Home TEMPO LIBERO “SOS uomo in mare”, l’ammiraglio De Giorgi ne parla all’Olgiata

“SOS uomo in mare”, l’ammiraglio De Giorgi ne parla all’Olgiata

giuseppe-de-giorgi

Venerdì 17 marzo, alle 18,30, al Golf Club Olgiata un nuovo appuntamento d’autore.

Uomo di mare per gran parte della sua vita, l’ammiraglio Giuseppe De Giorgi, già capo di Stato Maggiore della Marina Militare Italiana, presenta il libro “SOS uomo in mare” nel quale si racconta a Daniela Morelli per la Giunti Editore.

Accanto a lui sarà presente l’attrice teatrale Pamela Villoresi che leggerà alcuni brani.

SOS uomo in mare

Il libro è una ricostruzione di fatti reali attraverso uno dei suoi protagonisti e racconta, con un linguaggio per ragazzi, tre eventi, dove la Marina Militare è stata protagonista assoluta.

Si tratta del Periplo dell’Africa del 2013-2014, una missione umanitaria e di diplomazia navale; dell’Operazione Mare Nostrum, scaturita dal terribile naufragio del 2013 e delle drammatiche operazioni di soccorso del traghetto Norman Atlantic, sconvolto da un incendio nel 2014.

In questo libro Daniela Morelli ha raccolto la preziosa testimonianza dell’ammiraglio arricchendola con fotografie, dati, stralci di un verbale di Tribunale ed episodi in cui, rielaborando racconti e storie vere, ha dato voce anche a loro: ai malati, ai profughi, ai naufraghi a cui l’Ammiraglio ha donato la speranza di un futuro migliore.

Non a caso un settimanale nazionale, nel pubblicare una sua intervista, l’ha definito nel titolo “l’ammiraglio salvavite“.

Non solo racconti mare

“S.O.S. uomo in mare” non è solo un racconto di storie sulla Marina ma anche un’opportunità di beneficenza per l’Istituto Andrea Doria, al quale andranno parte degli introiti della vendita del libro.

L’ Istituto assiste infatti dal 1917 le famiglie dei marinai deceduti o invalidi e si sostiene grazie ai contributi volontari dei militari ed anche con offerte e donazioni.

Una passione di padre in figlio

Classe 1953, Giuseppe De Giorgi è “figlio d’arte”, suo padre, Gino De Giorgi, è stato Capo di Stato Maggiore della Marina militare italiana dal 1973 al 1977.

Nominato nel 1975, a soli 22 anni, Guardiamarina all’Accademia Navale, consegue poi il brevetto di pilota militare presso le scuole di volo della Marina statunitense.

Comandante delle Forze Aeree della Marina, Comandante delle Forze d’Altura e della Forza Marittima di Reazione Rapida della NATO, Comandante dell’Operazione Leonte e dell’Interim Maritime Task Force per il controllo delle acque libanesi, viene premiato nel 2007 quale “Militare dell’anno” presso lo Smithsonian National Air and Space Museum di Washington D.C.

Da gennaio 2013 a giugno 2016, calcando fino in fondo le orme paterne, ha ricoperto l’incarico di di Capo di Stato Maggiore della Marina.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome