Home ATTUALITÀ Bilancio XV, Torquati (PD): “Servizio AEC senza fondi, grave atto targato M5S”

Bilancio XV, Torquati (PD): “Servizio AEC senza fondi, grave atto targato M5S”

Daniele Torquati 2

Duro intervento del capogruppo PD del XV Municipio, Daniele Torquati, dopo aver scoperto che una variazione di bilancio ha spostato fondi dall’assistenza nelle scuole agli studenti con disabilità all’assistenza domiciliare per adulti. In un comunicato, così si esprime.

“Dopo aver bocciato la risoluzione presentata dal gruppo consiliare del PD che chiedeva un generale incremento di fondi per le politiche sociali del Municipio che in aula è stata definitiva dal Movimento 5 Stelle “superata”, così superata che ad oggi i fondi non ci sono, dopo aver parlato di “ammanco” nelle casse del bilancio, offendendo un’intera stagione politica e dopo aver rassicurato i cittadini con un’inutile conferenza stampa, oggi l’Amministrazione targata 5 Stelle scopre le carte e si prende una grave responsabilità politica: una variazione di bilancio che sposta fondi dall’assistenza nelle scuole agli studenti con disabilità (Aec) all’assistenza domiciliare per adulti (Saish).”

“La montagna di lavoro prodotto sul sociale in queste settimane dal Municipio XV ha partorito un topolino” ironizza Torquati sostenendo che si tratta di una “responsabilità politica grave che non tiene conto della cura e della delicatezza che le politiche sociali richiedono, ma anzi apre un conflitto tra servizi che va a danno della popolazione più fragile del nostro territorio. Una miopia politica che non tiene conto dell’esigenza di garantire i servizi alla persona attraverso un’attenta pianificazione degli interventi e delle risorse.”

“Pensavo di aver superato gli anni dell’emergenza che abbiamo vissuto con la gestione Alemanno, periodo in cui il buco esisteva sul serio, e avevamo dato disponibilità alla nuova Amministrazione per proseguire nel solco di quel cambio di rotta che avevamo garantito nei tre anni in cui abbiamo governato il Municipio: quantificare i bisogni e spendersi con Roma Capitale per fondi adeguati e sufficienti ai bisogni della popolazione del nostro territorio. Abbiamo ricevuto in cambio sonore bocciature di proposte, supponenza e bugie. Oggi – incalza Torquati – scopriamo che per far fronte al naturale adeguamento delle tariffe che ogni anno abbiamo con gradualità effettuato, il Municipio si accontenta di togliere fondi dai capitoli di spesa per coprire altri servizi, invece di prendersi la responsabilità di continuare il trend di crescita degli investimenti sul sociale, attraverso anche l’inadeguatezza di scelte ingiuste, sgradevoli e scellerate.”

“In Municipio, dobbiamo ammetterlo, si apre una nuova stagione che ha il sapore antico: quella di chi sceglie di mettere toppe piuttosto che assumersi la responsabilità di governare per intero un settore delicato e importante per la qualità della vita di tante famiglie. Dal canto nostro lo diciamo sin da subito: non permetteremo che il Municipio e il Sociale del Municipio non abbiano assicurati i servizi che meritano, come abbiamo fatto in tre anni e come abbiamo lavorato e lottato per ottenerli.”

“Abbiamo l’esigenza – conclude il capogruppo PD – di curare chi per anni è stato relegato al posto di subalternità nei confronti degli altri servizi. Abbiamo il dovere morale, politico e umano di proteggere il lavoro prodotto in questi tre anni, durante i quali non solo i servizi non hanno chiuso, ma sono aumentati in qualità e quantità.”

 

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Da quanto sembra dedursi dal comunicato, la giunta municipale si è limitata a spostare risorse finanziarie allocate su una voce del sociale ( assistenza ai disabili nelle scuole), su un’altra voce sempre del sociale( Assistenza domiciliare per adulti). Torquati a ragione a dire che i disabili rappresentano una delle categorie più fragili di una comunità e devono quindi ricevere grande attenzione e priorità dall’amministrazione, ma il suo comunicato sembra voler far intendere che la nuova giunta a guida M5S voglia tagliare le spese per il sociale, cosa non proprio esatta. Si può dire semmai che in condizioni di risorse scarse la priorità debba essere per i disabili nelle scuole piuttosto che per i disabili adulti a casa. La giunta in sostanza ha operato una scelta politica ( per ciò stesso opinabile e criticabile come fatto da Torquati) . Credo che la realtà sia molto più semplice di come voglia rappresentarla l’ex presidente Torquati ( ma potrei sbagliare). Le risorse disponibili per il sociale sono poche e sono quelle che la nuova Giunta appena insediata ha trovato in eredità dalla precedente giunta Torquati. Il fatto poi che sia stata bocciata la risoluzione PD per chiedere l’aumento delle risorse sul sociale, lascia il tempo che trova, nel senso che riguarda il futuro bilancio comunale che sarà il vero banco di prova per vedere se riducono o meno le risorse per il sociale. Oggi la variazione è stata fatta sulla base delle risorse esistenti e non vi è alcun nesso tra la bocciatura della risoluzione del PD e lo spostamento di fondi operato dalla giunta sul sociale.

  2. IL POTERE LOGORA CHI NON LO HA……..POVERINO , VEDERE IL 5 STELLE AL SUO POSTO DEVE ESSERE TERRIBILE , SPERIAMO CHE NON SI DEMORALIZI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome