Home AMBIENTE Movimento Cittadino Flaminio: Sit-in a Piazza Mancini il 28 ottobre

Movimento Cittadino Flaminio: Sit-in a Piazza Mancini il 28 ottobre

“Da Oltre quindici anni, Piazza Mancini è in balìa di un degrado che fa venir meno il diritto dei cittadini di vivere in un quartiere sicuro e decoroso. Microcriminalità, bivacchi, disturbi alla quiete pubblica, sono queste le scene a cui, specie il fine settimana, i cittadini che vivono nei dintorni di Piazza Mancini devono assistere. “Al di là dell’impegno efficace delle Forze dell’Ordine, serve una scelta politica chiara per riqualificare la zona” Così in una nota Francesco De Salazar, Presidente del Movimento Cittadino Flaminio Villaggio Olimpico Parioli, che annuncia un sit-in per  il 28 ottobre.

Il sit-in, che avrà inizio alle 17:30 e si terrà nei pressi della fontana della piazza stessa, servirà a proporre all’amministrazione locale e capitolina la realizzazione della Villa comunale Antonio Mancini.

“Il progetto di trasformare l’attuale area in una villa comunale – afferma Francesco De Salazar, Presidente del Movimento Cittadino Flaminio Villaggio Olimpico Parioli – risolverebbe in modo definitivo il degrado che tormenta i cittadini di questo quartiere. Servono misure decise e immediate; la recinzione dell’intera area verde con la presenza di un guardiano comunale, addetto all’apertura e chiusura della Villa seguendo orari in base alle stagioni invernali/estive sullo stile di piazza Vittorio; oltre a questo, il restyling dell’attuale anfiteatro, il ripristino dell’area giochi per bambini e dell’area cani.”

“Il Flaminio e Villaggio Olimpico ospitano strutture importantissime per la città, come il museo Maxxi, l’Auditorium, il Teatro Olimpico e lo stadio Flaminio. Una condizione di tale degrado, perciò, è assolutamente lesiva per l’immagine dell’intera città” conclude De Salazar affermando che “l’Amministrazione municipale e comunale non devono restare sorde alla richiesta della Villa Comunale e ascoltino la volontà dei tanti cittadini che, presto, verrà formalizzata anche attraverso una massiccia raccolta firme.”

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome