Home ATTUALITÀ Ponte Milvio, quando sport e scuola vanno a braccetto

Ponte Milvio, quando sport e scuola vanno a braccetto

ragazzi-boxe.jpgAlla fine dell’anno scolastico all’ultimo round anche il Laboratorio di boxe che l’Associazione Pugilistica Tevere ha tenuto da novembre a maggio presso la palestra della succursale dell’Istituto Tecnico e Liceo Scientifico di scienze applicate Biagio Pascal, la cui sede è in via dei Robilant, Ponte Milvio.

Laboratorio attivato nell’ambito del progetto “Non uno di meno” finanziato dal Miur e realizzato in rete con l’I C Castelseprio, guidato dalla Dirigente Lucia Presilla, che ha visto le due scuole di Roma Nord risultare in testa alla graduatoria degli Istituti laziali finanziati dal MIUR per contrastare dispersione, bullismo, abbandono.

L’iniziativa, rivolta gli alunni del biennio dell’istituto Pascal, retto dal prof. Carlo Firmani, è stata resa possibile dalla partecipazione entusiasta dei ragazzi ma soprattutto dalla dedizione, davvero coinvolgente, dei due Istruttori Federali, l’ing. Stefano Panci e la dottoressa Franca Antoccia, che nella vita sono due stimati ed impegnati professionisti.
Il progetto è stato coordinato dalle professoresse Daniela Manetti per l’ I.C. Castelseprio e Giovanna Fransoni per l’I.T.I.S. Pascal .

Centrando l’obiettivo ambizioso di insegnare l’importanza del rispetto delle regole attraverso la pratica sportiva, i due istruttori, ogni martedì pomeriggio hanno coinvolto ed appassionato gli studenti della scuola che si affaccia su Ponte Milvio avvicinando alla boxe ragazze e ragazzi, dai quattordici ai sedici anni, che adesso sono determinati a continuare l’avventura.

E mercoledì 3 giugno, nella palestra della sede centrale del Pascal, si conclude questo primo percorso con un saggio. Tre coppie di giovani atleti si sfideranno dimostrando di aver imparato, per usare le parole della dott.ssa Antoccia, che l’avversario si batte con determinazione, rispetto ed onestà. Le stesse qualità che servono sul ring della vita.

Fabrizio Azzali

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome