Home ATTUALITÀ Antenna Valle Muricana, Zotta (M5S): “Sui ritardi indaghi la Commissione Trasparenza”

Antenna Valle Muricana, Zotta (M5S): “Sui ritardi indaghi la Commissione Trasparenza”

zotta2.jpgRichiesto l’intervento della Commissione Trasparenza del XV Municipio sulla vicenda “antenna Valle Muricana”. L’iniziativa è di Teresa Zotta, consigliera M5S, che si è posta l’obiettivo di “cercare di far luce sui ritardi dell’Amministrazione che ormai si verificano con regolarità. Nel caso di Valle Muricana – sostiene – la questione ha dell’incredibile perchè i lavori sono stati scoperti quando erano quasi ultimati”.

“Qualcuno dovrà dare ai cittadini risposte concrete e spiegare perchè solo ora, a distanza di un anno si è messo in moto una macchina e, ci auguriamo, non sia un’azione tardiva. A ottobre del 2014 – ricorda Zotta – è stata presentata dal M5S e approvata dall’intero Consiglio una risoluzione con la quale si chiedeva al Presidente di impegnarsi con forza presso il Sindaco e la Giunta capitolina affinchè si sospendessero tutte le richieste di installazione in attesa del nuovo Regolamento.
Qualcuno dovrà spiegare ai cittadini che cosa è stato fatto, in che modo ci si è impegnati con forza presso il Sindaco, e non solo per questa di Valle Muricana. Qualcuno dovrà dire di chi sono le responsabilità se oggi c’è una corsa contro il tempo.”

“Nel frattempo aspetto fiduciosa che il Presidente della Commissione Trasparenza convochi la seduta. Ma contemporaneamente – conclude Zotta – rivolgo ai cittadini di Valle Muricana lo stesso appello che ho rivolto alla fine della seconda assemblea: capisco la rabbia e il senso di impotenza, ma cercate di agire sempre nella legalità.”

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. COORDINAMENTO DEI COMITATI DI ROMA NORD
    https://www.facebook.com/groups/159515930763550/ E-mail: cittadiniattivi@libero.it
    COMUNICATO STAMPA del 28 Febbraio 2015

    IL COORDINAMENTO DEI COMITATI DI ROMA NORD DENUNCIA L’INTENZIONE DEL GOVERNO ITALIANO DI ELEVARE FORTEMENTE I LIMITI DI ESPOSIZIONE DELLA POPOLAZIONE AI CAMPI ELETTROMAGNETICI PER UNIFORMARLI ALLE LINEE GUIDA DELL’ICNIRP (ASSOCIAZIONE PRIVATA CONSULENTE DELL’UNIONE EUROPEA) CHE STABILISCONO, RISPETTO ALL’ATTUALE LIMITE ITALIANO DI 6 VOLT/METRO PER I LUOGHI OVE LA PERMANENZA UMANA E’ ALMENO DI 4 ORE GIORNALIERE E CHE E’ IN VIGORE DAL 1998, I SEGUENTI VALORI:

    – FINO A 87 VOLT/METRO, CIOE’ UN LIVELLO FINO A 14.5 VOLTE PIU’ ELEVATO, PER LE FREQUENZE DELLE COMUNICAZIONI IN ONDE LUNGHE E DELLE EMISSIONI RADIOFONICHE IN ONDE LUNGHE, MEDIE E CORTE A MODULAZIONE D’AMPIEZZA.

    – 28 V/M, CIOE’ UN LIVELLO QUASI 5 VOLTE PIU’ ELEVATO, PER LE FREQUENZE DELLE COMUNICAZIONI E DELLE EMISSIONI RADIOFONICHE IN ONDE CORTE A MODULAZIONE D’AMPIEZZA, DELLE EMISSIONI RADIOFONICHE A MODULAZIONE DI FREQUENZA E DELLE EMISSIONI RADIOTELEVISIVE.

    – FINO A 61 V/M, CIOE’ UN LIVELLO OLTRE DIECI VOLTE PIU’ ELEVATO, PER LE FREQUENZE DELLE EMISSIONI RADIOTELEVISIVE E DELLA TELEFONIA MOBILE, FRA CUI QUELLE DELLA NUOVA GENERAZIONE (LTE), E DEI PONTI RADIO.

    Ricercatori istituzionali indipendenti, medici, fisici, biologi, ingegneri, associazioni nazionali e locali, fra cui il Coordinamento dei Comitati di Roma Nord, e comitati di Cittadini hanno costituito nei giorni scorsi una Task Force per ostacolare questa assurda intenzione, inviando una lettera aperta al Presidente della Repubblica, ai Presidenti del Parlamento, ai Deputati e ai Senatori, ai Deputati italiani del Parlamento Europeo, ai Presidenti delle Regioni e al Presidente dell’ANCI, con cui si diffida il Governo “dall’attuare il rilassamento degli attuali livelli di protezione della popolazione dai campi elettromagnetici a radiofrequenza e microonde, in quanto la normativa italiana attuale è già adeguata alla Raccomandazione 1999/519/CE dell’Unione Europea.”
    E ciò anche in considerazione del fatto che l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro (IARC) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, a Maggio del 2011, ha classificato la radiofrequenza come “possibile cancerogeno per l’Uomo”, smentendo che esistano soltanto effetti termici sui quali si basano le linee guida dell’ICNIRP. Tuttavia, sono emerse in poco tempo nuove evidenze scientifiche del rischio cancerogeno: uno studio epidemiologico svedese1 e uno studio francese2, entrambi del 2014, concludono che la radiofrequenza dovrebbe essere classificata come “cancerogeno certo per l’Uomo” e che gli effetti dell’esposizione a radiofrequenza sono cumulativi.
    Una ricerca scientifica del 20103 sull’applicazione del Principio di Precauzione, indagando la questione dei campi elettromagnetici e altri fenomeni, ha concluso che “Gli scienziati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità e della Commissione Europea non si basano sul principio di precauzione quando stilano un rapporto sui rischi per la salute”, sostanzialmente perché si basano solo sulla certezza del rischio invece di tenere in considerazione le prove di un rischio possibile, che è quanto andrebbe fatto per osservare il Principio di Precauzione sancito dall’Unione Europea all’atto della propria costituzione.
    Inoltre, la lettera aperta della Task Force chiede, fra i vari interventi urgenti a tutela della salute pubblica, ed in particolare quella dei soggetti più esposti come i bambini, gli adolescenti, gli ammalati e gli anziani, la totale abrogazione dell’Art. 14, comma 8, del d. l. 179/12, noto come “Decreto Sviluppo bis”, convertito in legge dall’art. 1 della Legge 221/12, al fine di riportare la misurazione dei campi elettromagnetici su una media di 6 minuti anziché di 24 ore e il calcolo previsionale dell’impatto elettromagnetico degli impianti di telecomunicazioni alle regole esistenti prima del suddetto decreto.

    Infatti, con la media delle misure nelle 24 ore è stato già praticamente aggirato il rispetto dell’attuale limite di 6 Volt/metro, in quanto le sorgenti elettromagnetiche con livelli di emissione non costanti, ed in particolare quelle della telefonia mobile e delle trasmissioni radiofoniche in modulazione di ampiezza sovranazionali ed intercontinentali, come la Radio Vaticana, possono superare tale limite per una considerevole parte della giornata, salvo rientrare nel suddetto limite grazie all’abbassamento del livello delle emissioni nelle rimanenti ore. Già oggi, grazie a quel decreto del 2012, ad esempio, è possibile mantenere per 1 ora, o 12 ore o 18 ore il livello del campo elettromagnetico rispettivamente a circa 29 V/m, 8 V/m e 7 V/m e, per la restante parte della giornata, a circa 1 V/m, cioè rispettivamente per 23, 12 e 6 ore.
    Se il Governo confermasse le proprie intenzioni sul rilassamento dei limiti di esposizione e contemporaneamente mantenesse il metodo di misura nelle 24 ore, la situazione diventerebbe catastrofica. Ad esempio, teoricamente, in 1 ora il livello di esposizione potrebbe rimanere costante a 420 V/m, a 290 V/m e a 117 V/m, rispettivamente nei casi di limite a 87 V/m, 61 V/m e 28 V/m, per poi mantenersi a circa 15 V/m nelle altre 23 ore della giornata. In questo caso verrebbe violata anche la Raccomandazione 1999/519/CE dell’Unione Europea. Ovviamente, gli esempi di scenari di esposizione della popolazione a livelli elevati di campo elettromagnetico possono essere infiniti.

    Hardell L. e Carlberg M., Mobile phone and cordless phone use and the risk for glioma – Analysis of pooled case control studies in Sweden, 1997–2003 and 2007–2009, in Pathophysiology, pubblicato online il 28 ottobre 2014.
    2 Coureau G. et al., Mobile phone use and brain tumours in the CERENAT case-control study, Occup. Environ. Med. doi:10.1136/oemed-2013-101754.
    3 Dämvik M. e Johansson O., Health Risk Assessment of Electromagnetic Fields: A Conflict between the Precautionary Principle and Environmental Medicine Methodology, Reviews on Environmental Health, Volume 25, No. 4, 2010.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome