Home PRIMA PORTA S’infittisce il mistero della nuova stazione di Prima Porta

S’infittisce il mistero della nuova stazione di Prima Porta

nuova-stazione-prima-porta

Sì, è proprio vero: servirà proprio la magica frase “apriti sesamo” per fare aprire le porte della nuova stazione di Prima Porta.

Quella magica frase che, come avevamo anticipato nel nostro ultimo articolo, sembra essere l’unica soluzione utile a diradare la fitta nebbia che avvolge il mistero della mancata messa in esercizio della nuova stazione che, terminata da poco meno di tre anni, continua inspiegabilmente ad avere i cancelli chiusi.

Un mistero che s’infittisce di giorno in giorno e che quindi senza un intervento della magia sarà difficile risolvere.

L’ultima notizia, come sempre, arriva dal sito del Comitato Pendolari della Ferrovia Roma Nord che ha ricevuto una risposta dalla Direzione Generale per i sistemi di trasporto pubblico locale del Ministero dei Trasporti al recente esposto: “…Per quanto di competenza della scrivente si rappresenta che questa Direzione Generale in data 23 dicembre 2015 ha provveduto a rilasciare alla Regione Lazio il nulla osta tecnico ai fini della sicurezza...”

23 dicembre 2015 l’ok del Ministero ma dopo quindici mesi la stazione è ora come allora: chiusa.

Ma allora cosa manca?” scrive il Comitato sul suo sito web, “perchè non si apre e non si utilizza questo nuovo edificio superando anche le odiose barriere architettoniche della vecchia stazione?

Vallo a capire. Il mistero s’infittisce sempre di più mentre alle centinaia di pendolari di Prima Porta che utilizzano ogni giorno la Ferrovia Roma Nord, gestita dall’Atac, non resta che provare con le fatidiche parole: apriti sesamo.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Mi aspetto un articolo sul ritardo infinito dell’apertura della stazione di vigna Clara.possibile che nessuno ne sappia niente?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome