Home ATTUALITÀ Ponte Milvio senza paragoni, arriva Trony

Ponte Milvio senza paragoni, arriva Trony

Con Trony non ci sono paragoni. Uno slogan affermato, entrato nella storia del linguaggio della pubblicità. Ma che entrerà anche nel linguaggio dei pontemollesi, non ci sono infatti paragoni per quel che sta accadendo in queste ore in via Riano, nel centro commerciale di Ponte Milvio, dove fervono i lavori e dove da oggi, fra proteste e file, clacson e malumori, è entrato in vigore il doppio senso di marcia. Un doppio senso di marcia comprensivo del ferreo divieto di fermata su ambedue i sensi. Attenzione, non sosta ma proprio fermata.

Un doppio senso mal digerito, almeno nella prima mattinata d’applicazione, dalle centinaia di automobilisti incolonnati in via Riano e “tenuti a bada” da diversi agenti e funzionari del XX Gruppo della Polizia di Roma Capitale che hanno faticato non poco a disciplinare il traffico.
Anche il Presidente del XX Municipio, Gianni Giacomini, accompagnato dal consigliere PdL Dario Antoniozzi, è venuto a rendersi conto di persona di come stava andando la situazione.

Ed erano molti i malumori che abbiamo registrato, soprattutto delle persone di una certa età la cui domanda era sempre la stessa: “ma ora che non posso più parcheggiare come farò a fare la spesa al mercato? Venirci a piedi è troppo faticoso”.

Ma la domanda preoccupata, soprattutto da parte dei residenti di via Riano, era un’altra: cosa succederà giovedi 27 quando alle 9 del mattino aprirà il punto vendita Trony più grande d’Italia, con 53 addetti alla vendita, otto casse, ed un bacino di utenza stimato di 420mila potenziali clienti?.

Fervono infatti in modo spasmodico i lavori nei due piani del centro commerciale dove, fra poche ore, la grande catena di distribuzione porterà il suo logo a Ponte Milvio, grazie anche, e ciò va detto, all’introduzione del doppio senso.

Nei 5mila metri quadri espositivi, oltre 10mila sono le persone attese nel primo giorno di inaugurazione. In funzione di ciò saranno 120 gli addetti alla sicurezza dei quali oltre 70 impiegati all’esterno a disciplinare il flusso dei visitatori che verrà incanalato sul marciapiede, a sua volta interamente transennato.

Per l’occasione, una dozzina di automezzi adibiti a deposito stazioneranno nel parcheggio di viale To di Quinto, area ex Gran Teatro. I clienti, dopo aver fatto l’acquisto in via Riano, riceveranno un ticket col quale ritirare il prodotto acquistato presso uno di questi mezzi.

E per attirare i clienti Trony ha lanciato una campagna “sottocosto” fortemente allettante per i fanatici dell’hi-tec. Decine di prodotti di telefonia e di informatica saranno venduti a prezzi introvabili altrove fino a tutto il 5 novembre.

Dal punto di vista viabilità c’è però da preoccuparsi. Come arriveranno giovedì queste 10mila persone e le migliaia previste nei giorni successivi, dove parcheggeranno? Cosa succederà dopo che il parcheggio interrato e quello raso, per un totale di poco più di 200 posti, saranno saturi? Quante di queste persone, non conoscendo la zona, tenteranno di arrivare in auto fino a via Riano?

A loro uso e consumo ecco la piantina della viabilità andata in vigore oggi. Fatene buon uso, Ponte Milvio non è solo dei pontemollesi, è patrimonio dell’intera città.

Fabrizio Azzali

mappa via Riano – Viale Tor di Quinto

 

mappa via Riano

 

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

 

Visita la nostra pagina di Facebook

22 COMMENTI

  1. Con tutta la buona volontà di questo mondo… una sola è l’evidenza davanti a cui si dovrà – prima o poi – capitolare: in quelle strade non c’era disponibilità di parcheggio prima della realizzazione del mercato… figurarsi adesso. Trony servirà (senza troppe colpe) a peggiorare la situazione… i pochi posti nel parcheggio interrato basterebbero in un condominio.. non in un centro commerciale…

  2. quanti sono i posti in quel parcheggio?

    e mi domando. una volta che ci si trovava a costruire, non si potevano fare un paio di livelli in più?

    In Italia il termine lungimiranza è sconosciuto.

  3. Ma la sfavillante insegna luminosa sul tetto che ti abbaglia dal ponte di Corso Francia la ritengo realmente eccessiva. Spero venga posto rimedio.

  4. Scusate, ma la fermata del bus lì difronte che ci sta a fare? Possibile che i romani prendano la macchina anche per fare 100 mt? Parcheggiate all’olimpico e fate due passi a piedi oppure aspettate un bus, basta con questa pigrizia!

  5. Secondo voi, da che ora bisogna presentarsi là davanti per evitare code kilometriche? ho intenzione di acquistare un articolo di quelli iper-scontati… ammesso che i commessi stessi non lo comprino per conto loro appena aperte le casse…!

  6. carissimi,
    non so esattamente le disposizioni del comune di Roma sui parcheggi collegati agli shopping centres (o Malls come li chiamano in Usa). Posso dirvi che qui a Brisbane, Queensland, i due maggiori centres hanno il seguente numero di parcheggi: Garden city 5000 parcheggi per 270 negozi; Robina Tower Centre 6200 parcheggi per 330 negozi. Considerate inoltre che il parcheggio è gratis per le prime tre ore poi si pagano 2 dollari per l’ora successiva, fino a 10 dollari, sembra che lo vogliano aumentare , per un totale di 6 ore. Dopo di che la macchina la portano via con l’autogru. Certo che Roma lo spazio manca, quindi credo che sia pura follia costruire una centro commerciale come Trony , in una strattoia trafficata come Ponte Milvio,. Va a finire che il “cocomeraro” sul piazzale di Ponte Mivio (c’e ancora?) si trovera’ le macchine parcheggiate tra le colonne di ghiaccio e le fette di anguria.

  7. PRECISAZIONE

    il “c’è ancora” si riferisce ovviamnete al ‘cocomeraro” non al piazzale di Ponte Milvio. ciao
    Amedeo

  8. 1 ora per fare un tragitto da 10 minuti! Ma la gente non va più a lavorare pur di fare shopping, mi hanno detto che da questa notte stanno fila!!( ma quale crisi!) il traffico è impazzito! Non ci sono parole!

  9. Sono una mamma di via cassia. Sono prigioniera. Non posso uscire di casa con la macchina. E’ veramente scandaloso quello che sta succedendo! Ieri ho impiegato due ore per fare un piccolo tragitto che normalmente ( raramente ) impiego in circa un quarto d’ora causa pioggia !. Oggi per l’apertura di un centro commerciale ( ne abbiamo centomila) si è letteralmente PARALIZZATA tutta Roma Nord. Che vergogna!

  10. L’avevamo detto mille volte. Finora ci aveva salvato il miracoloso fallimento del centro commerciale. Ricordo che quando si discuteva sullo spostamento dello storico mercato di ponte milvio, che è stato l’origine del disastro, tra le voci a favore si accampava il problema del traffico e della puzza di pesce. Mi viene da ridere. Ma allo stesso tempo mi auguro che quelle stramaledette signore dall’olfatto sensibile ci crepino, nel traffico.

  11. Vergogna!!!!
    Per l’apertura di un negozio di elettronica si riescea bloccare la circolazione di un intero quartiere….
    Complimenti alla Giunta del municipio ed all’ottima organizzazione…
    Poi parlano di crisi…Fanno bene ad aumentare le tasse a sproposito se le persone si possono permettere di non andare a lavoro per fare la fila a comprare …computer e company…
    Vergogna!!!!1

  12. E questo non è solo che un “assaggio”: cosa succederà quando verrà costruito il cosiddetto villaggio olimpico, anche senza Olimpiadi? Quando verranno eliminati i vincoli, con il pretesto della candidatura ai Giochi, e verranno costruite case su case e quindi nuovi flussi di traffico verranno incanalati sul budello Tor di Quinto?

  13. Totalmente d’accordo con Mary su tutto! A tale proposito ho appena scritto una dettagliata mail al Presidente del XX Municipio, dr. Giacomini.
    Un’ora per arrivare in ufficio in motorino quando normalmente impiego 10 minuti!
    Tutta colpa di un I-PHONE 4 e dell’apertura di una nuova sede di Trony in Via Riano 15, tra corso Francia e Ponte Milvio!!!
    Questo non ha nulla a che vedere con la disorganizzazione imputabile alla Giunta ma ho voglia dire che mi rattrista molto dover prendere atto che un così elevato numero di miei concittadini (mi chiedo fra l’altro se disoccupati e nella possibilità di perdere una giornata di lavoro!!!) è disposto a sobbarcarsi disagi del genere (sveglia all’alba, file allucinanti, spintoni e liti da quanto ho poi saputo) per impossessarsi di oggetti che fanno sicuramente parte del superfluo in un momento in cui non si parla di altro che di crisi economica!

  14. MA LE AUTORITA’ COME HANNO FATTO A DARE I PERMESSI?
    ABBIAMO L’ITALIA CHE CI MERITIAMO, FANNO BENE I PAESE STRANIERI A DERIDERCI…

  15. @Amedeo Tosco: il cocomeraro c’è ancora anche se adesso lo chiamiamo il gioielliere per il costo della frutta che vende a grammi…

  16. Non avrebbero mai dovuto autorizzare l’apertura di un negozio… prima TRONY avrebbe dovuto garantire un parcheggio adeguato e poi fare il figo con i prezzi stracciati.. w l’Ialia!!!

  17. Non c’erano solo romani in fila.La maggior parte delle persone erano cinesi,indiani e rumeni maleducati che hanno saltato le transenne colpendo anche i ragazzini in fila..In ogni caso e’l’ennesima prova del fallimento di un sindaco incompetente. Roma e’ diventata invivibile,e’sporca,buia,non funziona nulla e noi siamo tutti stressati..

  18. confermo quanto detto da Choli, tra l’altro c’erano proprio brutti ceffi in mezzo alla folla, ho visto rumeni e filippini uscire con 5 xbox a persona, segno evidente che il loro obiettivo non sarà chiudersi a giocare ai videogames, piuttosto sarà la vendita su internet ad un prezzo più alto rispetto al loro acquisto ma più basso rispetto all’attuale mercato.

  19. Vergognoso il parcheggio di Trony a Ponte Milvio.
    Io sono andato là diversi giorni dopo l’inaugurazione, ho trovato scritto a caratteri cubitali che il parcheggio sarebbe costato 1 euro all’ora, e già lo trovo sbagliato. Se metti scritto parcheggio Trony di fuori, intedo sia il pacheggio del tuo negozio, quindi non intendo pagare un centesimo per lasciare la macchina e fare acquisti presso il tuo negozio.
    Comunque sia ho lasciato la macchina, quando sono andato a pagare alle casse automatiche, dopo circa mezz’ora, ho visto che dovevo pagare un euro e cinquanta centesimi.
    Ovviamente i cianquanta centesimi in più non fanno la differenza, solo ho ironizzato sul fatto che ci fosse un’incongruenza su quello che avevo letto fuori. A questo punto è uscito un tizio del parcheggio dal gabiotto arrabbiatissimo che ha iniziato ad attaccarmi, a cominciato ad urlare, mi ha iniziato a dire di andare fuori a leggere bene. Io incredulo gli chiedevo perchè mi attaccasse e lui insistenva, vai a leggere fuori! Probabilmente ho letto male, ma sto bifolco perchè non va a cogliere le olive invece di rovinare la mia giornata? Una cosa è certa, ero entrato per fare un giro e ho comprato 100 euro di cose che neanche mi servivano. Quando mi servirà di fare acquisti, vado dappertutto, meno che da Trony, non ci sono paragoni di ingonranza!!!!!!!!!!!!!!1

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome