Home ATTUALITÀ Nidi e materne del XV, ne parla l’assessore Cozza

Nidi e materne del XV, ne parla l’assessore Cozza

asilonido.jpgFra poco più d’un mese frotte di bambini dai zero ai cinque anni faranno il loro ritorno nei nidi e nelle materne comunali. Ma altrettante frotte si dirigeranno verso le private o, quel che è peggio, resteranno a casa. Ne parliamo con Alessandro Cozza, neo assessore alle Scuole del XV Municipio.

Alessandro Cozza, 25 anni, è l’assessore più giovane della Giunta Torquati. Laureato in Scienze Politiche, eletto con 547 voti di preferenza è al suo secondo mandato. Le responsabilità affidategli dal presidente del Municipio non sono da poco: oltre alla a Trasparenza e Partecipazione, si dovrà occupare di Cultura, Sport e soprattutto delle Scuole. Tema, quest’ultimo, da tempo sempre molto delicato.

Con un breve botta e risposta, lo abbiamo intervistato proprio su quest’argomento.

“Sono passati poco più di venti giorni da quando ho ricevuto la nomina ad assessore alla scuola del nostro Municipio ed in questi settimane ho cercato di farmi un quadro il più chiaro possibile della situazione” ci dice come premessa alle nostre domande spiegando che quello che più gli preme “è dare il via da subito ad un rapporto diretto con i cittadini instaurando con loro una sana collaborazione che sia anche di di aiuto reciproco.”

Nidi e materne municipali: a settembre 2013 entreranno tutti quelli che hanno fatto domanda? Purtroppo no, la situazione di tutta Roma si riflette anche nel nostro Municipio dove il dato più drammatico che emerge resta quello delle liste d’attesa. Per la scuola dell’infanzia, chiamate anche materne, le strutture scolastiche municipali sono in grado di accogliere solo il 48% delle richieste ricevute e così sulle 1262 domande ben 616 bambini sono rimasti fuori.

Leggermente migliore la situazione degli asili nido dove la percentuale di domande accolte sale al 57% con 572 bambini in lista d’attesa su 996 domande.

Quali iniziative per delle soluzioni a breve? Per cercare di migliorare questi numeri, pur consapevoli delle enormi diffcoltà in cui versano le casse di Roma Capitale, siamo già al lavoro per provare ad aprire il prima possibile nuovi plessi scolastici e nuove aule.

Penso alla struttura di Via Gherardini, in zona La Giustiniana, per la quale stiamo aspettando che la Ragioneria capitolina sblocchi i centomila euro già stanziati per gli arredi e che il Dipartimento servizi educativi del Campidoglio ci assegni il personale per le aule. Sarebbe una nuova scuola dell’infanzia capace di ospitare cento bambini.

Altre due aule cercheremo di aprirle in altri plessi scolastici: una sezione d’infanzia alla scuola Saxa Rubra ed un’altra ponte alla Ferrante Aporti. Anche per queste stiamo aspettando il via libera dal Dipartimento.

Veniamo ai problemi strutturali. A Collina Fleming e a Vigna Clara ci sono scuole che “gridano aiuto” da tempo....Posso assicurare che la palestra della scuola Nitti sarà pronta per l’apertura ai primi di settembre, così come la palestra della Ferrante Aporti che è stata messa in sicurezza e quindi tornerà ad essere agibile.

Venendo alle due principali scuole di Vigna Clara, la situazione è ancora abbastanza critica. Per i lavori della Mengotti ci sono ancora delle procedure amministrative che devono essere ultimate con il genio civile, i lavori dovrebbero partire quindi per settembre.

Per quanto riguarda la Zandonai, abbiamo già fatto richiesta di fondi ad hoc inserendo l’intervento nel piano d’investimenti comunicato agli uffici comunali qualche settimana fa.

Esiste un quadro analitico delle necessità del territorio sulla base del quale stabilire le priorità? La settimana prossima sarà proprio dalla scuola Zandonai che partirà lo “scuola tour” che insieme all’Assessore ai Lavori Pubblici Elisa Paris e ai membri della Commissione Scuola del Municipio ci porterà a fare un giro per i nostri plessi scolastici in modo da verificare di persona quale siano le criticità più importanti sulle quali intervenire subito.

Da settembre, inoltre, verrà costituito un gruppo di lavoro all’interno dell’Ufficio Scuola per ripensare i bacini d’utenza e provare a risolvere, così, le criticità che sono emerse negli ultimi tempi.

Non ritiene importante coinvolgere genitori e corpo insegnante nelle decisioni da prendere? Certamente, infatti un altro tassello importante del nuovo corso delle politiche scolastiche municipale sarà l’istituzione della consulta della scuola che da settembre sarà finalmente operativa e permetterà alle istituzioni ed ai dirigenti scolastici di cominciare un vero e proprio rapporto di collaborazione costruttiva al fine di monitorare costantemente le esigenze delle scuole e di coordinarne al meglio il piano d’interventi.

Si prenda un primo impegno personale...Premettendo che nel settore “scuole” ereditiamo una situazione da “maglia nera” e che nè io nè la giunta abbiamo la bacchetta magica capace di far sparire tutti i problemi in un sol colpo ma solo passo dopo passo, una promessa voglio farla: mi impegno fin da ora a fare in modo che la percentuale delle domande accolte aumenti, e in maniera significativa, ogni anno.

Claudio Cafasso

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Vorrei mandare consiglio molto importante all’assessore Cazza, riguarda il parcheggio usato da genitori e docenti all’interno del centro anziani a Cesano, il Presidente Torquati conosce tutta la storia creata dal presidente del centro appoggiato da alcuni politici della passata legislatura.
    Auguri per il suo lavoro assessore.

  2. In attesa di interventi strutturali sicuramente più impegnativi (nuovi plessi, nuove aule etc.) perchè nel transitorio non si adotta la politica di convenzionare le strutture private esistenti fino a soddisfare tutta la richiesta, in modo tale che, per lo meno il costo aggiuntivo rispetto al nido pubblico, non gravi sulle famiglie?
    Oggi si può detrarre dall ‘irpef, per asili nido, il 19% di 632€ : 600€ è il costo mensile di una retta di un asilo nido privato. E’ una evidente presa in giro.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome