Home ATTUALITÀ Asl Roma E: “Acqua e arsenico Roma Nord, no a inutili allarmismi”

Asl Roma E: “Acqua e arsenico Roma Nord, no a inutili allarmismi”

asl-roma-e.jpg“In relazione alle recenti notizie apparse in merito all’ordinanza del Sindaco di Roma Capitale relativa al divieto di utilizzo dell’acqua proveniente dagli acquedotti rurali ARSIAL, il Direttore Generale della ASL Roma E, Angelo Tanese, invita ad evitare inutili e infondati allarmismi. L’Azienda sta procedendo ad effettuare tutti gli approfondimenti di competenza necessari, anche sulla base delle comunicazioni di altre Istituzioni, al fine di tutelare al massimo la salute dei cittadini.” Lo comunica l’Ufficio Stampa Asl Rm E.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. Inutili allarmismi? la chiusura degli acquedotti Arsial è avvenuta sulla base di analisi condotte sempre da una ASL (la RM C) in forza della presenza di inquinamento sia chimico (arsenico ) che batteriologico dell’acqua fornita dagli acquedotti Arsial. L’arsenico è dunque solo uno dei problemi riscontrati. A questo si aggiunga la successiva notizia che le reti di distribuzione idrica dell’Arsial, realizzate negli anni cinquanta, potrebbero essere state realizzate in cemento amianto. Forse su quest’ultimo aspetto è giusto non creare “inutili allamirmi” come sostiene il direttore Tanese non essendoci ancora riscontri oggettivi, ma rimane il fatto che ci sono invece elementi oggettivi sui parametri non norma relativamente all’inquinamento chimico e batteriologico, a meno che il Dr Tanese non ritenga di smentire la validità delle analisi di un’altra ASL e la successiva Ordinanza Sindacale.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome