Home AMBIENTE Sos Discarica Riano: grazie a tutti, buon anno ma non abbandonateci

Sos Discarica Riano: grazie a tutti, buon anno ma non abbandonateci

“Oggi è il 31 dicembre, data fatidica per la chiusura di Malagrotta. Abbiamo vissuto l’angoscia di svegliarci il primo giorno del 2012 con il rumore dei camion che trasportavano immondizia e, con essa, malattie, aria mefitica e disastri ambientali. Il piano di quegli irresponsabili e bugiardi non è riuscito, per il momento. Il merito è anche il nostro, dei cittadini e delle istituzioni locali”. Così il comitato Sos Discarica Riano saluta tutti i sostenitori dalla sua pagina di facebook.

“Come vedete, la lotta porta i suoi frutti; tuttavia essi non sono ancora maturi e non sappiamo se saranno sani e buoni. Dobbiamo dunque continuare a coltivarli, proteggendo la nostra terra e difendendola dai soprusi di una politica inesistente e criminale. Gennaio sarà un mese ricco di appuntamenti, l’impegno richiesto sarà ancora maggiore, è ora che dobbiamo tenere duro.”

Ed il messaggio si chiude con un accorato appello. “Chiediamo dunque a tutti di partecipare, di interessarsi e di uscire a manifestare con noi e chiediamo inoltre a chi già si è impegnato con Sos e non solo, di rinnovare e nutrire la propria determinazione in questa lunga lotta. Riano – conclude il comitato – sta scoprendo una comunità di persone esemplari. Grazie a tutti e buon 2012.”

Visita la nostra pagina di Facebook

5 COMMENTI

  1. Chiaramente la monnezzaccia vostra continua a finire a Malagrotta “e, con essa, malattie, aria mefitica e disastri ambientali”, Senza che qualcuno di voi avverta la cosa come un problema.

    I miei auspici per il nuovo anno sono tutti dedicati a voi e a quelli come voi.

  2. La “monnezzaccia vostra”, che chi mi ha preceduto nei commenti ha scritto, non è sicuramente quella di Riano.
    Il 90% delle case a Malagrotta le hanno costruite/comprate quando la discarica già c’era… un po’ come quelli che prima comprano la casa attaccata all’aeroporto… e poi si lamentano che atterrano e decollano gli aerei.
    Il 100% delle abitazioni di Riano sono state costruite/comprate (e pagate) senza la discarica.

    un buon anno a tutti meno che alla polverini, ad alemanno, a pecoraro e pure a questo domiziani.

  3. Sig. Conti le consiglio di vedere su you-tube il filmato “L’oro di Roma” di Report così scoprirà che Malagrotta è a soli 6 km da S.Pietro ed è circondata da una popolazione di 50.000 residenti e ha un territorio con tutte le falde acquifere inquinate e un’aria con polveri sottili 10 volte oltre la soglia di sicurezza……comunque fate bene a contestare questa decisione non fosse altro perchè ancora una volta si vuole fare una discarica in un territorio che appartiene ad un privato (lo stesso di Malagrotta!). Concordo con lei; speriamo che sia un pessimo anno per TUTTI i politici.

  4. Malagrotta non esiste come località, è soltanto una discarica. L’effetto nefasto della discarica si avverte soprattutto a Roma, in tutto il quartiere Aurelio, per un raggio di decine di chilometri, e col passare degli anni la situazione di illegalità e insalubrità – soltanto uno sciocco potrebbe paragonare una situazione assolutamente fuorilegge ad un aereoporto.

    Da tanti anni la gente della zona si batte per il ripristino di un minimo di legalità. Abbiate almeno il buon gusto di non esultare se Malagrotta resta aperta, perché poi non potrete più chiedere la solidarietà altrui – come avete già fatto – quando la questione tra qualche mese – com’è inevitabile – si riproporrà a vostro danno.

  5. Comunico a fabrizio che vivo vicino al sito in cui vorrebbero fare la nuova discarica, in barba a qualsiasi norma ambientale e di salute pubblica, che faccio da più di un anno la differenziata porta a porta (non duale come a roma che è una presa per il sedere), e che prima di trasferirmi qui abitavo anch’io all’aurelio.

    La legalità si ripristina con programmi anche a medio termine di chi ha l’interesse a risolvere un problema: qui gli interessi sono fare soldi!
    Non esultiamo per la proroga di malagrotta ma perchè non la vogliamo una nuova malagrotta! E’ un anno che va avanti questo balletto… se si fosse fatta bene la porta a porta a roma in questo stesso lasso di tempo non si avrebbe ora il problema della discarica, e magari avremmo isole ecologiche sparse sul territorio che riciclano e creano ricchezza.
    Il sito di quadro Alto non è idoneo, è illegale e non perchè è vicino a casa mia!
    Ci sono 200 persone che perderanno il lavoro (200 famiglie in mezzo alla strada), lavorano nella cava;
    un paese di 10.000 abitanti la cui economia è legata al territorio (ristoranti, maneggi, b&b etc.) che morirà per ospitare rifiuti non trattati di 2 milioni di persone;
    la cava attualmente è un lago… si è scavato sotto la falda è impossibile rendere impermeabile il terreno. Il percolato passerà e inquinerà l’acqua che in quella zona da da bere a 3 quartieri (3.500 persone) e poi arriverà al tevere e inquinerà definitivamente il fiume;
    senza contare che le case e le scuole sono a neanche un chilometro di distanza, e le case sparse ancora più vicine!

    Noi siamo per la legalità prima di tutto! E quello che stanno facendo è illegale! Anche per Malagrotta! Le soluzioni ci sono, in tutto il mondo non si fanno buchi per mettere l’immondizia! E se tu, che vivi vicino a Malagrotta, sei convinto che la soluzione a Malagrotta è fare un buco da un’altra parte… beh allora hanno vito loro…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome