Home AMBIENTE Zoom sulle aree verdi di Roma Nord ad inizio 2013

Zoom sulle aree verdi di Roma Nord ad inizio 2013

zoom.jpgIl 2013 si preannuncia come un anno difficile sia dal punto di vista economico che politico, ma l’indeterminatezza legata alla crisi economica sembra investire ogni settore incluso quello del verde e dell’ambiente. Abbiamo provato allora a fare il punto su quelle che sono le aree verdi di Roma Nord che da tempo attendono di aprire i battenti a cominciare dal Parco Volusia.

Parco Volusia

il parco è frutto di una compensazione edilizia e la sua apertura sarebbe dovuta avvenire già da lungo tempo. Nel 2012 venne assicurato dai responsabili del Comune che il parco sarebbe stato pronto nel mese di giugno, data poi slittata a novembre per consentire la realizzazione del parcheggio di Via Casalattico, una realizzazione indispensabile, oltre all’effettuazione di opere per la bonifica di un condotto fognario abusivo.
Nella realtà i lavori sono ancora in alto mare perché il parcheggio non è stato ancora completato.

Oggi lo squarcio nella rete che consentiva ai residenti, canari compresi, di entrare nel parco è stato chiuso e pertanto non è più possibile capire qual è lo stato dei lavori.
In compenso la vecchia tabella posta ad inizio cantiere è stata sostituita con una che specifica che il parcheggio doveva essere completato nel mese di settembre 2012.

Riserva Naturale dell’Insugherata

La Riserva, gestita da Roma Natura, continua ad avere un solo accesso in zona Trionfale; a nulla sono servite le tante iniziative portate avanti per anni dai Comitati Cittadini per ottenere un accesso in zona Tomba di Nerone dove insiste un terreno che da tempo sarebbe dovuto entrare nella disponibilità del Comune di Roma.

Neppure l’incontro fra il Comitato Robin Hood e il commissario straordinario dell’ente ha portato ad un qualche risultato e questo per l’opposizione dell’Istituto dei Tumori di Milano a lasciar passare i cittadini su di un terreno oggetto di lascito.

Tuttavia grazie alla disponibilità di Giuseppe e Andrea, i nuovi affittuari della proprietà di Via Panattoni, è stato possibile ottenere il permesso per attraversare le aree finora interdette.
Oggi l’accesso può avvenire, anche il sabato e la domenica, dal civico 160.

Parco urbano dell’Inviolatella Borghese

Il parco si articola in tre aree, una in Via di Villa Lauchli, aperta al pubblico, e due in Via dell’Inviolatella Borghese.

Parco Didattico di Via di Villa Lauchli: il parco oramai è aperto da oltre due anni ed è molto frequentato. Recentemente è stato realizzato un parcheggio che ha comportato lo spostamento dell’area cani che è stata ricavata lungo il fosso dell’Acqua Traversa.
Questa area, lunga e stretta, perennemente in ombra nella realtà è un mare di fango dove padroni e cani non entrano mai; accade così che i cani vengano lasciati liberi nel grande parato dove c’è l’area giochi dei bambini.

Una situazione obiettivamente difficile che spesso si risolve con l’intervento dei vigili che sanzionano i proprietari dei cani.
Recentemente sono stati tolti anche i bidoncini per i rifiuti e posizionato un unico cassonetto nei pressi dell’accesso; una scelta davvero infelice.

Dal primo gennaio inoltre un cartello dell’Istituto Marymount avvisa che l’orario del parco è dalle 7 alle 19; i cittadini un po’ disorientati si chiedono se un istituto privato può decidere l’orario di apertura e chiusura di un “parco pubblico” (tra l’altro nei mesi estivi le 19 sono l’orario perfetto per portare fuori bambini e cani).

Parco di Via dell’Inviolatella, lato destro: i lavori per la sua sistemazione non sono ancora stati completati e l’apertura prevista per il 1 dicembre del 2012 ovviamente è slittata; il ritardo è dovuto prevalentemente al maltempo che ha rallentato i lavori.

Continua invece a rimanere all’ingresso un cartello che specifica che l’area è privata e l’accesso consentito solo ai residenti.
E’ mai possibile che si apre un parco pubblico su una strada privata dove non è consentito entrare? Forse quel cartello va rimosso al più presto.

Parco di Via dell’Inviolatella, lato sinistro: la grande area verde, luogo di incontro delle “giornate dell’Inviolatella” continua a rimanere, nonostante la bonifica operata, off-limits per i cittadini.

Recentemente il Comitato Cittadini per il XX Municipio ha presentato in Comune un dettagliato progetto per la sua sistemazione comprensivo dell’ipotesi di un secondo ingresso in Via Oriolo Romano; il progetto, realizzato da alcuni ricercatori universitari, sembra aver ottenuto il plauso dei responsabili capitolini e ora si è in attesa di una risposta.

Chiarita infine la destinazione del piccolo manufatto all’ingresso di Via dell’Inviolatella Borghese (quello che di notte ospita asini e cavalli): non andrà al parco di Veio ma verrà destinato all’Università per un progetto di ricerca.

Area verde in Via Pareto

proseguono i lavori di sistemazione della piccola area verde posta tra via Pareto e il fosso dell’Acqua Traversa, confinante con l’Inviolatella; quale sia però la destinazione non è dato sapere in quanto ancora oggi manca un cartello con l’indicazione dei lavori.

Area fitness o area cani? I residenti incrociano le dita e sperano in un area per i cani con accesso da Via di Villa Lauchli mediante un ponticello sul fosso: in questo modo si risolverebbero i contrasti tra canari e mamme con bambini al seguito.

Francesco Gargaglia

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Insomma nulla di concreto per ora. Per quanto riguarda il parco dell’inviolatella all’inizio della via la sbarra è sempre chiusa ed il parco quando sarà pronto? l’ingresso in via fabbroni? i ponti? se ne parla nel 2020?

  2. Signor Hysac nesuno meglio di me può comprendere il suo scoramento ma guardiamo il lato positivo della cosa: ci sono a Roma Nord ben 4 aree verdi che prsto o tardi arriveranno ai cittadini (2 forse in tempi brevi). Per quanto riguarda l’Insugherata è un successo del Comitato Robin Hood: là dove, in 4 anni, non sono arrivate le “istituzioni” (assessori, consiglieri, direttori, commissari, audizioni, ordini del giorno…..) c’è riuscito il Comitato incontrando Andrea e Giuseppe che hanno dimostrato grande disponibilità e un notevole senso civico.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome