Home ATTUALITÀ Auto blu, in vendita su e-Bay quelle del Campidoglio

Auto blu, in vendita su e-Bay quelle del Campidoglio

auto-campidoglio.JPGCambiano i tempi e la Pubblica Amministrazione si adegua. Farà un certo effetto a quell’utente di e-Bay, la più potente macchina da guerra on-line in termini di compravendita, interessato all’acquisto di una lussuosa Lancia piuttosto che di una potente Alfa Romeo vedere che il bonifico dovrà intestarlo al Comune di Roma, anzi per esser più precisi a Roma Capitale. Penserà ad un errore. E invece no, da ieri il Campidoglio è sbarcato su e-Bay.

Da lunedì 30 settembre, sulla piattaforma internet numero uno degli acquisti all’asta, sono state infatti messe in vendita tre auto, di proprietà del Comune, che non vengono più utilizzate.

E anziché ricorrere al classico annuncio “AAA vendesi….” da mettere su Porta Portese, l’amministrazione capitolina le ha messe all’asta. Un’asta a rilancio, che sarà aggiudicata all’acquirente che presenterà entro il decimo giorno dalla pubblicazione dell’avviso su e-Bay, cioè entro il 10 ottobre, l’offerta economicamente più alta rispetto al prezzo base.

Prezzo base che appare bassissimo. Si tratta infatti di una Lancia Kappa del 2000, con 174mila km alle spalle,  a 450 euro; di una Lancia Thesis del 2004, ben 3200 cc e 140mila km percorsi, a 580 euro; e di una Alfa 166 del 2004, con cerchi in lega che hanno girato per 103mila km, a 420 euro.

Prezzi, come specifica il Campidoglio, che sono stati determinati “sulla base del valore ricavabile dalla vendita del singolo bene come materiale ferroso”.
Detta così la notizia, la domanda sorge spontanea (diceva un noto giornalista e conduttore televisivo): mica saranno dei ferrivecchi?

In ogni caso sono prezzi che appaiono allettanti anche se, essendo l’asta a rilancio, sono destinati a lievitare chissà quanto.

L’acquirente sappia però che al prezzo finale non verrà applicata alcuna tassa: questa vendita è esente IVA. E di questi tempi, con l’imposta che proprio oggi è scattata al 22%, non è una brutta notizia.

Adriano Bonanni

.

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome