Home ATTUALITÀ Er quinnici de agosto

Er quinnici de agosto

Ferragosto, lettore mio non ti conosco. Parafrasando scherzosamente il noto proverbio, la redazione di VignaClaraBlog.it si prende qualche ora di riposo e di svago salutando i lettori con le rime alternate in dialetto romanesco dell’ormai noto sor Berti, il vernacoliere di VCB. Felice ferragosto!

Er quinnici de agosto in ferie se n’annava l’imperatore
e, conciati pe’ la festa, nun sudaveno li muli e li cavalli;
er capoccia allungava quarche bonamano ar faticatore,
che in quer dì l’auguri je porgeva senza rinfaccià li calli.

Er quinnici de agosto la madre di Dio in cielo è assunta
e a mezzoggiorno le campane soneno alegre e giojose;
tra moje e marito la solita lotta: tra li due, chi la spunta?
Tra er mare e li monti, cianno sempre l’urtima le spose!

Er quinnici de agosto ce stà chi ne l’urbe eterna arimane
perchè j’amanca er conquibbus pe’ annà in villeggiatura;
ma puro pe’ lui quell’ore là nun sò buttate, mica sò vane:
occasione pe’ nun vedè troppa gente e fasse ‘na curtura!

Er quinnici de agosto su le spiagge nascheno novi amori,
che dureno sortanto un amen o tutta la vita vanno avanti;
e ner mentre che l’amanti sfogheno co’ passione li bollori
le case sò svaliggiate da ‘n’esercito de indefessi lestofanti.

Er quinnici de agosto se sospenne er trantran quotidiano:
anzie e preoccupazzioni se lasseno irisolte in un cantone,
ce se penzerà mejo doppo e s’affronteranno piano piano:
mò è tempo de stordisse de sole o de oprì l’ombrellone!

E’ er quinnici de agosto: a tutti li lettori nostri tanti auguri!
Che le stelle che cadeno dar celo avverino tutti l’auspici,
che possiate ricaricà le batterie pe’ superà l’ostacoli duri,
che sii ‘na bbella festa in famija, in solitudine o coll’amici!

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome