Home ATTUALITÀ Arriva la differenziata nel XV Municipio

Arriva la differenziata nel XV Municipio

raccolta_differenziata_1.jpgArriva la differenziata nel XV Municipio. Quando? Dopo l’estate, in ogni caso sicuramente entro la fine del 2015. Questa la grande novità annunciata martedì 10 marzo, nella Sala Consiglio del XV Municipio, in una conferenza stampa nelle quale sono state presentate le linee programmatiche dell’Amministrazione municipale in materia di rifiuti e decoro urbano.

Presente l’Assessore capitolino all’Ambiente Estella Marino, il presidente del XV Daniele Torquati, il dirigente AMA Fulvio Torreti, Marcello Ribera, presidente della commissione municipale all’Ambiente, ha tratteggiato alla stampa e al pubblico presente le linee guida sul solco delle quali si muoverà l’amministrazione del XV nel corso dell’anno in materia di rifiuti con lo scopo di centrare l’obiettivo più importante: l’introduzione della raccolta differenziata nel municipio più vasto di Roma.

diff1.jpg

Obiettivo che andrà raggiunto con un processo di accompagnamento. A tal fine alcuni Centri Mobili verranno dislocati di volta in volta nei punti nevralgici del territorio per il recupero di rifiuti ingombranti o particolari, quali giocattoli elettronici, parti di computer, toner, farmaci, pile, olio vegetale, carta, vetro e plastica, per abituare i cittadini a differenziare ciò che prima veniva gettato in un unico contenitore casalingo e poi tutto nello stesso cassonetto.

Ma non solo. Una campagna di sensibilizzazione partirà nelle scuole. I giovani sono il miglior veicolo per indurre al rispetto per l’ambiente e saranno loro i primi portatori del messaggio verso gli adulti, i loro genitori.

A fianco di questa campagna, un’opera serrata di prevenzione e repressione verrà effettuata dagli accertatori dell’AMA. Ispettori che gireranno sul territorio per informare su come si differenziano i rifiuti e per colpire chi ancora si ostina ad abbandonare sui marciapiedi mobili, materassi e vecchi elettrodomestici anzichè avvalersi del servizio gratuito dell’AMA con ritiro a domicilio.

Continuano i Decoro Days. Il prossimo si terrà sabato 14 marzo quando XV Municipio, Retake Roma e i gruppi scout Agesci Roma Nord si rimboccheranno le maniche per riqualificare la scalinata che da Corso di Francia sale su via Ronciglione. Ad aprile, altri due eventi sono previsti a La Giustiniana e a Cesano.

diff2.jpg

Continua, infine, la gestione e la manutenzione del verde fra grosse difficoltà viste le diverse competenze che insistono su parchi e giardini del territorio che fanno del Municipio quasi uno spettatore. “Ma anche in questo caso c’è una novità – ha annunciato il presidente Torquati – quanto prima la gestione del verde della città verrà totalmente decentrato ai Municipi, con relative risorse. Si spera dunque che l’azione dell’ente di prossimità possa essere più immediata e più reattiva”.

AGGIORNAMENTO: In questo articolo tutti i dettagli sulla differenziata, dal porta a porta alla raccolta su strada, come farla e in quali quartieri verrà adottato il porta a porta: clicca qui

Visita la nostra pagina di Facebook

18 COMMENTI

  1. Bene, speriamo tutto funzioni al meglio. Mi rimane un dubbio…leggo che “Ispettori gireranno sul territorio (…) e per colpire chi ancora si ostina ad abbandonare sui marciapiedi mobili, materassi e vecchi elettrodomestici anzichè avvalersi del servizio gratuito dell’AMA con ritiro a domicilio.” ma non lo potrebbero fare anche adesso? Non è che abbandonare quei rifiuti oggi è lecito e non ce ne eravamo accorti?

  2. La parte con il riferimento punitivo degli ispettori sul territorio fa definitivamente sorridere, anzi ridere. Ma quando mai in questo paese c’e’ stata una politica repressiva verso chi non rispetta le regole ?

  3. veramente gli ispettori già dovrebbero girare da anni…. la domanda è quante multe hanno effettuato?
    inoltre il porta a porta sarà effettuato in alcuni quartieri, in alcune zone o in tutto il Municipio?

    personalmente sono molto favorevole all’introduzione del porta a porta ma con due condizioni:
    1 – la Regione LAzio smetta di inviare i rifiuti al nord e all’estero con costi mostruosi e faccia una programmazione reale e concreta sul nostro territorio;
    2 – il reperimento del personale aggiuntivo per la raccolta porta a porta avvenga all’interno dell’azienda e non appaltato in esterno alle cooperative…..

  4. ma le foto della scalinata pulita non le mettete? comunque non si capiscono cose essenziali per esempio se uno ha un’appartamento piccolo e non può fare la differenziata per esigenze di spazio come fa? vengono a prenderla a casa come a milano o metteranno altri cassonetti?

  5. Fortemente positivo sulla differenziata ma fortemente negativo su come è fatta a Roma. Leggete in giro l’esperienza del XIV municipio.
    Alcune domande e considerazioni.
    Dovrei tenermi a casa l’umido per 2 giorni? Sai che puzza.
    Se un altro condomino inserisce per errore un rifiuto in un cassonetto sbagliato dovrei pagare io per lui? Rasentiamo la follia.
    Leveranno pure i cassonetti dalla strada ma ci saranno tanti mini cassonetti nei condomini. La popolazione dei topi sarà felice.
    E se un condominio non ha spazi comuni?

  6. Mi risulta che il cosiddetto ritiro gratis degli ingombranti sia gratis se effettuato a livello strada, forse non tenendo conto di quante stradine strette ci sono nel XV municipio, ancora ce lo vedete un pensionato che magari abita da solo/a a trasportare una lavatrice giù per le scale?

  7. Non capisco il nesso fra il ritiro gratuito e le stradine strette. Io comunque tempo fa ho chiesto il ritiro gratuito da casa mia al quarto piano di un rifiuto ingombrante, mi hanno dato appuntamento a due giorni dopo e sono venuti puntualmente con un camioncino esattamente all’ora concordata. Poi basta andare sul sito dell’ama per sapere come funziona: abbiamo un ritiro gratis all’anno direttamente dall’appartamento e 12 ritiri gratis all’anno da piano strada .

  8. Se tutto ciò riportato nell’articolo corrisponderà al vero, grazie sin d’ora.
    Mi domando se sia possibile prevedere un servizio ispettivo anche per i padroni dei cani che non puliscono i biisogni dei propri animali.
    Approfitto della presente per lanciare una proposta ( di cui i fumatori ne saranno orgogliosi…): perché non dotare i cittadini fumatori (oltre che dei sacchetti per la raccolta differenziata) di un porta cenere/cicche portatile?
    Non sarebbe più bella la nostra città /quartiere?

  9. Gli alberghi, ristoranti, rosticcerie, gelaterie, etc non dovrebbero fare già oggi la differenziata? Da quanto vedo non lo fatto ed intasano l’unico cassonetto per l’idifferenziata. Già oggi gli ispettori potrebbero andare nei punti commerciali e verificare se già all’interno gli scarti vengono selezionati e suddivisi secondo la loro tipologia (come faccio io a casa).
    Leggendo l’articolo non mi è chiaro come verrà effettuata la raccolta differenziata. A Milano e Bergamo, dove ho vissuto per anni, la raccolta differenziata viene fatta in due fasi, la prima all’interno del Condominio, in appositi cassonetti che poi vengono messi su strada nei giorni ed orari prestabiliti per il loro ritiro. Inoltre lo smaltimento viene effettuato in sacchi trasparenti e se c’è un errore il Condominio viene multato.
    Adotteremo il sistema Milanese/Bergamasco che sembra funzionare?

  10. a parte che concordo su SorChischotte, su RITIRO A DOMICILIO, per Margherita: l’ama- che un tempo aveva sia le apette che camion piu’ capienti- ha appaltato il servizio a ditte che hanno solo megacamion che non entrano in metà delle strade di roma. quindi considerano i ritiri -anche se i rifiuti sono portati sul marciapiede-in tutte queste strade un ritiro presso abitazione (e se ne può chiedere solo uno all’anno), e non un ritiro su piano strada (che si può chiedere 12 volte l’anno). trattasi di fregatura capitolina, tanto per cambiare

  11. Basta sentire tutte queste lamentele!!! Basta un minimo di buona volonta’ i centri raccolta sono aperti tutti i giorni dallle 7 ed e’ gratis. La differenziata con l umido la fanno in tutta italia e anche a monteverde e non e ‘ che l umido puzza in casa…. Questo accade solo se ci dimentica. O scegliamo di essere civili e facciamo un minimo di sforzo invece di bittare tutto nel cassonetto oppure questa citta diventera sempte piu una discarica a cielo aerto. Io penso che ci vogliano sanzioni salatissime e la ossibilita’ per chi vede coloro che abbandonano i rifiuti di denunciare!

  12. Paola, il fatto è che si richiede (giustamente) uno spirito civico ai cittadini e di contro AMA fornisce un servizio INCIVILE. A pagamento!

  13. Preferisco i cassonetti attuali. L’altro giorno ho vagato per chilometri, all’EUR, alla ricerca di un secchio per buttare una bottiglietta vuota d’aranciata. Alla fine mi sono arreso, sono entrato in un bar e l’ho buttata nel cestino del bar. La raccolta porta a porta, se non accompagnata da una capillare distribuzione di cestini a disposizione di turisti, passanti, ecc, può fare solo aumentare la spazzatura a bordo via. Una boiata, appunto. La differenziata con i cassonetti va benissimo così com’è. La rimpiangeremo.

  14. bene siamo felici …questo significa che verranno collocati in strada contenitori differenziati per la raccolta e non gli attuali cassonetti …o che verranno definiti dei giorni diversi ? e per gli esercizi pubblici bar ristoranti , in piazza Jacini ne abbiamo 4 che riempiono tutto ciò che c’è da riempire, come sarà organizzata? Si chiederà a costoro di comportarsi civilmente senza abusare come finora accaduto della pazienza di tutti coloro che abitano nelle adiacenze?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome