Home ATTUALITÀ Vigna Clara, rapina a mano armata alla Deutsche Bank

Vigna Clara, rapina a mano armata alla Deutsche Bank

rapinavignaclara.jpgSpettacolare colpo alla Deutsche Bank di via Orti della Farnesina nel pomeriggio di lunedì 21 gennaio, subito dopo la chiusura degli sportelli. Armi alla mano, introdottisi da un buco realizzato negli scantinati adiacenti, tre uomini incappucciati hanno preso in ostaggio gli impiegati e fatto razzia del denaro, oltre 100mila euro, contenuto nella cassaforte. Un dipendente colto da malore.

Il fatto è accaduto fra le 15 e le 16. Dalle prime indagini e dall’inchiesta condotta sul posto dalla nostra redazione, pare che i tre rapinatori siano entrati dal cancello del condominio di via Nemea, adiacente la banca, intrufolandosi subito nel vano cantine.

In una di queste, di proprietà di un’anziana signora che non la usava più da tempo, presumibilmente nel corso del week-end ed approfittando del trambusto dovuto ad un trasloco in corso, avevano già realizzato un grosso buco sulla parete confinante con l’archivio della banca.
Cumuli di calcinacci sono stati infatti trovati poco distante ben nascosti.

A banca chiusa, verso le 16, mentre gli impiegati compivano le ultime operazioni della giornata ed erano in corso le pulizie, i tre malviventi sono entrati dal buco e, risalite le scale, hanno fatto irruzione nel salone pistole e mitragliette alla mano. L’addetta alle pulizie è stata fatta stendere a terra.

All’esterno pare fosse presente un complice che fungeva da palo, un uomo è stato infatti visto aggirarsi più volte nervosamente davanti la banca, così hanno riferito a VignaClaraBlog.it alcuni testimoni che casualmente si trovavano nei pressi del bancomat.

Nel frattempo all’interno si svolgeva la rapina a mano armata. I malviventi hanno costretto un dipendente ad aprire la cassaforte, dove c’erano oltre 100 mila euro, si dice addirittura 150mila, e poi sono fuggiti utilizzando lo stesso percorso.

Nello stesso momento giungevano le auto del Commissariato di Ponte Milvio, diretto dal dr Riccardo Buonocore, inviate lì dalla Centrale alla quale era arrivata una segnalazione da parte di un cittadino, insospettito dal trambusto notato attraverso le grandi vetrine della banca.

Questione di secondi, e gli agenti avrebbero potuto bloccare i rapinatori col bottino in mano.

Uno degli impiegati è stato colto da malore, presumibilmente per lo spavento, ed è stato trasportato per accertamenti in un vicino Pronto Soccorso.

Sul posto, oltre gli agenti di Ponte Milvio, anche una squadra della scientifica che ha passato al setaccio il sottosuolo della banca, le cantine del condominio e i cassonetti AMA poco distanti alla ricerca di eventuali tracce.

Edoardo Cafasso

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome