Home ATTUALITÀ Nuda, mette a nudo la coscienza all’Auditorium

Nuda, mette a nudo la coscienza all’Auditorium

auditorium

Venerdì 19 febbraio, con inizio alle ore 21, la Sala Petrassi dell’Auditorium ospiterà un evento teatrale poetico, disturbante e singolare, che ha ottenuto numerosi e importanti riconoscimenti soprattutto all’estero. Sul palco una sola attrice, completamente nuda, proporrà una confidenza pubblica sulla condizione umana.

Una censura sottile e persistente in Italia, un successo crescente all’estero. In Gran Bretagna come in Australia, a Berlino come in Brasile. Uno spettacolo che ha messo d’accordo il pubblico e la critica di tre continenti e che si è aggiudicato l’oscar europeo del teatro.

Scritto da Cristian Ceresoli, tradotto e prodotto in molte lingue e interpretato da Silvia Gallerano, “La Merda” approderà prossimamente all’Auditorium per una serata che si annuncia spiazzante e che, come è lecito aspettarsi, farà molto discutere.

Una sedia, un faretto e un’attrice completamente nuda. Una donna giovane e “brutta” che snocciola in maniera bulimica la sua confidenza pubblica sulla condizione umana, che con ostinazione e coraggio tenta di aprirsi un varco e trovare il suo spazio nella società delle “cosce” e delle “libertà”.

Un flusso di coscienza inarrestabile, un tentativo caparbio di uscire dal pantano della società dei consumi, che è capace di annientare ogni personalità con parole dolci e suadenti.

Il “Times” ha usato l’aggettivo “straordinario” per descrivere il testo di Ceresoli (esplicito e brutale, poetico e disturbante), mentre ha definito l’interpretazione di Silvia Gallerano “sublime da strapparti la pelle di dosso”.

Giovanni Berti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome