefano Mancuso, Direttore del LINV e una delle massime autorità mondiali nel campo della Neurobiologia Vegetale, presenta il suo ultimo libro,”Plant Revolution”, in cui le piante diventano personaggi veri con straordinaria capacità di adattamento, esempio che gli uomini dovrebbero imparare a conoscere per migliorare la loro vita sulla terra.

Il Direttore d’Orchestra Peppe Vessicchio, racconterà, presentando insieme con Carlo Massarini il suo libro “La musica fa crescere i pomodori”, come l’armonia della musica si metta in relazione con l’armonia della natura.

L’entomologo Gianumberto Accinelli nel suo libro “I fili invisibili della natura” spiegherà che la natura ha tante storie da raccontare quanti sono i fili invisibili che collegano fra loro gli esseri viventi.

Infine due appassionati di giardino, Cristiana Mancinelli Scotti e Alessandro Biagioli racconteranno ”Come le foglie di Linosa comunicano con quelle della Sabina

In un suo spazio Giancarlino Benedetti Corcos dipingerà con tratti forti e nervosi le sue fantasie mentre la palermitana Paola Barbasso proporrà sculture coloratissime di cartapesta.

Ci sarà inoltre un’esposizione di esemplari di Bonsai rari, una mostra sulla “Tulipanomania”, la febbre speculativa in Olanda della prima metà del xvii secolo, e per i più esigenti non mancheranno le lezioni di giardinaggio tenute dai tecnici professionisti dell’Associazione “Verde 360”.

La collaborazione fra FloraCult e l’Ente Regionale Parco di Veio prevede una serie di  visite guidate sia archeologiche che botaniche gestite dal Consorzio Campagna Romana.

Appuntamento in via Giacomo Andreassi 30, dalle 10 alle 19 – navetta elettrica gratuita dalla Stazione Roma La Storta.
L’evento è patrocinato da Ama, Municipio XV, Ente Regionale Parco di Veio.

Visita la nostra pagina di Facebook

Via Giacomo Andreassi, Roma, RM, Italia

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome