Home ATTUALITÀ Teatro Cassia, fiato sospeso alla finale di “musica giovani e palcoscenico”

Teatro Cassia, fiato sospeso alla finale di “musica giovani e palcoscenico”

Venerdì 11 ottobre, spettacolo di giovani prodigi al Teatro Cassia per la premiazione del concorso-rassegna di musica e arti figurative “musica giovani e palcoscenico”. Giunto ormai alla sua terza edizione, il concorso è animato da ragazzi d’età compresa fra i 5 e i 22 anni residenti nel territorio del XV Municipio che si esibiscono chi nel settore musicale, chi nella sfera dell’arte figurativa. Di un totale di centottanta schede d’iscrizione, poco più di trenta sono stati i giovani selezionati e che hanno avuto l’occasione di salire sul palco.

Alle ore 20, al cospetto di una giuria d’eccezione e di un pubblico estasiato, lo spettacolo ha inizio.

I ragazzi si succedono sul palco senza interruzione, il fiato è sospeso, l’emozione è tangibile. Ci sorprendono i bambini con la loro formidabile capacità di gestire le emozioni, i più grandi con le loro voci calde e grintose; è un susseguirsi di giovani volti e bella musica e il pubblico è sempre più coinvolto.

Si sentono bambini di appena 7 anni che giocano con le loro manine sul piano con una naturalezza imbarazzante, bambine con voci da donna e ragazze che si muovono sul palco come se lo facessero da anni. C’è chi alle domande poste dalla direttrice artistica del Teatro, Sonia Costantini, risponde un po’ impacciato e chi fermamente sostiene che la musica sia la sua ragione di vita.

Si inizia con le note lente di “Albachiara”, si prosegue con sonatine per pianoforte e si alternano vecchie canzoni italiane con evergreen come “Think” di Aretha Franklin; sempre al piano ascoltiamo la Barcarola e Il canto del pescatore, si suona musica per flauto traverso, musica pop contemporanea e infine si assiste addirittura all’esibizione di una band di giovanissimi , i The kids are all right. Insomma i ragazzi sono tanti e i generi sono i più disparati.

Tra il pubblico rapito c’è anche chi, oltre a godersi lo spettacolo, dovrà dare un verdetto. Sono i componenti della giuria. Una giuria di esperti del settore tra cui spiccano i nomi di Franco Bixio, Pippo Franco e poi Fedeli, Costantino, Bernardi, Fiorini, Minghi, Gerardi, Proietti.

Piano piano che si va avanti con le esibizioni le scelte diventano sempre più difficili fino a che non si arriva alla fine dello spettacolo e ora è il momento dei vincitori.

Viene chiamato sul palco Alessandro Cozza, Assessore alla Cultura del XV Municipio, che come preambolo alla premiazione ringrazia tutti i ragazzi che hanno partecipato al concorso e sottolinea come oltre alla passione, anche la preparazione dei giovani è ammirevole.

“Ognuno dei ragazzi che ha partecipato meriterebbe un premio” dice, e ” in veste di Assessore alla Cultura ci tengo particolarmente a questa iniziativa, un format proposto da me e da un altro consigliere già tre anni fa. Una manifestazione pensata per coinvolgere i ragazzi più o meno giovani e permettere di mettere alla prova le loro capacità artistiche con l’opportunità di farsi conoscere dagli esperti del settore”.

Per la sezione arte figurativa, i premi vengono consegnati a Flaminia Scacchi e Giulia Casari dalla pittrice Cinzia Cotellessa. L’esposizione delle opere figurative era già accessibile nell’arco dell’intera giornata e le vincitrici sono state premiate con cavalletti e colori da disegno offerti dalla Cartolibreria Velitti.

È il momento di premiare la sezione musicale e viene invitato sul palco anche il cantautore Saverio Gerardi.

Il momento di sapere i vincitori è arrivato e viene chiamata la prima classificata Aurora Marcelli che ha cantato “Guarda stelle” di Bungaro, seconda classificata Ilenia Bentrovato con “When a man loves a woman” di Percy Sledge, terza classificata Giulia Lanzaroti con “Canto anche se sono stonato”.
Per il premio piccoli vince Emma Bonacina che ha suonato al piano il “Can Can”.

Infine Saverio Gerardi offre un premio speciale a 5 ragazzi ai quali propone uno stage per un corso formativo al Music Lab Studio che ha come scopo quello di aiutarli a trovare il giusto timbro vocale, fare il giusto investimento sull’artista piccolo, medio, grande che sia; e che alla fine dell’anno rilascia un cd per vedere il corso formativo che i ragazzi hanno fatto e le esperienze messe in pratica.
Vincono i posti per lo stage Maria Oliviero, Aurora Marcelli, Giulia Lanzaroti, Idilio Miraglia, Isabelle Paparoni.

La serata termina con successo, tra i sorrisi compiaciuti dei ragazzi e la soddisfazione dei loro genitori. Un’occasione perfetta per uscire dall’isola incantata della musica e crescere, confrontarsi con il pubblico, con la propria timidezza e con le proprie emozioni.

Anna Garbarino

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

  1. i miei figli desideravano partecipare al concorso dell’11 ottobre, abbiamo inviato 4-5 email, ho chiamato il Teatro a tutte le ore di giorni diversi, sono passata un paio di volte senza mai trovare aperto. ci sono stata dietro per 2 settimane senza mai ricevere una risposta da parte di qualche organizzatore! mi domando come si facesse a iscriversi??

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome