Home ATTUALITÀ XV Municipio, Pandolfi (PdL): “Sinistra lassista sottovaluta problema nomadi”

XV Municipio, Pandolfi (PdL): “Sinistra lassista sottovaluta problema nomadi”

Un’accesa discussione sui nomadi e sul rischio che l’ex campo di via del Baiardo a Tor di Quinto venga nuovamente occupato, ha impegnato il Consiglio del XV Municipio che nella giornata di mercoledì 31 luglio ha affrontato il problema, posto dal consigliere PdL Giuliano Pandolfi,  di istituire un presidio fisso di Polizia Municipale a tutela dell’area. Ma il dibattito e le decisioni assunte non sono andate nel verso sperato dal proponente che così stigmatizza la vicenda in una nota diffusa a valle della seduta.

“Con la sinistra per la prima volta al governo del XV Municipio, assistiamo ad un pericoloso lassismo sul tema nomadi e con esso, ad una preoccupante sottovalutazione del fenomeno. Nel Consiglio del XV Municipio di mercoledì 31 luglio il gruppo del PDL, alla luce dei recenti e numerosi casi di di ritorno dei nomadi nei campi abusivi chiusi dall’ultima giunta capitolina di centro destra, ha proposto l’istituzione di un presidio di sicurezza nell’ex campo di Tor di Quinto, proprio per scongiurare un possibile ritorno dei rom nell’area. Ricordo – aggiunge Pandolfi – che l’ex campo di via del Baiardo, considerato uno dei più pericolosi della Capitale, ubicato a poca distanza dal luogo in cui avvenne l’omicidio di Giovanna Reggiani, fu chiuso per iniziativa delle giunte Giacomini-Alemanno circa un’anno fa.”

“E’ evidente – sostiene il consigliere concludendo – che opponendosi alla nostra proposta la maggioranza di centro sinistra PD-SEL ha mostrato una pericolosa sottovalutazione del problema che ci riporta con la memoria agli anni di Rutelli e Veltroni, anni nei quali Roma si è fatta ricordare all’estero non per le proprie bellezze archeologiche ma per il fatto di ospitare il più grande campo nomadi d’Europa, il Casilino 900, fortunatamente chiuso nel 2010 da Gianni Alemanno.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome