Home ATTUALITÀ Via Cassia Antica sarà riaperta in direzione Centro

Via Cassia Antica sarà riaperta in direzione Centro

In attesa che l’Agenzia per la Mobilità concluda lo studio del Piano Particolareggiato del Traffico Urbano del XX Municipio, voluto per analizzare lo stato di fatto e le criticità della viabilità di alcune zone del territorio e per poter poi individuare i giusti correttivi, Via Cassia Antica, ecco la grande novità, nei prossimi giorni sarà riaperta al doppio senso di marcia.

 “Sarà riaperta senza se, senza ma e senza uso del condizionale” dichiara a VignaClaraBlog.it Gianni Giacomini, presidente del XX Municipio, soddisfatto per essere riuscito ad ottenere questo risultato, anche si si tratta solo di una riapertura a tempo.

 Va subito precisato infatti che per ora si parla di sperimentazione al termine della quale si trarranno le conclusioni dopo aver analizzato i flussi di traffico, i benefici, gli impatti, positivi o negativi, sulla viabilità locale.

 “La sperimentazione – aggiunge Giacomini – durerà almeno fino a tutto ottobre compreso in modo tale che, con la riapertura delle scuole, sia il traffico reale ad essere analizzato e non quello dei mesi estivi. L’ho preteso e l’ho ottenuto dall’assessorato alla mobilità del Campidoglio”.

Ulteriore novità, sottolinea il presidente, è che nel corso della sperimentazione la viabilità locale non subirà alcuna modifica, vale a dire che continuerà ad essere consentita la svolta a sinistra al termine di via Cortina D’Ampezzo.
Ricordiamo infatti che il divieto di effettuare questa svolta fu una delle principali cause del fallimento della precedente sperimentazione in virtù delle numerosissime proteste e del conseguente incremento di traffico sulla vicina Piazza dei Giochi Delfici.

Quando prenderà il via la riapertura? “Deciderò quanto prima il giorno esatto dopo averlo correttamente concordato con il dr Bracci, comandante del XX Gruppo di Polizia Municipale”.

“Nel frattempo – conclude il presidente Giacomini – visto che VignaClaraBlog.it è il quotidiano on-line più diffuso di tutto il nostro territorio, vi invito a dare subito la notizia in modo che tutti gli utenti di Roma Nord sappiano che da un giorno all’altro sparirà il cartello di divieto di transito all’inizio di via Cassia Antica”.

L’invito è chiaro ed esplicito e, nel raccoglierlo, lo giriamo subito a tutti i nostri lettori che da Roma Nord percorrono la Cassia in direzione centro.  Giunti all’incrocio Cassia Nuova-Via Oriolo Romano – via Cassia Antica, se non vedete più il “famigerato” cartello imboccatela e percorretela.

A parte togliersi una soddisfazione tanto agognata e non vedere più l’auto bianca degli ausiliari del traffico semi nascosta e pronta a colpire, percorrerla assiduamente ed in tanti contribuirà a fare in modo che la sperimentazione abbia un significato e che via Cassia Antica torni ad essere transitabile nei due sensi non solo fino ad Ottobre ma ben oltre.

Fabrizio Azzali

© riproduzione riservata – proprietà EdiWebRoma

.

Visita la nostra pagina di Facebook

41 COMMENTI

  1. Finalmente1 era ora! I vantaggi su Via di Vigna Stelluti saranno evidenti anche in questo periodo di traffico ridotto. Ma soprattutto ne guadagneranno in tempo, denaro e salute tutti quelli che finora sono stati costretti a percorsi inutili in mezzo al trafifco invece di cavarsela con poche centinaia di metri per raggiungere dalla Cassia nord via Cortina D’Ampezzo , piazza dei Giuochi Delfici e via della Camilluccia.
    Un invito alla polizia urbana a far rispettare il divieto di svolta a sinistra per chi esce dal CTS e dai numerosi esercizi commerciali e locali che proliferano nella zona. .

  2. ancora non hanno capito. non si può riaprire senza aver fatto le modifiche necessarie, sarà flop come lo era già stato. provano a giocarsela aprendola ad agosto così per una mesata diranno che la cosa funziona.

    lì serve una rotonda altrimenti il traffico si blocca e si creano code devastanti.

  3. Se non realizzano una rotatoria nello snodo via Cortina , via Cassia antica, uscita supermercati e ex Sgaravatti, eliminando quel pericoloso stop per chi viene dalla Cassia verso Giochi Delfici, quell’incrocio prima o poi provocherà uno o più morti!!
    Aggiungiamo che prima o poi costruiranno degli edifici abitativi proprio su quella biforcazione.
    Le rotatorie sono imposte da una direttica CE!!!

  4. Una considerazione banale: raggiungere attualmente dalla Cassia nord via Cortina d’Ampezzo o piazza dei Giuochi Delfici e via della Camilluccia comporta percorrere via Cassia Nuova fino al semaforo per poi svoltare a destra su via Vilfredo Pareto e da lì imoboccare via Cassia Antica in direzione via Cortina d’Ampezzo o piazza dei Giuochi Delfici.
    Visto che a fare questo percorso é l’automobile, che impiega al massimo 3-5 minuti in più del tempo che ci vorrebbe scendendo direttamente da Via Cassia Anrtica, almeno a me sorge spontaneo l’interrogativo su quanto meriti veramente riaprire un doppio senso con il rischio serio di incidenti all’altezza dell’entrata/uscita del CTS, dove nessuno degli automobilisti che deve andare in via Cortina d’Ampezzo rispetta il divieto di svolta a sinistra, che per di più prende da dove si entra al supermercato e non da dove si esce.

  5. Per cortesia non ricominciamo con il solito terrorismo psicologico di chi non vuole la riapertura ! Con il buon senso e con l’educazione civica possono convivere sia chi ha necessità di scendere verso il centro sia chi esce da via Cortina D’Ampezzo.
    Sig. Bosi il suo ragionemento contiene più di una pecca. Primo, a scendere su via Cassia Nuova ci vuole molto di più di 3-minuti; faccia lei la prova alle 8 del mattino, quando le scuole sono aperte e la fila inizia dall’Ospedale San Pietro e finisce sul viadotto di Corso Francia.
    Secondo, all’uscita di via Pareto c’è l’obbligo di svolta a destra, quindi per tutti coloro che debbono recarsi a Piazza Giochi Delfici, sulla Camilluccia, a Vigna Clara, a Ponte Milvio oppure che devono portar i loro figli a scuola alle elementari Zandonai, alle medie della Maratona o al liceo Farnesina il suo esempio non è affatto calzante, anzi mi scusi è fuorviante. E’ probabile che lei non conosca bene la zona o che non abbia la necessità quotidiana di recarsi in uno dei posti che ho indicato.
    Buona giornata.

  6. Bosi , mica si è accorto per caso che da Via Pareto NON può svoltare a sinistra per Giochi Delfici ? Se NON se ne è accorto , okkio quando svolta , oltre ad essere pericoloso è anche vietato.
    Per arrivare a Giochi , deve fare Vigna Stellati.
    Quando all’incrocio dei vari supermarcati-vivai-locali , in attesa della “rotonda” , potrebbero “installare” un vigile , magari uno di quelli che staziona a Corso Francia davanti alla salita di Vigna Stelluti.
    Capisco che soffrirebbe di solitudine e dovrebbe lavorare però mica si possono passare tutte le mattinate sotto l’albero a chiacchierare con un collega.

  7. La decisione di riaprire ai cittadini la Via Cassia arriva in un momento in cui il centro-destra a causa di una manovra economica sciagurata sta perdendo consensi. Se non si tratta di una operazione di facciata i nostri Amministratori diano allora seguito, in tempi brevissimi, alle altre richieste dei cittadini:
    – manutenzione dell’Inviolatella da parte dell’istituto che ha firmato la convenzione
    – apertura dell’Inviolatella Borghese
    – apertura degli accessi all’Insugherata
    – sistemazione e pulizia dei giardini di Tomba di Nerone
    – intervento per rientrare in possesso dei terreni di Tomba di Nerone ceduti gratuitamente e mai entrati nel patrimonio del Comune.

  8. Gentile Presidente, ha dimenticato di dirci quali accordi avrebbe preso con l’Atac per la corsia preferenziale. Verrà spostata su via Cassia Nuova (e magari prolungata su C.so Francia fino all’Olimpica)? Cosa dovranno aspettarsi gli utenti del servizio di trasporto pubblico, di rimanere incastrati sulla Cassia Antica e allungare i già imbarazzanti tempi di percorrenza medi? Faranno bene a buttare la tessera e prendere anche loro l’automobile?
    Grazie

    PS: bella la vita del redattore… basta un ‘copia e incolla’ dall’articolo dello scorso anno e il gioco è fatto… dato che siamo un’altra volta alla “sperimentazione”.. 😉

  9. Fortunatamente non sono l’unico a ricordare un simile annuncio ed una rapidissima retromarcia… speriamo bene.
    Trovo davvero curioso sostenere che una simile iniziativa non dovrebbe essere presa perché si rischia la paralisi per colpa di chi non rispetta l’obbligo di svolta a destra all’uscita del supermercato. Ma scherziamo? Si toglie un’opportunità ai cittadini per non “disturbare” chi commette un’infrazione? E se l’accesso al supermercato fosse solo dal cancello sotto viale Cortina d’Ampezzo e l’uscita fosse dal cancello accanto a via Val Gardena? La Cassia a doppio senso lo consentirebbe, no?

  10. Ma non sarebbe stato forse più opportuno, piuttosto che lanciare il proclama, rendere pubblica già la data di riapertura

  11. La riapertura probabilmente (ma NON sicuramente) metterà d’accordo Cortina d’Ampezzo (che si era leggitimamente opposta all’assurdo divieto di svolta a sinistra della precendente ordinanza) e via Cassia.
    Faccio solo notare come la situazione di PERICOLO di svolta a sinistra verso Piazza Giochi Delfici per chi percorre Via Pareto, si ripropone, analogamente, sull’incrocio Cortina/Cassia/Acqua Traversa/CTS/Sgaravatti.
    Al primo incidente (e già adesso se ne contano parecchi…) la sperimentazione verrà interrotta e ripristinata la disciplina di traffico attuale.
    La soluzione UNICA rimane ancora quella della ROTATORIA !!!!
    I “Giacominiproclami” non fanno più effetto…!!!! Perchè la Circoscrizione ha abbandonato la soluzione rotatoria…??????

  12. Concordo con Angela.
    In quel punto si intersecano: Via Cortina verso Piazza Giochi, Via Cortina verso Via Cassia, Via Acqua Traversa verso Piazza Giochi e Via Cassia, Via Cassia (da San Godenzo) verso Via Cortina e Piazza Giochi, uscita CTS verso Via Cassia e, (anche se VIETATO) verso Piazza Giochi, Via Cassia da Piazza Giochi verso Via Cortina, Via Cassia (S.Godenzo) e CTS.
    In più ci sono due fermate di autobus !!!
    Il tutto SENZA semafori nè presenza di vigili.
    E’ molto pericoloso e già ci sono svariati precedenti di incidenti.
    Chi si prende la responsabilità della sperimentazione??? Giacobini??
    Il comandante dei Vigili???
    Perchè non fare la rotatoria????

  13. SE CI SCAPPA IL MORTO CON CHI CE LA DOVREMO PRENDERE ????
    Invito VCB a continuare con la battagli intrapresa a suo tempo: UNICA SOLUZIONE PER LA VIABILITA’ E LA SICUREZZA: ROTATORIA !!!!
    Da VCB “….La perplessità aumenta. Ed allora viene spontaneo pensare che una rotatoria predisposta al termine di Via Cortina D’Ampezzo avrebbe potuto invece risolvere ogni problema, consentendo sia a chi esce da via Cortina D’Ampezzo e da Via Dell’Acqua Traversa ma addirittura a chi esce dal centro commerciale di andare in qualsiasi direzione.
    Se sperimentazione deve essere bisogna saper osare. In tema di viabilità sperimentare significa mettere in campo soluzioni innovative e dirompenti che migliorino la mobilità anziché irrigimentarla. Ma tant’è, torneremo a parlarne, non c’è dubbio….”

  14. Questo non è terrorismo psicologico, questo è bombardamento di falsità ! Addirittura già si paventano i morti ! Angela e Marcello, ci dite quando sarebbero accaduti questi “svariati incidenti” visto che dite che “già se ne contano parecchi” ?? Se parlate di qualche tamponamento è roba di tutti i giorni in tutta Roma, se parlate di cose più gravi allora fuori le date, perchè lì non succede un incidente serio da almeno tre anni !
    Si è subito capito che voi di via Cortina d’ampezzo volete boicottare di nuovo la riapertura ! e meno male che un anno fa il presidente del vostro consorzio aveva detto che era d’accordo…

  15. Andiamo bene… qui ricominciamo con le fazioni “voi di Cortina d’Ampezzo” “voi della Cassia”… siamo sicuri che è questo il modo di impostare la discussione affinché possa portare a qualcosa di utile?

  16. @ Roberto:
    1) abito sulla Cassia;
    2) sono assolutamente favorevole alla riapertura;
    2) mio nipote 7 giorni fà si è rotto femore e clavicola in un incidente con una automobile che non ha rispettato lo Stop altezza “Sgaravatti”
    3) ieri c’era un tamponamento a catena tra 4 auto;
    4) la polizia Municipale e il Comune Mobilità hanno stabilito che l’incrocio è ad “alto rischio” (tanto è vero che nella sperimentazione precedente NESSUNO, Comandante in primis, si era preso la responsabilità di consentire a chi scende da via Cortina di svoltare a destra verso la Cassia;
    5) resto fermamente convinta, sia per la sicurezza che per la scorrevolezza, la soluzione da perseguire sia LA ROTATORIA (o, in subordine un semaforo)…
    Saluti.

  17. @ Roberto… dimenticavo….. sostieni che “… lì non succede un incidente serio da almeno tre anni !…” ma ti sei chiesto perchè..????? Prova a pensarci, non è difficile….. (puoi andere a vedere le statistiche degli incidenti PRIMA che istituissero la corsia preferenziale…)
    Ancora saluti…!!!

  18. Hai ragione Roberto, qui è proprio un bombardamento di notizie errate, fatemi dure pure tendenziose… oggi è arrivato in soccorso anche Il Tempo, dove abbastanza falsamente (indovina dove abiterà l’autrice) si dice che la precedente sperimentazione creava “file interminabili negli orari di punta e un caos pericoloso e incontrollato”.
    Ma quali file, ma quale caos incontrollato se c’erano i vigili tutti i giorni !
    leggi un po’
    http://www.iltempo.it/roma/2011/07/19/1273174-torna_fino_ottobre_doppio_senso_marcia_sulla_cassia_antica.shtml?refresh_ce
    chiacchiere su chiacchiere come chi parla di numerosi incidenti citandone poi uno solo che poteva capitare ovunque.
    Dopo il Tempo chi sparerà la prossima bordata ? Facile dirlo, come l’altra volta il Campidoglio. Vedrai che questa volta neanche gliela fanno cominciare la sperimentazione, come al solito la casta di via cortina d’ampezzo l’avrà vinta sulle migliaia di utenti della cassia.

  19. @ Simone: grazie per il link, molto istruttivo vedere come la cavalleria è sempre pronta ad arrivare in soccorso della fanteria.

    @Angela: prima parli di tanti incidenti, dici che ne se contano parecchi, poi riesci a malapena a citarne due. Mi dispiace tanto per tuo nipote ma se uno sciagurato non rispetta uno stop o se 4 auto si tamponano che centra con la riapertura della Cassia antica ? sono incidenti che possono capitare in ogni angolo di Roma !
    Dopodichè cambi idea, e dai ragione a me quando dico che sono anni che non succede niente… insomma un po’ di coerenza no?
    Ma non voglio fare tanta polemica quindi mi dichiaro subito d’accordo con te : mettiamo un semaforo. Non costa nulla, a differenza della rotatoria, e si installa in mezza giornata. Occhio: il tempo del verde deve essere ugauale per tutti eh, non facciamo che per chi viene da via cortina il verde dura 5 minuti !! sono prevenuto? ebbene si 🙂
    Allora mettiamo ai voti il semaforo: chi ci sta ?

  20. ” qui è proprio un bombardamento di notizie errate, fatemi dure pure tendenziose… oggi è arrivato in soccorso anche Il Tempo, dove abbastanza falsamente (indovina dove abiterà l’autrice) si dice che la precedente sperimentazione creava “file interminabili negli orari di punta e un caos pericoloso e incontrollato”.
    Ma quali file, ma quale caos incontrollato se c’erano i vigili tutti i giorni !

    io ho le foto delle code che si verificavano con la riapertura. ci sono anche i vigili impotenti nella foto.

    non mistifichi la realtà,non è questione di dove si abita. è questione che quella sperimentazione è stata un fiasco totale.
    riproporla senza toccare nulla non cambierà le cose.

    facendola ad agosto si drogano i risultati.. a ottobre voglio vedere!

    ribadiamolo: serve una rotonda! rifare tutto uguale non produrrà effetti migliori.

    se volete allego foto non ho problemi. per me parlano i fatti. non gli interessi personali. magari si facesse una rotonda, quell’ìincrocio è malefico. anche allo stato normale delle cose. uno dei più pericolosi di Roma.

  21. Mi piace questa pianificazione dal basso della gestione dei semafori…
    Io voto 2 minuti di verde a chi arriva da giochi delfici ogni direzione, poi 1 minuto ancora da giochi delfici solo dritto e da senso opposto ogni direzione, poi 1 minuto solo per i cortinesi a scendere.
    La mattina il contrario. Ci vogliono i semafori intelligenti.
    Da acqua traversa si aspetta e dai supermercati pure.
    Chi offre di più?

  22. VIA CASSIA ANTICA DEVE ESSERE RIAPERTA PER SEMPRE CORSO FRANCIA NON PUO’ ACCOGLIERE TUTTO IL FLUSSO DI TRAFFICO !
    FATE QUESTA ROTATORIA DEL CAVOLO E SMETTETELA DI CERCARE CHISSA’ QUALE SOLUZIONE ASSURDA E’ TANTO SEMPLICE!

    per di piu via cortina d’ampezzo non ha pi il traffico di qualche anno fa grazie al tunnel nuovo quindi è giusto venga riaperta via cassia veccha.

  23. @ Roberto: non ho “cambiato idea” ma solo ironicamente provato a farti ragionare sul perchè gli incidenti siano diminuiti….. ci riprovo in modo più chiaro: solo perchè i flussi di traffico, da quando è statoa istituita la corsia preferenziale, sono drasticamente diminuiti (parliamo del 50 % in meno…).
    Comunque ok, ROTATORIA e/o SEMAFORO !!!!!

  24. Cara Angela, non volgio fare polemica, ma dammi il link da dove prendi questi dati e queste percentuali, vorrei studiarle anche io. In ogni caso seguendo il tuo ragionamento se volessimo azzerare a Roma gli incidenti bisognerebbe chiudere tutte le strade al traffico e andare tutti a piedi ! Capisci da sola che non può essere questa la motivazione per tenere chiusa la Cassia Antica ?
    Facciamo questo semaforo allora. Ciao.

  25. @ Roberto…. concordo che non possa essere questa la soluzione, ma spero tu abbia l’onestà intellettuale di ammettere che un incrocio a “raso”, su cui convergono 3 strade (di cui 2 ad alta percorrenza) e 2 passi carrabili senza un minimo di regolamentazione semaforica (o di rotatoria….!!!) sia da considerare “pericolosa”…. o no???
    Tant’è che il precedente comandante dei viglil, nell’applicare la prima sperimentazione, aveva escluso, proprio per motivi di sicurezza, l’incrocio a raso Cortina/Cassia. Un caro saluto.

  26. Negli ultimi anni l’unica strada sempre e solo penallizzata dai provvedimenti di viabilità è stata la Cassia Nuova. Qualcuno si è reso conto che il divieto di svolta a destra verso Vigna clara – via Jacini ha comportato una sosta semaforo in più su Corso Francia- con relativo allungamento della coda dalla Cassia in direzione centro- per chi deve raggiungere appunto piazza Giochi Delfici obbligatoriamente attraverso via di Vigna stelluti .
    Ormai via Cortina è stata liberata dal traffico dalla Galleria, Via Jacini e dintorni sono tranquilli e allora…ben venga finalmente un pò di respiro anche per la Cassia e per via Vigna Stelluti.
    E speriamo che vengano prese le opportune iniziative per la sicurezza del traffico in modo che la riapertura possa durare.

  27. Sono favorevole all’apertura con tutte le misure necessarie a garantire la sicurezza. Una proposta per “compensare” il venir meno della corsia preferenziale : spostare il capolinea di una delle due linee 201 o 301 da piazza Mancini a Piazza Augusto Imperatore. Che ne pensate?

  28. basterebbe aumentare la frequenza del 224 oppure togliere qualche fermata perchè impiega una infinità di tempo. almeno un autobus che collega direttamente la nostra zona al centro farebbe comodo.

  29. Aggiungiamo che attualmente la segnaletica orizzontale riguado lo stop è mal fatta, proveniendo da Giochi Delfici si da la possibilità di svoltare verso via Cortina in un tratta di strada molto e non in una sezione ben delimitata, mettendo in difficoltà chi proviene dallo stop della Cassia.
    Inoltre molti di quelli che provengono da via Cortina si immettono ad alta velocità e chi proviene dalla Cassia si trova in condizioni di torcere il collo per vedere chi proviene e poi ricontrollare che nessuno provenga dall’altra direzione.
    Inoltre molti automobilisti hanno il vizio di non segnalare la svolta con la freccia.
    Era sicuramente più sicuro la vecchia segnaletica, con lo stop per chi andava e veniva da via Cortina.
    L’unica è la ROTATORIA, come è stato detto ben ampia.
    No al semaforo!
    Quando CLARKE misere dilettantemente i semafori a Giochi Delfici senza una analisi tecnica dei flussi di traffico, andò in tilt tutta la zona nord, tanto che furono costretti a disattivarli.

  30. Oltre al problema di via Cassia vorrei segnalare il problema del collegamento tra Cortina D’ampezzo e Balduina. L’apertura del tunnel se ha facilitato tutti i collegamenti ha praticamente separato i due quartieri. Ora si deve passare per via Fani attraversando la Trionfale, con relativa fila che si forma su via Fani, dove passa anche l’autobus.
    Non si potrebbe pensare ad una rotatoria in fondo a via Cortina per accedere a via Trionfale per facilitare il traffico in direzione centro?

  31. Finalmente!!
    Ciò che mi sconcerta, però, è che si debba fare l’ennesima sperimentazione.
    Se non erro, in passato, oltre a quella interrotta prima dei termini, ne era stata fatta un’altra che non aveva sortito alcun effetto catastrofico in termini di viabiltà.
    Quante volte bisogna sperimentare prima che si arrivi a delle scelte definitive? Forse nemmeno nei laboratori di ricerca scientifica fanno così tante sperimentazioni!

    Riguardo a chi ha obiettato che può essere una scelta politica dettata dalla recente mancanza di consensi, vorrei rispondere che può essere pure così, ma l’importante è che i cittadini possano trarne benficio.
    Saranno poi i ciittadini stessi a fare le opportune valutazioni alle prossime elezioni.

    Riguardo, invece, alla possibilità di incidenti che aumenterebbe, non mi dilungo su incroci pericolosi che esistono a Roma. Per fare un esempio proprio in tale zona, provate a fare via dei due ponti verso tor di quinto e vi accorgerete che all’altezza del cavalcavia, in prossimità di un dosso che toglie la visibilità, è possibile svoltare a sinistra a dispetto proprio della suddetta mancanza di visibilità. Ciò non significa che se esiste un male comune si deve perpetrare nel male, ma mi sembra che la pericolosità a cui molti si appellano sia un pretesto per non adottare tale provvedimento.

    Per quel che concerne la rotatoria, mi sembra che sia la soluzione migliore da adottare e non credo che ci vogliano tempi lunghissimi per la realizzazione, considerato che quella di via di grottarossa è stata realizzata in brevissimo tempo.

    Ringrazio, infine, la redazione che come al solito è sempre così solerte nel comunicare tutte le novità del nostro quartiere.

  32. Il mio parere, per come si sta gestendo la questione e che anche questa volta la strada verrà chiusa al traffico. In questi anni sono stati fatti diversi “esperimenti” e la soluzione dovrebbe essere già stata individuata. Quindi che sia la “rotonda” o “il semaforo” o quant’altro, il provvedimento doveva essere “la soluzione” e poi la riapertura, ergo è la solita farsa per poi avere il pretesto per chiuderla di nuovo. In vita mia non ho mai visto tanto controllo su una strada (la panda dalla mattina alle 8 fino alle 20 di sera è sotto gli occhi di tutti) il che mi fa pensare che qualcuno ha veramente a cuore la faccenda ma talmente a cuore che farà di tutto per mantenere le cose come sono. Volevo solo ricordare che quella strada è stata fatta con i soldi dei contribuenti e qualcuno si sta arrogando il potere di gestirla come strada privata. Finche dura…

  33. E’ facile prevedere il fallimento della sperimentazione, anche questa volta, ed è triste constatare l’improvvisazione di queste scelte.
    Come già detto da tanti, l’unica soluzione per un incrocio così complesso è la rotatoria, molto ampia altrimenti si replica Piazza Giochi Delfici, ma assolutamente non i semafori: io c’ero quando sono stati attivati quelli di Piazza Giochi e ancora me lo ricordo! Soldi pubblici (nostri) spesi inutilmente.
    Se esiste un comitato di quartiere, forse sarebbe più utile impiegare le energie degli abitanti di Via Cassia e Via Cortina per organizzare insieme una raccolta di firme + interventi in Consiglio Municipale/Comunale per chiedere la rotatoria, piuttosto che portare avanti una sterile diatriba di interessi particolari.

    Concordo anche con la segnalazione del nodo tra Via Cortina e la Trionfale (il progetto iniziale prevedeva la svolta a destra su Via Trionfale e poi la possibilità di inversione di marcia, ma dopo poco hanno fatto il cordolo che lo impedisce) ed aggiungo un altro nodo pericolosissimo delle zona, l’incrocio Via della Camilluccia/Via Stresa, molto trafficato da quando è stato aperto il tunnel.

    Chi viaggia un po’ avrà constatato che in tutta Europa (ma anche in altri comuni italiani) si stanno da anni sostituendo i semafori con le rotatorie e creandone di nuove in sempre più incroci, come da direttive U.E., peccato che noi, in particolare a Roma, siamo sempre gli ultimi a recepirle, con grave danno per la qualità della nostra vita…

  34. VIM raccogliamo l’invito volentieri. però l’invito si inoltri anche al comune, si provveda al più presto a creare una rete capillare di metropolitane per togliere la necessità di prendere l’auto.

    in una città come questa, se non hai scooter ed auto sei finito. specie in XX dove metro non ce ne sono.

  35. VIM: ha i mai provato ad accompagnare i figli a scuola e poi andare a lavorare dall’altra parte di Roma con questi mezzi pubblici a disposizione, dovendo firmare il “cartellino”?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome