Home ATTUALITÀ Roma – Fiaccolata contro le mafie nel ricordo di Borsellino

Roma – Fiaccolata contro le mafie nel ricordo di Borsellino

Partirà dal Pantheon, alle 21 di domani, martedì 19 luglio, la fiaccolata intitolata “Roma contro tutte le mafie” che si terrà proprio nel giorno in cui ricorre l’anniversario della strage di via D’Amelio durante la quale persero la vita il giudice Borsellino e la sua scorta. La fiaccolata, che si svolge sotto l’egidia di Roma Capitale, Provincia di Roma e Regione Lazio, ha raccolto numerosissime adesioni da parte di associazioni, istituzioni, partiti e da moltissimi cittadini.

“Domani a Piazza del Pantheon ci aspettiamo una straordinaria mobilitazione e la partecipazione di tutta la comunità per lanciare un messaggio forte contro la criminalità organizzata. Vogliamo ringraziare Don Luigi Ciotti, il fondatore di Libera, per aver scelto di partecipare alla Fiaccolata e di portare la sua testimonianza. La sua voce è quella di un uomo che ha speso ogni ora di ogni giorno della sua vita a contrastare con forza e umiltà la criminalità organizzata e che ci ha insegnato a non arrenderci mai, perchè solo uniti si può vincere.
Una voce che ci rappresenta tutti e che dà ancora più forza a questa manifestazione. Con lui saranno presenti sul palco, e ringraziamo, l’attore Edoardo Sylos Labini, che leggerà alcuni brani scritti da Paolo Borsellino e Rosario Vitarelli, presidente dell’Osservatorio regionale per la sicurezza e la legalità”.

E’ quanto dichiarano in una nota congiunta il presidente della Regione Lazio, Renata Polverini, il presidente della Provincia di Roma, Nicola Zingaretti e il sindaco di Roma Capitale Gianni Alemanno.

“Siamo contenti – continuano Polverini, Zingaretti e Alemanno – per le tantissime adesioni che sono giunte a questa iniziativa. Un evento importantissimo perchè è la più grande testimonianza della volontà comune delle istituzioni locali e delle tante realtà associative, politiche e sindacali di lanciare un segnale forte contro la criminalità organizzata, uniti, senza bandiere di parte, perchè non possiamo strumentalizzare la voglia di riscatto di tutte quelle donne e di tutti quegli uomini che non accetteranno mai di sottomettersi alla mafia” .

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome