Home ARTE E CULTURA Notti d’estate a Castel Sant’Angelo

Notti d’estate a Castel Sant’Angelo

Per l’Estate Romana del 2011 un fitto programma di proposte culturali è in atto nello storico monumento romano fino al 4 settembre 2011. Con Notti d’Estate a Castel Sant’Angelo, il Museo – ogni giorno tranne il lunedì – apre le sue porte per consentire, nelle calde serate estive, a romani e stranieri la visita di questo straordinario monumento tanto ricco di suggestioni. Ed ogni sera è possibile arricchire la visita al Museo con una delle proposte culturali programmate sui palchi del Cortile delle Fucilazioni o del Cortile della Balestra.

Il programma di ogni settimana comprende il martedì e la domenica visite straordinarie a spazi solitamente chiusi al pubblico, il mercoledì e il venerdì incontri musicali, il giovedì letture di classici e conversazioni d’arte, il sabato spettacoli teatrali mentre la domenica verranno svelati i luoghi segreti di Roma.

Dall’ingresso per la rampa elicoidale, che si inoltra nell’imponente cilindro romano, cuore dell’antico mausoleo di Adriano, si può salire ad ammirare le decorazioni dei fastosi appartamenti papali del Rinascimento, sostare negli eleganti cortili, esplorare le prigioni, passeggiare da un bastione all’altro sul Tevere, lungo la Marcia Ronda e fino alla Terrazza dell’Angelo.

Alle visite guidate al monumento nel suo complesso, si accompagnano visite straordinarie al Passetto di Borgo, alle Prigioni storiche e alla Stufetta di Clemente VII, spazi e ambienti solitamente chiusi al pubblico. Inoltre, proprio dal 1 luglio e dopo i recenti restauri, sono tornate visitabili le Sale Perseo e Amore e Psiche affrescate da Perin del Vaga e la Sala Clemente VII contigua alla Stufetta.

Infine, il Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo, che può offrire ai suoi ospiti quasi ad ogni sosta magnifiche viste sulla Città Eterna, dispone di una Caffetteria e di un Ristorante panoramici dove il pubblico può, piacevolmente, concludere la serata.

Il programma degli incontri musicali è curato da Davide Latella, quello degli spettacoli teatrali da Idalberto Fei, delle letture dantesche e shakespeariane da Alessandro Parise e delle conversazioni sui luoghi segreti di Roma da Costantino D’Orazio.

Il fascino del Museo Nazionale di Castel Sant’Angelo risiede anche in questo, in una continua scoperta di ambienti diversi, dalla suggestiva rampa un tempo percorsa dal corteo funebre al cortile rinascimentale, dalle tetre prigioni alle splendide sale affrescate, dalla cella funeraria al terrazzo che si apre sulla città di Roma.
Per prendere visione del programma cliccare qui  (fonte Provinz.it)

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome