Home ARTE E CULTURA Arte&Intercultura in Concerto al J.P. Velly di Formello

Arte&Intercultura in Concerto al J.P. Velly di Formello

logo_liberipassi.jpgL’Associazione Culturale Liberipassi, con il Patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio e in collaborazione con il Comune di Formello, FederArteRom e Amnesty International, organizza l’evento “Arte&Intercultura in Concerto” che si svolgerà venerdì 12 dicembre alle 21 nel Teatro J.P.Velly di Formello.

Lo rende noto l’Associazione spiegando in un comunicato che “sul palco si riuniranno musicisti, pittori, fotografi, poeti in uno scambio continuo di esperienze visive e sonore. Musicisti Rom, insieme ad altre identità culturali, uniti per lanciare un messaggio di trasformazione, intesa come accettazione delle differenze per costruire insieme una vera società multietnica.”

“È prevista la partecipazione di: Alexian Santino Spinelli, Rom italiano, docente e musicista di fama internazionale che con l'”Alexian Group” tiene numerosi concerti di musica in Italia e all’estero; Marco Cinque, scrittore, fotografo, musicista, che attraverso i linguaggi dell’arte veicola tematiche sociali e ambientali; Giuseppe Natale, musicista e compositore che nel suo percorso artistico ha lavorato nei settori più disparati, dal musical con Antonella Steni, al teatro con Carmelo Bene, alla musica leggera con Tony Esposito; Paola Cucchi, artista, mosaicista e restauratrice, che proietterà la sua mostra “Volti e balli del Mediterraneo”; Barbara Giampietri, fotografa e artista, che presenterà alcuni immagini della sua mostra “Sulla scia della carovana”, viaggio fotografico all’interno della cultura e delle tradizioni Rom; Caterina Cucchi, illustratrice e pittrice che racconterà l’interazione, dipigendo dal vivo sulle musiche dell’Alexian Group.”

“Ospiti della serata saranno Massimo Cinque, autore televisivo, Agim Saiti, scrittore e poeta, Vasco Chironda, coordinatore Campagne della sezione italiana di Amnesty International. Lo spettacolo sarà presentato dal giornalista e radiocronista RAI Riccardo Cucchi.”

“Il progetto – spiega ancora l’Associazione – nasce dalla convinzione che lo scambio e la conoscenza siano l’unico mezzo per superare le barriere etniche e per creare una vera integrazione tra i popoli, che non deve essere intesa come prevaricazione, ma come accostamento di culture diverse che insieme, mantenendo le proprie caratteristiche, contribuiscano alla creazione di una società migliore fondata sul rispetto e sulla individualità di ognuno. Ed è proprio attraverso l’arte, il modo più diretto e immediato per conoscere un popolo e le sue tradizioni, che si intende raggiungere tale obiettivo.”

Per info: Associazione Culturale Liberipassi, telefono 3203336570, email liberipassi1@gmail.com

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome