Home ATTUALITÀ Prima Porta, Marino: “Nel futuro più idrovore e fisse”

Prima Porta, Marino: “Nel futuro più idrovore e fisse”

Intervenuto ai microfoni di Radio Città Futura, il Sindaco di Roma, Ignazio Marino, traccia un primo bilancio dei danni provocati dalle piogge dei giorni scorsi e annuncia interventi d’emergenza della giunta capitolina. “Dieci milioni di euro sono pochissimi, noi calcoliamo i danni in centinaia di milioni” precisa subito rispondendo alla prima domanda ed esemplificando le necessità con alcuni episodi.

“I danni sono immensi, basta pensare alla collina di Piazza Giochi Delfici che è franata sull’Olimpica” sostiene il sindaco commettendo però un grossolano errore perché la frana è avvenuta in via Cassia Antica “e soprattutto a quanto accaduto a Prima Porta dove il rischio allagamenti esiste ed esisterà e dove dovremo quindi mettere delle idrovore fisse oltre a preoccuparci con urgenza del rifacimento del manto stradale”.

E proprio per il manto stradale il sindaco annuncia che è stato deciso di ingranare una marcia in più. “Nella riunione di giunta di ieri abbiamo valutato l’ipotesi di derogare anche al patto di stabilità con senso di urgenza: certamente è il lavoro che svolgeremo questa settimana e nelle prossime, in modo che ci sia davvero un piano di manutenzione straordinaria”.

Quanto alle priorità per la città di Roma, ai microfoni di Radio Città Futura ha così concluso: “sono le stesse della Giunta del 7 di gennaio: manutenzione della nostra città e interventi strutturali per migliorare viabilità e trasporto pubblico. E’ cambiato il senso di urgenza, ma all’interno di questa drammatica situazione avremo la possibilità di derogare a degli accordi nazionali che non ci permettevano di avviare degli investimenti importanti come quello di un grande piano di manutenzione delle nostre strade”.

Visita la nostra pagina di Facebook

14 COMMENTI

  1. SOTTO-MARINO MA ‘NDO VIVI ANCORA A GENOVA ???
    …” la collina di Piazza Giochi Delfici che è franata sull’Olimpica….”
    Abbi almeno il buongusto di informarti prima di parlare !!!!

  2. ….Via Cassia, Caro Sindaco, NON Via Olimpica, Via Cassia…..C-A-S-S-I-A….una “stradina” consolare costruita dai Romani (quelli antichi, non quelli appena arrivati..) che collega Roma a Firenze….

  3. RENDETEVI CONTO, VOI CHE L’AVETE MESSO LI’, RENDETEVI CONTO DELL’INSIPIENZA DI QUEST’UOMO .. LA COLPA NON E’ SUA… MA SOLO VOSTRA, AVETE ELETTO IL PEGGIOR SINDACO CHE QUESTA CITTA’ HA MAI AVUTO.

  4. @Nico Ferri.

    diciamo che fino ad ora visto come ci hanno ridotto nessun sindaco e’ stato all’altezza.nessuno e pure da parecchio tempo, diciamo una ventina di anni.

  5. NON ci sono scusanti per nessuno..nè di destra nè di sinistra…l’anno scorso di questi tempi eravamo ostaggi in casa a causa della neve..per giorni e giorni..e la neve ce la siamo dovuti spalare da soli ..sia nelle periferie che in centro..solo a Cesano si è risolta in pochi giorni perchè è arrivato il sindaco Alemanno e si sono dati da fare..c”era l’esercito a ripulire le strade..ma solo lì..quindi di cosa parliamo..destra sinistra..sindaco che conosce Roma o meno..uguale ..stessa storia..non sanno gestire o non vogliono..Roma è la capitale d’Italia non un paesino sperduto tra le montagne di 100 abitanti..ci vuole volontà, abnegazione, competenza…ma soprattutto una persona che affronta la città ogni giorno, non dentro un auto blu e derivati, ma alzandosi la mattina alle sei e andando al lavoro con i mezzi pubblici e a piedi.così ha tutto il giorno..tutti i giorni per vedere cosa è la vita di un normale cittadino

  6. @ Sig. Stefano

    diciamo che , a parte la parentesi di centrodestra, se nessuno è stato all’altezza,ma non da 20 anni, molto molto di più… può ascrivere le colpe ad una specifica parte politica, che per decenni ha vandalizzato la più bella città del mondo.

  7. Si tratta di un errore che poteva fare chiunque in considerazione dell’entità dei danni che ha subito Roma; il problema è un altro. Se cercate su Internet i programmi di questi Signori (da Marino a Zingaretti) troverete documenti di oltre 100 pagine pieni zeppi di buoni propositi e promesse che NESSUNO potrà mai mantenere: “Sanità più vicina alle persone, libertà di muoversi, la rivoluzione amministrativa, riforma dei servizi sociali, gestione dei rifiuti…………..”. Chi si candida a governare una Regione o una Città come Roma dovrebbe capire che non si possono ingannare nè illudere i cittadini. Dovrebbe anche essere una persona determinata e di polso lontano dai ricatti dei partiti e delle lobbies. Un Sindaco come ha avuto nel passato la citta di NY. Siamo ben lontani da tutto questo è perciò la confusione di Marino fa solo sorridere……i danni di questo paese invece no.

  8. Le considerazioni negative su Marino non possono limitarsi ad un errore che, anche se rappresenta un’assoluta non conoscenza della Città e delle sue problematiche, è da considerarsi uno “scivolone”…
    Il giudizio negativo parte dal suo operato fin dai primi giorni del suo insediamento: basta limitarsi a dare uno sguardo sulle nomine fatte dal Sindaco Marino per Polizia Municipale, (Vigili in sciopero e Comandante dimessosi dopo 3 giorni); AMA (Presidente indagato per traffico di rifiuti e disastro ambientale, dimessosi anche lui) ATAC (nominato un dirigente, condannato in primo grado a 3 anni e 6 mesi per omicidio colposo plurimo e disastro ferroviario, per finire alla nomina della sua segretaria particolare del Trentino a Coordinatrice della Giunta Capitolina…. e si potrebbe andare avanti per molto.
    E’ un Sindaco che non è all’altezza della Capitale d’Italia.

  9. @Nico Ferri

    mi sembra che io non abbia salvato nessuno.nessuno.perche purtroppo non e’ da salvare nessuno.se ci ritroviamo nello stato di cose attuali e’ dovuto al comune modo di vedere le cose.hanno governato entrambi ed entrambi hanno prodotto solo il bene di se stessi e dei loro amicetti di merende.12 miliardi di buco senza nessun responsabie, con la connivenza anche del centrodestra farebbe gridare non un popolo ma una rivoluzione di popolo.ed invece ci sono le frane e gli allagamenti, le parentopoli e la monnezza.veramente da libro cuore.volemose bene.

  10. Ma quando capiranno gli italiani che il paese e la sua capitale sono falliti? Quando alla fine arriverà il prelievo forzoso sui conti correnti?

  11. @ Stefano,mi scusi da devo correggerla : quei 12 miliardi di euro di debito sono la grossa eredità lasciata dai governi di centrosinistra che si sono susseguiti in 70 anni. Il primo governo della città di centrodestra ha provveduto a non fallire il comune e , di concerto con le banche, ha fatto un piano di rientro da tale smisurato debito. L’errore del centrodestra è stato quello di non far capire ai romani il risanamento attuato. Ora Marino in meno di un anno ha ricominciato a macinare debiti su debiti… come già dicevo, ogni popolo ha il capo che si merita : avete voluto il sindaco in bicicletta (o pattino…) adesso PEDALATE.

  12. @ Sig.ra Dina, ma che scandalo !!!! due anni fa (non lo scorso) ha dovuto togliere la neve davanti casa… ma guardi un po’!!! a me sembra una cosa NORMALISSIMA… Se fa discorsi così insipidi (mi scuso anzitempo) forse non ha percepito la gravità di ciò che è accaduto : qui non si tratta di qualche giorno che lei o io siamo dovuti restare a casa per causa della neve (guardi che accade anche a New York) , QUI C’E’ GENTE CHE HA PERSO TUTTO…

    P.S. : condivido quanto scritto dall’ex assessore Perina, e leggendo altri commenti capisco perché ci ritroviamo questo primo cittadino …

  13. Lo sapete cosa è la Delibera 91? No? Allora ve lo spiego io: la Delibera 91 votata dalla Giunta Marino e che riprende una precedente delibera della Giunta Alemanno autorizza per un anno i costruttori ad avere titoli abitativi anche senza aver realizzato le opere primarie (luci,acqua, fogne, allacci alla viabilità……). La delibera è stata votata alla vigilia di Natale da PD e PDL (contrari 5 Stelle – astenuti SEL).
    Avete capito cosa fanno!!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome