Home ATTUALITÀ Tutte le sfumature di Dee Dee Bridgewater all’Auditorium

Tutte le sfumature di Dee Dee Bridgewater all’Auditorium

dee-dee240.jpgMartedì 25 novembre, con inizio alle ore 21, la Sala Sinopoli dell’Auditorium Parco della Musica ospiterà l’attesissimo concerto di Dee Dee Bridgewater. Accompagnata da una eccellente band di cinque elementi, l’intensa interprete di Memphis spazierà fra il jazz e il soul, fra la canzone d’autore e il rhythm & blues.

Un sorriso aperto sul mondo, gli occhi che scintillano come pietre preziose, un’eleganza e una classe innate. Non ha certo bisogno di fronzoli o di trucchi, Dee Dee Bridgewater da Memphis, Tennessee. A lei basta la sua voce per creare un ponte sopra le acque agitate dell’esistenza.

Quando il corpo è in profonda sintonia con l’anima, quando hai una voce che è in grado di intendere e di trasmettere le mille sfumature dello spirito, è inevitabile che il tuo destino sia quello del palco, il luogo che, a prescindere dalle mode e dagli effetti speciali, è deputato a costruire i ponti e abbattere muri; il posto in cui la natura umana si svela nella sua profondità e con le sue alchimie, aldilà e al di sopra della vita problematica di tutti giorni.

Non è stata profeta in patria, la signora Dee Dee, almeno al principio. È la Francia che l’ha accolta e lanciata all’inizio degli anni ottanta, nonostante le collaborazioni eccellenti che aveva collezionato negli States.

Costruisce i ponti e abbatte i muri, la signora. E il pubblico lo ho capito, lo capisce, prima in Europa e poi dappertutto, anche prima e meglio di quelli che chiamiamo “gli addetti ai lavori”, che sovente si riconoscono fra gli spettatori perché hanno l’aria annoiata e la puzza sotto il naso.

dee-dee470.jpg

Dee Dee Bridgewater padroneggia un repertorio vastissimo, che va dal jazz al soul, dalla canzone d’autore al rhythm & blues. La sua voce (la sua anima) ha resistito alle aggressioni del tempo e dei tempi. Quando si esibisce, quando fa vibrare l’aria mutandone la natura e la qualità, va a pizzicare le corde più intime dell’anima, crea una connessione profonda con il pubblico, ed è capace di cambiare le espressioni degli spettatori perché ne accorda il respiro al respiro misterioso dell’universo.

Accompagnata da Theo Croker (tromba), Irwin Hall (flauto e sassofoni), Sullivan Fortner (pianoforte), Eric Wheeler (contrabbasso) e Kassa Overall (batteria), la signora di Memphis, Tennessee, è pronta ancora una volta a sorprenderci, a offrirci attraverso le mille sfumature della sua anima un tesoro inestimabile: la riscoperta delle mille sfumature della nostra anima.
Vi pare poco?
Per acquistare i biglietti, potete cliccare qui.

Giovanni Berti

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome