Home AMBIENTE Farnesina: nel Parco Volpi l’area cani fai-da-te

Farnesina: nel Parco Volpi l’area cani fai-da-te

Annunciata dal XX Municipio con enfasi e manifesti, la nuova area cani del Parco Volpi, in via della Farnesina, è rimasta così com’è dal giorno della sua apertura avvenuta nella primavera 2011. Una porzione di parco semplicemente recintata, una fontanella e nulla più. Nessuno pretendeva che fosse come i giardini di Versailles, ma qualche pianta, un paio di panchine ed il vialetto asfaltato l’avrebbero resa più decorosa e più fruibile ai tanti frequentatori.

Parliamo ovviamente dei frequentatori “a due zampe”, cosiddetti “canari”, perché agli scodonzolosi amici a quattro zampe poco importa, a loro piace correre e stare all’aria aperta.

Ed è così che i numerosi canari di zona, stanchi di attendere la mano pubblica, si sono rimboccati le maniche ricorrendo all’italica fantasia del fai-da-te.

C’è chi ha rastrellato il vialetto e chi ha vangato le aiuole, c’è chi ha piantato degli alberelli e chi ha messo una ciotola per gli amici più piccoli.
Non solo, c’è chi ha portato delle panchine e delle poltrone in vimini e chi, infine, si è industriato a costruire un tavolo.

La manifattura non è delle migliori, non sarà un giardino dove Luigi XIV avrebbe passeggiato con la sua corte, ma a loro piace così e, tutto sommato, ritrovarcisi e scambiare due chiacchiere mentre Fido scorazza è ora molto più gradevole.
Ed hanno fatto tutto questo senza mettere un solo manifesto.

Edoardo Cafasso

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

Visita la nostra pagina di Facebook

3 COMMENTI

  1. Il Parco Volpi si è dotato di un’area per cani mentre lo spazio per noi umani è sempre più sporco e desolante.
    Possibile che non si possa pulirlo, mettere delle luci, creare un sentiero percorribile a piedi? Ora l’area è secca, con un terriccio che si trasforma in fango con la pioggia e tutti i cestini dei rifiuto strabordano di immondizia…
    Benissimo le iniziative e l’attenzioni per in nostri amici a 4 zampe, ma un richiamo allo squallore del Parco Volpi ci vuole. Non abituiamoci al degrado per favore!

  2. E pensare che in quel parco io da piccola ci giocavo! E’ triste vederlo conciato così… Gli interventi dovuti alla buona volontà…che dire..dovremmo esigere di più dall’amministrazione perchè così come si vede, buona volontà o meno di chi ne usufruisce, è davvero raccapricciante.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome