Home ATTUALITÀ E il Campidoglio spicca il volo su Twitter

E il Campidoglio spicca il volo su Twitter

Un cinguettio in aula Giulio Cesare. Twitter, il social network gratuito antagonista di facebook per facilità d’uso ed immediatezza, fa il suo ingresso ufficiale in Campidoglio. A darne la notizia è Marco Pomarici, presidente del Consiglio Comunale, che ha annunciato la nascita del profilo ufficiale dell’Assemblea Capitolina su Twitter. “Si tratta di uno strumento – ha dichiarato – che consentirà ai cittadini e agli operatori dell’informazione di fruire in maniera rapida ed efficace dei lavori dell’Aula”.

“Saranno disponibili gli orari e le date delle convocazioni, l’ ordine dei lavori ed inoltre, durante la seduta, sarà possibile seguire in tempo reale, attraverso i tweet, gli argomenti trattati, gli interventi di tutti i gruppi consiliari in occasione dei consigli tematici di particolare rilevanza, il risultato delle votazioni di delibere e mozioni” ha spiegato Pomarici.

Nato nel 2006, twitter fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi per una lunghezza massima di 140 caratteri. Si basa sul “micro-blogging”, una forma di pubblicazione costante di piccoli contenuti in Rete, sotto forma di messaggi di testo, immagini, video, ed è diventato estremamente popolare, anche come avversario di Facebook, grazie alla semplicità ed immediatezza di utilizzo.

Esistono diversi esempi in cui Twitter è stato usato dagli utenti per diffondere notizie, come strumento di giornalismo partecipativo. Basti pensare che i più recenti fatti di cronaca sono stati vissuti “in diretta” tramite i twits delle persone che si trovavano in quel momento sul luogo dell’evento. Ad esempio, nel caso del terremoto in Abruzzo del 6 aprile 2009, gli utenti Twitter hanno segnalato la notizia prima dei media tradizionali.

Dopo la diretta web, Twitter fa dunque il suo ingresso in aula Giulio Cesare ed il suo cinguettio quanto prima risuonerà all’interno di Palazzo Senatorio.

E per quanto dunque sia tecnologicamente avanzata l’aula Giulio Cesare tanto è arretrata quella di via Flaminia 872. Vogliamo, così per caso, ricordare che la prima volta che nel Consiglio del XX Municipio si parlò della diretta web delle sedute fu nel 2007. Poi, a Consiglio rinnovato, il 31 ottobre 2008, poi ancora il 26 gennaio 2009 con l’approvazione di un documento con il quale si impegnava “il Presidente del Municipio ad attivarsi presso i competenti Uffici Comunali per poter garantire la diretta web delle sedute municipali”. Da allora altro che cinguettio, il silenzio assoluto.

Edoardo Cafasso

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome