Home ATTUALITÀ Civita Castellana fra carri allegorici e coriandoli

    Civita Castellana fra carri allegorici e coriandoli

    carnevale monte mario

    Eccolo, il carnevale di Civita Castellana, che per la popolazione locale rappresenta l’appuntamento clou dell’anno, e vale più d’un capodanno, della festa del patrono, della sagra.

    Si comincia domenica 19 febbraio e si va avanti per oltre una settimana, fra caroselli vari, sfilate, gente in maschera e goliardia.

    Simbolo dell’edizione 2017 è “O’ Puccio”, allocato a Piazza Matteotti, davanti al Comune: è un’opera di cartapesta realizzata dalla Pro Loco locale in collaborazione con gli artisti “Groupe in art”, ed è alta circa tre metri: è ispirata quest’anno alla banda folcloristica di Civita Castellana “La Rustica”, con la classica divisa rosso blu e gli strumenti musicali più inconsueti. Racconta mille e più storie, il carnevale civitonico, tipo quella di due calciatori che un paio d’anni fa avrebbero dovuto giocare una partita importante, su un campo di calcio distante una ventina di chilometri dal magic moment della sfilata: l’allenatore li cercava per mandarli in campo, loro erano già sgattaiolati da dietro la panchina per andare a festeggiare. Non un gol, ma il carnevale…

    Perché il carnevale civitonico “prende” tutta la popolazione, circa sedicimila abitanti, e il solo conto delle duemilacinquecento maschere che sfilano la dice lunga sull’attenzione rivolta dalla popolazione locale all’evento.

    Un evento cui partecipa anche il sindaco Gianluca Angelelli, che non si maschera dal 2010 ma che sente in maniera particolare la kermesse e vive l’attesa della vigilia accontentando tutti, perfino quelli che si lamentano per l’impossibilità di prendere l’auto, per gli schiamazzi, per i troppi coriandoli per le strade.

    Tre date da memorizzare: 19 febbraio e poi il 26 e 28, con oltre duecento figuranti accompagnati da due ali di folla dal centro storico lungo i due chilometri del percorso, per tacere dei carri allegorici.

    “Abbiamo aperto il carnevale a ospiti internazionali e soprattutto alla gente di Accumoli, in segno di vicinanza e solidarietà” spiega l’assessore allo Spettacolo e al Turismo Letizia Gasperini, che ogni anno organizza il Carnevale e coordina i vari gruppi e pronta anche ad aggiungere che “sarà un carnevale degno della nostra tradizione e della nostra migliore storia, con creazioni in cartapesta stupefacenti e costumi originali e ricercatissimi”.

    Visita la nostra pagina di Facebook

    LASCIA UN COMMENTO

    inserisci il tuo commento
    inserisci il tuo nome