Home ATTUALITÀ A mollo, finisce così a Ponte Milvio l’ultima serata di Libri a...

A mollo, finisce così a Ponte Milvio l’ultima serata di Libri a Mollo…

libri-a-mollo240bis.jpgE alla fine – a mollo – i libri, ci son finiti veramente. Sotto la pioggia, arrivata inaspettata e forte. Tutto era pronto alle 21, per l’ultima serata di Libri a Mollo all’ombra delle Torretta Valadier: le sedie per il pubblico, le casse per la musica, il divano per gli ospiti, la scenografia di quadri e oggetti antichi e i libri esposti su di un tavolino.

Ma tutto ad un tratto è arrivata la pioggia, pronta a gustare la festa. E di corsa son stati prima messe in salvo le copie dei libri, poi a seguire tutto il resto.

Sotto l’acqua è così iniziata l’ultima serata di Libri a Mollo. Ma solo per poco, il cattivo tempo non ha avuto la meglio e non ha scoraggiato l’infaticabile Carmelo Calì, ideatore e promotore dell’intera iniziativa.

Armato di buon umore, ha coordinato le operazioni di ” trasloco” e tutto e tutti hanno trovato riparo all’interno della Libreria Libri e Bar Pallotta dove si è svolto, al riparo dalla pioggia, l’ultimo rendez vous della fortunata iniziativa di Libri a Mollo, il salotto letterario del giovedì a Ponte Milvio. Un’iniziativa nata nel 2014 con il patrocinio gratuito del XV Municipio, promossa dall’associazione culturale Ponte Tazio e organizzata da Libri&Bar Pallotta con l’obiettivo di creare a Ponte Milvio un salotto letterario.

E così, giovedì 24 settembre Libri a Mollo chiude ” bagnata” ma felice. Moderati da Gioacchino De Chirico, giornalista culturale ed esperto di comunicazione, ben tre autori a conclusione dell’iniziativa. Loredana Limone, con il suo “Un Terremoto a Borgo Propizio”, Marco Proietti Mancini con il suo romanzo appena uscito ” il Coraggio delle Madri”, ed Emanuele Tirelli, autore di “Pedro Felipe”.

mollo2.jpg

Non certo tre autori a caso, visto che son stati scelti dal pubblico tramite un sondaggio lanciato sulla pagina Facebook di Libri a Mollo ad inizio estate.

De Chirico entra subito nel merito dei libri, descrivendoli diversissimi l’uno dall’altro sia per modalità di scrittura che per contenuto. Una veloce presentazione degli scrittori e delle loro tre storie, poi la parola passa agli autori.

Se Borgo Propizio è per Loredana Limone non solo il luogo dove si svolge la sua storia, ma anche e soprattutto quel luogo interiore dove cerca di nascondersi per sopportare il dolore, non è da meno la Roma di Marco Proietti Mancini, che diventa la protagonista di quelle storie quotidiane, vere e semplici senza le quali non ci sarebbe la Storia con la s maiuscola. L’ironia di Pedro Felipe, il protagonista del libro di Tirelli, smorza un poco i toni seri e malinconici, ma solo un poco; “è grazie all’ironia che si può sopportare il dolore”, conclude così il suo intervento l’autore del libro.

mollo1.jpg

Un pubblico attento, concentrato. Una cinquantina di persone, tutte rigorosamente in silenzio, hanno riempito la libreria.

Al termine, ha preso la parola Carmelo Calì che ha salutato e ringraziato ad uno ad uno tutti quelli che lo hanno sostenuto ed appoggiato: ” oggi si è conclusa la seconda edizione di Libri a Mollo; è stata dura, ma ne è valsa la pena. Siamo già pronti per il prossimo anno, abbiamo pronte tante novità e nuovi ospiti illustri. L’appuntamento con Libri a Mollo riprenderà la prossima estate”.

Brindisi alla mano poi, ospiti e pubblico, tutti insieme, a festeggiare la serata conclusiva.

Valentino Ciaccio

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome