Home ATTUALITÀ Cassia, Due Ponti – Erbaggi (PdL): domani apre la strada di Fondovalle

Cassia, Due Ponti – Erbaggi (PdL): domani apre la strada di Fondovalle

Domani apre la strada di fondovalle. “Stiamo lavorando 24 ore su 24 per risolvere il problema della viabilità in via dei Due Ponti”, afferma l’Assessore ai lavori pubblici del XX Municipio, Stefano Erbaggi, dichiarando che “la strada di fondovalle è finalmente una realtà. Da domani sarà aperta al traffico, anche se in un solo senso di marcia, cioè in direzione di via di Grottarossa. Stiamo inoltre lavorando perché i lavori di via dei Due Ponti possano proseguire senza interrompere la circolazione. La prossima settimana dovrebbero esserci buone novità”.

Si legge soddisfazione nelle parole dell’Assessore Erbaggi, soprattutto quando dichiara che “questo provvedimento, unito alla richiesta di altre opere dirette a modificare il posizionamento del cantiere in opera per la realizzazione del collettore fognario in via dei Due Ponti, ridurranno notevolmente i disagi agli spostamenti causati, soprattutto nella giornata di ieri, dall’inizio dei lavori.”

“L’apertura della strada di fondovalle – precisa ancora Erbaggi – era stata già caldeggiata dal Municipio XX, molto prima dell’avvicinarsi della data di inizio dei lavori. Dopo la riunione d’urgenza di questa mattina a cui ho partecipato con tutti gli uffici competenti di Roma Capitale e del Municipio XX, si stanno finalmente intraprendendo quelle iniziative che il Municipio aveva proposto e richiesto invano più volte in questi mesi. L’Assessore ai Lavori pubblici di Roma Capitale, Fabrizio Ghera, ci sta aiutando in ogni nostra iniziativa diretta a garantire sia lo svolgimento dei lavori che il miglioramento della viabilità”.

“Abbiamo fatto importanti passi in avanti, sia per la mobilità in via dei Due Ponti sai per il proseguo dei lavori; mi permetto di rispondere a quanti, guardando ai problemi di traffico di ieri, avevano etichettato l’istallazione del collettore fognario come un’opera fallimentare del Municipio XX e della sua Amministrazione – ha spiegato l’Assessore Erbaggi – quest’opera è stata fortemente voluta da me e dalla Giunta, per rispondere ad un’esigenza igienico-sanitaria dei cittadini. Un’iniziativa così importante che, mi duole sottolineare, nessuno prima di noi si era preso l’impegno di realizzare, nonostante fosse stata a più riprese indicata dagli abitanti della zona interessata come di fondamentale importanza e necessità”.

Visita la nostra pagina di Facebook

17 COMMENTI

  1. sempre dopo, sempre tardi assessore….
    rincorrete sempre affanosamente errori su errori, così non si governa. così si sopravvive, male!
    è meglio prevenire che curare caro assessore!

  2. Caro Erbaggi, non voglio entrare nel merito dell’utilità dell’opera, che probabilmente era necessaria e che porterà benefici in futuro.
    Ciò che è opinabile è il modo di affrontare certe problematiche.
    Di fatto, ciò che è stato creato con tali scelte, ha causato enormi disagi (di cui può prendere visione nelle numerose mail su questo sito) agli abitanti della zona cassia, già stanchi per l’emergenza neve (lo stesso comico Battista ha notato come qui da noi sia ancora pieno di neve, mentre a San giovanni sono in bermuda!).
    La cosa che mi risulta difficile è sapere con quali criteri persone addette ai lavori, come dovrebbe essere lei, non riescano a pianficare certi tipi di intervento senza valutare le conseguenze di certe scelte.
    E’ veramente scandaloso!!!!!!!!

  3. e no Erbaggi, è facile cavarsela al solito modo dei politici dicendo “….un’iniziativa così importante che, mi duole sottolineare, nessuno prima di noi si era preso l’impegno di realizzare, nonostante fosse stata a più riprese …..”
    un po’ di autocritica ci vuole e ce ne vuole anche tanta da parte sua, di Ghera e dell’ufficio tecnico , perchè :
    1. quelle che lei chiama “iniziative” sono servizi dovuti ai cittadini
    2. se vi ritenete in grado di amministrare la cosa pubblica fatelo e fatelo bene, altrimenti passate la mano. Vi rendete conto quanti danni avete combinato? E passi Trony, e passi la neve, ma un’incapacità così evidente è perseverare.

  4. Erbaggi abbia un po’ più di senso di umiltà ! certe affermazioni lasciano di stucco.

    “la strada di fondovalle è finalmente una realtà da domani sarà aperta al traffico”
    la DOVEVATE aprire prima di iniziare i lavori, non dopo 3 giorni di caos infinito !!!

    “L’apertura della strada fondovalle era stata già caldeggiata dal municipio molto prima della data di inizio dei lavori”
    Bella dichiarazione di totale impotenza, significa che in comune non vi si fila nessuno, e che ci sta a fare allora? lasci il posto a qualcuno più credibile.

  5. Il signor erbaggi ci dovrebbe spiegare perchè i lavori sono cominciati nonostante numerosi cittadini, obbligati dall’inefficienza delle istituzioni a costituirsi in comitati di disperati, avessero da tempo previsto i disagi verificatesi. Chi ha colpa? Chi pagherà? Facile: noi indifesi cittadini..

  6. Ma sbaglio o la strada del fondo valle (la strada che è stata costruita da poco) non potrà mai essere aperta, perchè risulta pericolosa: E’ necessario fare una rotonda per controllare il traffico, ma siccome non ci sono i fondi … per ora non c’è niente da fare!? , .
    Sapete che penso che forse Monti ha ragione ad eliminare le olimpiadi dall’italia.

  7. ma prima di iniziare i lavori su via due ponti è stato fatto un esame del volume di traffico giornaliero sulla suddetta via? In un quartiere con traffico già congestionato e dove non vengono costruite nuove strade da molti decenni ma si continua solo a costruire nuove abitazioni,con la chiusura di via due ponti siamo al blocco totale. Liberateci……

  8. Era al di sopra delle vostre possibilità pensare di aprire un cantiere alla chiusura delle scuole e quindi nei mesi estivi????? Era fantascienza pensare ad una viabilità alternativa??? Caro sindaco (già distintosi comicamente per l’emergenza neve) e caro assessore, cambiate mestiere!!!!

  9. Vorrei chiedere una precisazione: ma la famosa strada di fondo valle che domani dovrebbero aprire al traffico, si collega solo a via di Grottarossa o anche a via Santi Cosma e Damiano?Se il tratto aperto sarà solo tra Largo Sperlonaga e Grottarossa, secondo me la situazione potrebbe solo peggiorare perchè tutto il traffico proveniente da via della Crescenza su Grottarossa si andrebbe a scontrare con chi arriva dalla strada di fondo valle e ciò porterebbe ulteriori ingorgi sulla via.

  10. Sig.ra Gloria lei non puo’ chiedere di pensare, pensare, pensare tutte ste cose insieme. Il pensiero e’ una cosa seria e deve essere usato con parsimonia!!

  11. Il pensiero è una cosa seria…Infatti c’è chi non pensa e parla e straparla su tutto a ruota libera. A quanto pare c’è una serie infinita di esperti di tutto…
    Non credo che tutti coloro che si occupano delle cose pubbliche non pensino, siano ignoranti (nel senso di non conoscere), siano menefreghisti o incapaci. Qualcuno ce n’è così, come esiste qualcuno che parla e straparla senza cognizione… E forse qualcuno vuole solo approfittare di situazioni difficili per dare sfogo alle proprie frustrazioni, usando le parole per colpire chi non la pensa come lui. Il confronto civile e costruttivo mi piace, la denigrazione a ruota libera no. Altro che democrazia….

  12. Salve, credo che la signora Roberta abbia colto nel segno.

    Chi è che non ha fatto uno studio sui flussi del traffico? Quando hanno deciso di chiudere la strada e fare i lavori è stato interpellato il Presidente del Municipio e/o il suo delegato alla mobilità Antonio Scipione? Se lo hanno fatto che cosa ha fatto il Presidente ed il delegato alla Mobilità?

    Se così non fosse è chiaro di chi è la responsabilità e chi dovrà pagare politicamente parlando: L’Assessore ai Lavori Pubblici di Roma Capitale Fabrizio Ghera e l’Assessore alla Mobilità di Roma Capitale Antonello Aurigemma……o dei loro tecnici…chissenefrega sinceramente. Io voglio che qualcuno dica “scusate, ho sbagliato”

    Come cittadino sono un pò stanco di vivere in un sistema di potere frammentato dove non si capisce di chi siano le responsabilità e tutti giocano a fare scaricabarile…i lavori li ha finanziati il comune? Se ne assumesse le responsabilità e coinvolgesse noi residenti in decisioni come queste che sfiorano la limitazione della libertà di circolazione degli individui costituzionalmente sancita!

  13. Gentile Azzurra, non c’e’ denigrazione ma bisogna prendere atto della situazione e fino a quando i nostri rappresentanti rimangono al loro posto dando la colpa al mondo intero non andiamo avanti? Ci fosse stato uno che ha detto…..scusate abbiamo sbagliato, sottovalutato o trascurato aspetti!!! Nessuno!!! Io continuo ad essere del parere che chi comanda ha la responsabilita’ di quello che succede, a prescindere! Se no sara’ sempre scaricabarile, e mi dispiace ma io non ci sto.

  14. Qui stiamo parlando di una strada chiusa quindi non credo sia utile fare dei ragionamenti sui massimi sistemi…..ma, stando così le cose, mi permetto di esprimere cosa penso.
    E’ vero…nessuno si scusa e tutti scaricano il barile! E non è una particolarità del XX Municipio o della Giunta Alemanno, bensì un’usanza della classe politica della seconda repubblica. “la colpa è di chi c’era prima e di chi verrà dopo” per intendersi. La cosa che a me fa salire il sangue alla testa è che NESSUNO mette in evidenza che il problema è STRUTTURALE…in un sistema di cose in cui il politico non ha potere autoritativo sull’ amminsitrazione, ma potere di direzione ai sensi della riforma della PA del ’91 che ha deresponsabilizzato il politico, ma consente comunque un suo indirizzo…e allora cosa accade? Accade che quando c’è da fare zozzerie si preme sul dirigente che se si rifiuta va a spasso…quando invece uno o più politici onesti vogliono fare qualcosa di regolare…dirigenti o funzionari che percepiscono dei soldi per assumersi delle responsabilità non lo fanno…o lo fanno con calma!
    Io a questo non ci sto! Non ci sto al potere frastagliato. A me da quando ero piccolo hanno insegnato che meno galli cantano prima si fa giorno e penso che possa attuarsi anche nel mio discorso.
    Diamine, la strada di fondovalle è l’esempio di ciò! Una strada pronta, fatta con soldi pubblici del Dipartimento SIMU di Roma Capitale che non veniva aperta per “problemi amministrativi”….ma pensano di prenderci in giro? Improvvisamente i problemi stamattina sono scomparsi?
    Invito chiunque a controbattere quanto sto per affermare…è giusto o no che il direttore dei lavori della strada di fondovalle debba essere licenziato…o perchè ha preso in giro i cittadini sui “problemi amministrativi” o perchè aprendo ha quindi violato quei problemi!
    Quindi, direttore dei lavori e chi ce lo ha messo (assessore Ghera) andate a casa

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome