Home ATTUALITÀ Ponte Milvio, multidisservizi alla Malvano

Ponte Milvio, multidisservizi alla Malvano

malvano240.jpgI genitori della scuola primaria Malvano, a Ponte Milvio, lo scorso fine settimana hanno destinato tempo e risorse alla pittura delle aule dei loro figli e di certo non si aspettavano di trovare la scuola nelle condizioni igieniche in cui invece era: disastrose. E definirle disastrose forse è ancora poco.

L’incarico dei lavori era stato assegnato ad una piccola impresa di ristrutturazione, i cui operai erano coperti da regolare assicurazione professionale. Molti genitori si sono mobilitati già all’alba del primo giorno per smantellare armadi e scaffali e per rimuovere chiodi e puntine dalle pareti. Sin dal momento della rimozione di banchi, sedie e mobili, le condizioni igieniche delle aule si sono rivelate spaventose.

Il lavoro di verniciatura di dieci classi è stato completato in poco più di ventiquattr’ore e al termine del secondo giorno i genitori erano pronti per le pulizie finali, il montaggio degli armadi e il riordino delle suppellettili. Quest’ultima parte del lavoro si è rivelata più complessa e lunga del previsto per le difficoltà incontrate nel rimuovere sporco e detriti da finestre, mobili e pavimenti.

La scuola sembrava non aver mai conosciuto un passaggio di pulizie da anni.

Nei vani sotto i banchi, dietro le mensole e sotto i mobili era presente immondizia di ogni sorta; negli armadi e sulle scaffalature di alcune aule sono stati rinvenuti resti di cibo, giochi rotti, carta, indumenti sporchi e dimenticati da tempo, colla e colori a tempera liquida essiccati, lavoretti realizzati per le varie festività lasciati ad ammuffire, bottiglie di plastica vuote e sporche.

Tutto, cibo e detriti, era coperto da uno spesso strato di polvere e lanugine, compresi i libri che dovevano comporre le biblioteche di classe.

collage5.jpg

Le famiglie, ben consapevoli del fatto che oggetti e rifiuti erano stati lasciati nelle classi dai bambini nel corso del tempo, si chiedono ora quali siano i doveri della società Multiservizi SpA, che da molti anni si assicura l’appalto per la pulizia degli edifici scolastici comunali e che dovrebbe garantire igiene e sicurezza in tutti i plessi – igiene pagata a caro prezzo dai cittadini e dal Comune (circa 30 milioni più 13 milioni di servizi aggiuntivi per il contratto annuale) e di cui, stando a quanto fortuitamente appurato in questa occasione, non c’è ombra nella Malvano.

I genitori hanno quindi fatto richiesta di visionare il capitolato di gara riguardante l’appalto aggiudicatosi dalla Multiservizi SpA e si riservano di rivalersi sulla stessa società per le condizioni igieniche disastrose in cui è stata trovata la scuola. La società apparirebbe infatti inadempiente per quel che concerne l’erogazione del servizio di pulizia; qualsiasi prestazione preveda il capitolato di gara, il loro intervento appare insufficiente e inadeguato alla metratura e alla struttura della scuola.
I genitori si aspettano di avere sostengo in questa azione sia dalla dirigenza scolastica, sia dall’amministrazione municipale.

Interpellato infatti via mail dai consiglieri dell’Istituto Comprensivo Goffredo Petrassi, di cui la scuola Malvano fa parte, il presidente del Municipio XV Daniele Torquati ha risposto via facebook assicurando che effettuerà personalmente un sopralluogo pressa la scuola, concordandolo preventivamente con il dirigente scolastico Anna Lombardi, per visionare il lavoro svolto dai genitori durante il fine settimana ed accertarsi circa le condizioni igieniche del plesso.

Susanna Buffa

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome