Home ATTUALITÀ XV Municipio, Ottavi: “2 marzo presentazione ricerca scuola e plurilinguismo”

XV Municipio, Ottavi: “2 marzo presentazione ricerca scuola e plurilinguismo”

ottavi.JPGLo scorso 21 febbraio è stata festeggiata la “Giornata Mondiale della Lingua Madre”, istituita dall’UNESCO nel 1999 per promuovere la diversità linguistica e culturale e il multilinguismo. In tal senso, lunedì 2 marzo, l’associazione “Focus – Casa dei Diritti Sociali”, con il patrocinio del XV Municipio, presenterà i risultati della ricerca “Scuola e Plurilinguismo. Percorsi di inte(g)razione” realizzata negli istituti scolastici del municipio.

La ricerca verrà presentata lunedì 2 marzo alle ore 15, nella Sala Consiglio del XV Municipio in via Flaminia 872.

“Obiettivo della ricerca  – spiega l’Assessore alle Politiche Sociali del XV Municipio Michela Ottavi – è stato quello di analizzare il rapporto dei minori plurilingue con la propria lingua madre, in un territorio caratterizzato da una complessa articolazione sociale e culturale. Il Municipio XV, infatti, è il secondo di Roma per presenza di cittadini stranieri residenti, che si attesta al 19,2% della popolazione totale. L’ampio lavoro di ricerca, sviluppato nel corso di un anno, ha coinvolto un campione di oltre seicento unità tra alunni (dai 6 ai 18 anni), famiglie e insegnanti.”

“Si tratta di uno strumento di estrema utilità per il Municipio e per le strutture scolastiche ai fini dell’inclusione sociale dei cittadini stranieri e dei tanti studenti di seconda generazione, nati in italia da genitori immigrati, per fornire risposte sempre più adeguate alla realtà del nostro territorio. Ringrazio l’associazione Focus – Casa dei Diritti Sociali – conclude Ottavi – per l’importante lavoro realizzato e ringrazio inoltre gli insegnanti, gli alunni e i genitori che hanno partecipato a questa ricerca”.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Cara Signora, spero che l’integrazione vada di pari passo alla stretta osservanza della legge italiana.
    Molti stranieri sono irregolari, molto di loro vivono in loculi (sfruttati da italiani) molti di loro non hanno alcun impiego (vedi trans …)…. riusciamo ad essere un paese civile sanando queste situazioni di degrado assoluto?
    Grazie.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome