Home ATTUALITÀ Inaugurata la Little Free Library di Tomba di Nerone

Inaugurata la Little Free Library di Tomba di Nerone

littlefreelib.jpgIl piccolo e maltrattato giardino di Tomba di Nerone ieri mattina, 5 dicembre, risuonava delle voci allegre degli alunni di una quinta elementare venuti ad assistere alla inaugurazione della “Little Free Library”; una cerimonia semplice e senza fronzoli per consegnare ai residenti del popoloso quartiere una piccola biblioteca dove, in modo del tutto gratuito, “prendere e mettere un libro”.

E’ grazie alla sensibilità della dirigente e delle insegnanti della Scuola Elementare di Via Vibio Mariano che gli alunni della V°-A sono potuti venire portando qualche libro e tanti colorati segnalibro con frasi allegre o “importanti”, come quella di Niccolò che ha scritto: “Leggi bene, vivi meglio, parola di Niccolò”.

La “Little Free Library” di Tomba di Nerone è la seconda della Capitale, ambedue a Roma Nord, e la sesta in Italia (le altre 4 sono a Milano e Trento) ed è arrivata nelle mani del Comitato “Robin Hood” grazie all’energia di Giovanna Iorio, una insegnante del Mary Mount (ma anche scrittrice e poetessa), che insieme ai suoi studenti l’ha fatta venire dagli USA.

Una volta richiesti i permessi al Servizio Giardini del Comune di Roma e all’Ente Regionale “Roma Natura” la “casetta” è stata assemblata e posizionata nel Giardino “Caduti sul Fronte Russo” in prossimità della recinzione che protegge il monumento funebre a Vibio Mariano.

La scelta dei giardini di Tomba di Nerone non è stata casuale; innanzi tutto si tratta dell’unica area verde in un quartiere ad elevata densità abitativa e poi, con questa iniziativa, si è voluto sperare in futuro in una maggiore cura e manutenzione del parco, in condizioni davvero drammatiche.
Tanto drammatiche che i commenti dei residenti, mentre ci si affannava a montarla, sono stati tutti negativi ipotizzando per la LFL in legno un pessimo futuro.

Ma nonostante lo scetticismo dei residenti la LFL, come annunciato, è stata inaugurata in una bella mattina di sole tra le voci festanti degli alunni che hanno mostrato un vivo interesse per l’iniziativa; a fare gli onori di casa il Comitato Robin Hood insieme ad alcune rappresentanti del Comitato Cittadino per il XX Municipio.

Ai ragazzi sono state spiegate le finalità dell’iniziativa, nata negli USA, poi si è proceduto ad inserire i segnalibri realizzati dai ragazzi in alcuni volumi e dopo aver sciolto il nastro rosso che bloccava la porticina con il vetro, sono stati inseriti i primi libri.

E così è decollato il “sogno” di una vera e propria libreria gratuita nel giardino di Tomba di Nerone; un sogno che si spera non vada infranto dalla inciviltà e maleducazione di chi frequenta il parco.

La presenza degli alunni della V°-A ha richiamato numerosi passanti che si sono informati dell’iniziativa mentre una simpatica signora ha prelevato, affermando di essere una accanita lettrice, il primo libro.

A margine di questa simpatica e festosa iniziativa rimane la delusione e l’amarezza per le condizioni in cui è mantenuto il giardino che oltre ad ospitare il bel monumento che ricorda il sacrificio dei soldati italiani nella Campagna di Russia, è la “casa” da alcuni anni di sbandati e senza tetto.

Si sperava che per questa giornata venissero quanto meno rimossi i rifiuti e la sporcizia che staziona in pianta stabile tra le aiuole. E invece, niente da fare: meno male che a pulire, di buon mattino, ci ha pensato il comitato Robin Hood.

Francesco Gargaglia

riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Sono passati tre mesi da quando è stata messa la “Little Free Library” nei giardini di Tomba di Nerone e nonostante le pessimistiche previsioni la “casetta”, pulita e in ordine, assolve egregiamente il suo compito: i libri vengono messi e prelevati e ad usufruire di questo servizio gratuito sono soprattutto gli anziani della zona. Questa mattina il Comitato Robin Hood ha provveduto alla sua manutenzione (la casetta va protetta dalle intemperie) e alla pulizia dell’area adiacente ingombra di rifiuti (bottiglie, piatti, posate, avanzi di cibo ecc.). Il giardino di Tomba di Nerone continua ad essere una delle aree più degradate della Via Cassia nonostante la presenza di un’area gioco per i bambini e del monumento funebre a Vibo mariano. Una vergogna!

  2. Sto rifornendo la LFL con nuovi titoli.. Oggi cinque gialli di scrittrici inglesi,tre di P.D. James e due di Elisabeth George più altri due titoli in lingua inglese.. Enjoy..

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome