Home ATTUALITÀ Auditorium, Beethoven e i contemporanei

Auditorium, Beethoven e i contemporanei

bee.jpgA partire da sabato 3 ottobre l’Auditorium ospiterà “Beethoven e i contemporanei”, un ciclo di concerti in cui, oltre all’esecuzione delle nove sinfonie, saranno proposte composizioni della sua o della nostra epoca. In questo primo appuntamento – che sarà replicato lunedì 5 e martedì 6 – Antonio Pappano dirigerà la Nona Sinfonia e un’opera che Luca Francesconi ha composto su testi di Nelson Mandela.

La Nona Sinfonia è una delle composizioni più note di tutta la musica classica e costituisce indubbiamente uno dei grandi capolavori di Beethoven. Detta Corale e completata nel 1824, quando ormai il compositore era completamente sordo, nell’ultimo movimento include parte dell’ode An Die Freude (Inno alla Gioia) di Friedrich von Schiller, cantata da solisti e coro.

Animata da un ideale di fratellanza universale e di pace, per cui è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’Umanità, questa sinfonia celebra anche la libertà dell’uomo. Infatti, si deve rilevare che in tedesco il termine “freude” (gioia) è simile a “freiheit” (libertà) e che negli anni successivi alla rivoluzione francese quest’ultima parola era proibita in molti teatri europei. Così, non pochi autori e poeti dell’epoca utilizzavano scientemente la parola permessa intendendo però quella censurata.

Ricordiamo che il 25 dicembre 1989, in occasione dei festeggiamenti per la caduta del Muro di Berlino, Leonard Bernstein sostituì la parola “freude” con “freiheit” nella convinzione che Beethoven avrebbe dato la propria benedizione.

Insieme alla Nona Sinfonia sarà presentata anche “Bread, Water and Salt”, una composizione che Luca Francesconi, accogliendo un’idea di Antonio Pappano, ha messo a punto utilizzando anche gli scritti di Nelson Mandela.

Per tre serate sul palco della Sala Santa Cecilia, il maestro Antonio Pappano – al suo decimo anno di Direzione Musicale – dirigerà l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, oltre alle soprano Pumeza Matshikiza e Rachel Willis-Sørensen, alla contralto Adriana Di Paola e al tenore Stuart Skelton, mentre Michael Volle sarà al basso e Ciro Visco dirigerà il Coro.

Il concerto in programma alle ore 18 di sabato 3 ottobre sarà trasmesso da RaiCultura in diretta su Rai5 e da Radio3. Per informazioni sul costo e sull’acquisto dei biglietti si può cliccare qui.

Giovanni Berti

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome