Home AMBIENTE Smog a Roma: tornano le targhe alterne più il solito stop ai...

Smog a Roma: tornano le targhe alterne più il solito stop ai veicoli inquinanti

vvuu5.jpgE’ passato un anno e non è cambiato proprio nulla. Esattamente come avvenne a metà gennaio 2012, nelle prossime ore arrivano a Roma le targhe alterne. Esattamente come un anno fa per abbattere lo smog nella Capitale non basta imporre lo stop alla circolazione nella fascia verde, come accaduto oggi e nei due giorni precedenti, e come accadrà anche domani, martedì 8, mercoledì 9 e giovedì 10 gennaio. Ora tornano anche le targhe alterne mercoledì 9 e giovedì 10 gennaio.

Mercoledì e giovedì saranno dunque due giorni di passione per gli automobilisti romani, due giorni nei quali all’interno della fascia verde cittadina si circolerà solo in funzione dell’ultimo numero della targa mentre i veicoli più inquinanti non potranno proprio circolare, a prescindere dalla targa.

Ma vediamo i dettagli.

I livelli di inquinamento registrati nella giornata del 6 gennaio sono preoccupanti. Forse la corsa ai saldi ha spinto i romani a girare la città in auto, resta il fatto che il PM10 ha superato il limite imposto dei 50 microgrammi per metrocubo nelle centraline di Largo Preneste (69), Corso Francia (66), Magna Grecia (53), Cinecittà (72), Cavaliere (68), Fermi (58), Cipro (54), Tiburtina (78) e Arenula (57).

Nella stessa giornata il biossido di azoto ha superato il limite imposto di 200 microgrammi per metrocubo nella stazione di Arenula.

E il Campidoglio corre ai ripari disponendo l’applicazione delle targhe alterne per mercoledì 9, con divieto di circolazione per le targhe dispari, e giovedì 10, con divieto di circolazione per le targhe pari – incluso lo zero.

Il provvedimento interessa tutti gli autoveicoli, motoveicoli e ciclomotori che, a seconda della targa, non potranno circolare all’interno della fascia verde cittadina, dalle ore 8:30 alle 13:30 e dalle 16:30 alle 20:30.

Sono esentati dal provvedimento delle targhe alterne gli autoveicoli di categoria “Euro 5”, ciclomotori a 2 ruote 4 tempi “Euro 2”, i motocicli “Euro 3”, i veicoli a trazione elettrica ed ibrida o alimentati a gpl e metano. Le altre categorie esentate sono elencate in questa nota del Campidoglio.

Per aumentare l’efficacia del provvedimento, inoltre, è fatto obbligo nei giorni di applicazione delle targhe alterne di mantenere la temperatura massima degli ambienti domestici a 18 gradi per non più di 8 ore.

Come sempre in condizioni di emergenza, e quindi anche nel corso delle targhe alterne, la fascia verde cittadina sarà interdetta ai veicoli più inquinanti dalle 7.30 alle 20.30. Tale provvedimento sarà vigente anche domani, martedì 8 gennaio per le seguenti categorie: autoveicoli a benzina euro 0 e 1; diesel euro 0 -1- 2; ciclomotori e motoveicoli a due, tre, quattro ruote a 2 e 4 tempi euro 0 -1 e continuerà quindi nei giorni di mercoledì e giovedì.

“Si tratta di un provvedimento necessario a limitare l’immissione in atmosfera delle particelle inquinanti derivanti dal traffico che, dunque, è utile a tutelare la salute dei cittadini” ha spiegato l’assessore all’Ambiente, Marco Visconti. “Le previsioni modellistiche dell’Arpa Lazio – ha aggiunto – confermano la presenza di una forte stabilità atmosferica che favorisce la stagnazione degli inquinanti nei bassi strati. Secondo quanto previsto dalle normative vigenti, il Campidoglio ha disposto la circolazione a targhe alterne in fasce temporali particolarmente critiche dal punto di vista del ristagno, che tuttavia si conciliano con le esigenze di mobilità della città”.

Per chi non osserverà il provvedimento delle targhe alterne sono previste sanzioni di 155 euro.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome