Home AMBIENTE Pian Dell’Olmo, superata l’ipotesi della discarica

Pian Dell’Olmo, superata l’ipotesi della discarica

“L’individuazione del sito da adibire a discarica provvisoria nella località di Pian dell’Olmo può considerarsi, al momento, superata”. Questa la posizione del Commissario per l’emergenza rifiuti di Roma, Goffredo Sottile, espressa in una lettera al Parlamento europeo resa nota dagli eurodeputati del Pd Guido Milana, Silvia Costa e Vittorio Prodi nel corso dell’incontro con i rappresentanti del Comitato ‘Riano no Discarica’ a Bruxelles per un’audizione in Commissione Petizioni in programma per oggi, giovedì 12 luglio.

“Il prefetto Sottile, adesso, tranquillizzi le centinaia di migliaia di abitanti di Riano e della Valle del Tevere ed escluda con atti formali – dichiarano i tre europarlamentari del PD – la possibilità che in futuro si parli ancora di questi siti per l’assetto dell’impiantistica dei rifiuti del Lazio, visto che il solo annuncio della localizzazione della discarica ha già provocato serie conseguenze per l’economia dell’intera area”.

Ma il Comitato SOS Discarica Riano non è soddisfatto e chiede che alle dichiarazioni seguano atti concreti.

“Apprendiamo dagli articoli apparsi in queste ore riguardo l’ipotesi di discarica a Pian dell’Olmo, che il Prefetto avrebbe dichiarato per il momento superata l’ipotesi di discarica in quell’area” dichiara il Comitato in una nota spiegando che “Dopo mesi di battaglia pacifica, durante i quali abbiamo preteso solo l’elementare rispetto delle leggi, pretendiamo un atto formale che dichiari Pian dell’Olmo e Quadro Alto inidonee ad ospitare qualsiasi tipo di discarica al “momento”… e nel futuro.

“Le decisioni istituzionali non si prendono facendo dichiarazioni ambigue ai giornalisti, ma con degli atti amministrativi concreti. Il Commissario ritiri immediatamente il decreto di individuazione dell’area di Quadro Alto e Pian dell’Olmo, permettendo alla nostra comunità e all’amministrazione di Riano di iniziare a programmare un piano di riqualificazione dell’area, mettendo la parola fine su questo triste capitolo istituzionale.”

Visita la nostra pagina di Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome