Home CRONACA Scalinata Corso Francia fra siringhe vetri e degrado

Scalinata Corso Francia fra siringhe vetri e degrado

Centocinquantasette gradini congiungono Corso Francia a via Ronciglione. Ogni ventina una piazzola, ogni piazzola bottiglie, rifiuti, sporcizia. E siringhe. Si percepisce al volo che la manutenzione è inesistente su questa scala immortalata da Dino Risi nella scena finale del suo film “Il Giovedì” del 1963. Sarà da allora che non viene più pulita?

E’ una domanda provocatoria, ma lo stato di abbandono della scalinata può indurre a pensare che sia così. E’ stata rifatta due volte in una dozzina d’anni, l’ultima nel 2009, ma oggi è di nuovo lercia dando tutta l’idea di essere stata abbandonata ad un inesorabile declino.

Imitando il protagonista di quella scena finale de “Il Giovedì” impegniamo i gradini da Corso Francia in su, verso via Ronciglione, a due a due, ma alla prima piazzola ci dobbiamo arrestare. Ai due lati, ecco delle siringhe.

scale corso francia 1scale corso francia 2Poi delle bottiglie spaccate. E tutt’intorno sporcizia e muffa denunciano chiaramente che una ramazza, da lì, non passa da tempo.

scale corso francia 3Altra rampa altra scena. Un bidone di vernice abbandonato, aiuole prive di terra ma in compenso colme di erbacce, e tanta sporcizia, cartacce, fogli di giornali, pubblicità, lattine. I cultori della differenziata ci andrebbero a nozze. E che dire dei graffiti? Ce ne sono a iosa.

scale corso francia 4scale corso francia 5Continuiamo ad inerpicarci, ormai abituati alla scena che si ripete di piazzola in piazzola. E più saliamo più la vegetazione selvaggia s’infittisce, deborda dalle aiuole, pare d’essere in campagna.

scala corso francia 6Ma basta guardare alla base degli arbusti per capire che non è vero: in campagna non c’è tanta mondezza concentrata in un metro quadro come quella che vediamo lì, fra una pianta e l’altra.

scala corso francia 7scala corso francia 8Da metà dell’ultima rampa la vista è superba. Corso Francia scorre laggiù, lontano, i palazzi più alti son più bassi di te, il cinguettio dei passeri sovrasta il rumore delle auto. Ma basta abbassare lo sguardo di pochi gradi per tornare coi piedi per terra. Anzi, coi piedi nella mondezza.

Giungiamo quindi alla cima, in via Ronciglione, convinti che almeno là, in una delle strade più eleganti di questo spicchio di Vigna Clara, la situazione della scalinata sia migliore. Neanche a dirlo.

scala corso francia 10Su piazzale Ronciglione, a destra della scalinata, assi malmesse di legno dovrebbero impedire di cadere nelle erbacce. A sinistra invece, una recinzione in legno facilmente ma pericolosamente aggirabile nasconde alla vista vecchi attrezzi meccanici, forse abbandonati dalla ditta che anni fa fece la ristrutturazione. Ma non basta.

scala corso francia 11Una colonnina in marmo giace a terra mentre uno sportelletto metallico senza serratura consente, volendo, di mettere mano ad un contatore. Ignoto il proprietario.

Claudio Cafasso
                                        riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

6 COMMENTI

  1. è VERAMENTE UNO SCHIFO! questa scala dovrebbe essere VALORIZZATA! nel piazzale adiacente a corso francia dovrebbero e potrebbero mettervi una fontana delle panchine e degli alberi invece ci sono da anni delle staccionate abbandonate.
    scriviamo tutti insieme al sindaco .

  2. Da 5 anni, percorro la scalinata di Via Ronciglione 4 volte al giorno. Ogni mattina, salendo i 157 gradini mi sorprendo per l’aumento della sporcizia e del decrado che l’avvolge. Ho chiamato il Comune di Roma, l’ufficio di Decoro Urbano, l’Ama, il Servizio Giardini. Ho documentato con foto e testimonianze. Ho scoperto che la scalinata è terra di nessuno. Nessuno si prende carico di pulirla; nessuno si occupa delle sue aiuole. Dopo le mie insistenze, 2 anni fa, sono intervenuti: hanno potato e pulito ma è stata una tantum perchè da quel momento il nulla. Ho chiamato la Polizia Municipale per segnalare l’implosione della prima aiuola in alto (versante Via Mengotti); sono venuti i Vigili del fuoco, hanno transennato l’area e non si sono fatti più vedere. Ora hanno tolto anche le transenne e il nastro arancione. I lavori per i garage nella zona sottostante hanno messo a rischio tutta la scalinata. Svuotando sotto, le aiuole rischiano di precipitare una dopo l’altra. Il buco della prima aiuola è usato come buco per la spazzatura. ESORTO le autorità ad occuparsi di questa scalinata “abbandonata” da anni.

  3. vivo da tanti anni all’estero, ma conosco bene quell’area dove sono cresciuto. Mi domando se il comune di Roma è organizzato come molte altre grandi città europee dove c’è una “responsabilità comunale per settore territoriale”. Perché se cosi non fosse, avoja ad aspettare Alemanno !
    Immagino che il pessimo stato della bella scalinata di Corso Francia sia solo una goccia nel mare dell’abbandono e del degrado periferico romano (!).
    Che tristezza.

  4. Lavoro in zona e a volte mi capita di salire per questa bella gradinata. Circa 1 anno fa incontrai una signora sui 60 che aveva ripulito i gradini, e si stava occupando delle aiuole. Non poteva essere una dipendente pubblica, perciò, incuriosito, le chiesi se qualcuno l’avesse mandata, o se lo facesse di sua spontanea volontà. Mi rispose che abitava in una strada vicina, e dato che non sopportava più di vedere quello scempio e aveva del tempo libero, si era data da fare per migliorare qualcosa. Dalle prime parole che pronunciò capii che era inglese, e da lì partì tutto un discorso sulle abitudini dei popoli: sul miope egoismo di fondo degli italiani, che sono perfezionisti dentro le loro case lucide e splendenti, ma appena mettono piede per strada dicono ‘Che mme frega? tanto non è mio!’; sull’orgoglio di appartenenza (non solo quando gioca la nazionale di football) degli inglesi, che forse sono, in alcuni casi, leggermente meno fissati con la pulizia dentro casa, ma fuori dicono ‘La strada (o il monumento, o la scuola, etc.) è di tutti, anche mia, e nessuno può sporcare o distruggere ciò che è mio!’ Qui invece i ragazzini che imbrattano monumenti e facciate di palazzi storici con le bombolette vengono innalzati al rango di scrittori (writers)…E si spendono milioni di euro per le inutili e vuote celebrazioni del 150° anniversario di una falsa unità, mentre al governo c’è un partito separatista.. che paese assurdo… In Inghilterra i dipendenti pubblici sono ‘public servants’, qui molti di loro pretendono di essere pagati molto, lavorando il meno possibile. Si dovrebbe inziare dal prossimo anno scolastico, per i ragazzini della prima elementare, con 3/4 ore a settimana di educazione civica, fatta seriamente; e forse tra 30 anni potremmo avere la prima generazione di persone decenti…

  5. Ammiro la vostra fiducia ma, come avevo già scritto, io ho contattato il Comune, la XX, ho parlato con il gabinetto del Sindaco e con il Dott Ascensi al decoro urbano e con l’Ama. La scalinata di Via Ronciglione sembrerebbe essere terra di nessuno. Io conservo ancora tutte le foto e tutte le lettere scritte all’On. Marco Daniele Clarke, che si occupava della manutenzione urbana per il XX Municipio. Dopo un unico intervento nel 2008, la scalinata è stata nuovamente abbandonata. Ripeto, la percorro quotidianamente da 5 anni … ogni mattina è sempre peggio. Per qualche mese, l’anno scorso, una signora “volontaria” ha tentato di tenerla pulita, buttando le bottiglie e le cartacce, curando le aiuole ma, davanti al degrado, sfortunatamente e comprensibilmente, ha rinunciato.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome