Home ATTUALITÀ Manziana – Al via la due giorni di musica per i 20...

Manziana – Al via la due giorni di musica per i 20 anni del St John Singers Gospel Choir

Vent’anni di musica e concerti seguendo il film rouge del repertorio impegnato afroamericano. E per celebrare al meglio il ventennale, il St John Singers Spiritual Gospel Choir ha messo in campo una serie di iniziative che culminano oggi e domani, 16 e 17 luglio, in una due giorni speciale in programma a Manziana tra interpreti d’eccezione come Lino Patruno, Harold Bradley, Charlie Cannon, il nuovo Cd di denuncia “Da Gorèe a Lampedusa” e la mostra tematica sul fenomeno migratorio “Perché gli altri siamo noi”.

Una ventennale attività all’insegna della denuncia sociale e del sostegno dell’interculturalità a fianco di interpreti d’eccezione come i cantanti Harold Bradley, Joy Garrison, Charlie Cannon, Shawn Logan, Crystal White, Annette Merywether i musicisti Lino Patruno, Piermichele Bertaina, Giampalo Ascolese. Molti i riconoscimenti tra i quali quelli della Presidenza della Repubblica. Infiniti i concerti in piazze, carceri, teatri.

L’integrazione culturale ha segnato il passo di questo fortunato gruppo vocale che in vista del ventennale, ha inciso un nuovo, l’ennesimo, CD dall’eloquente titolo “Da Gorèe a Lampedusa”. Quattordici brani del repertorio gospel tra i quali composto da Pier Michele Bertaina su testo di Alessandra Prato che dà il nome all’album.

E la centralissima piazza Tittoni di Manziana, torna per l’occasione ad essere la cornice ideale per la rassegna promossa da Il Cantiere dell’Arte. Oggi, Sabato 16 luglio, alle 21.30 è la volta di Lino Patruno & The Hot Stompers con il vocalist Clive Riche mentre domani, domenica 17 luglio, alle 21.30 torna ad esibirsi il St John Singers Gospel Choir arricchito dai vocalist Harold Bradley e Charlie Cannon.

A corollario delle due giornate di musica internazionale sempre a Manziana in via del Forte sarà allestita una mostra tematica sul fenomeno migratorio degli ultimi 150 anni “Perché gli altri siamo noi” organizzata dal Cantiere dell’Arte in collaborazione dall’Associazione Terra Marique Eventi – Idee in movimento dalla pittrice Rossana Borzelli e dagli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Roma, accompagnata dalle note e dalle voci dei Green Voices di Bracciano.

Spunti di riflessione, attraverso una carrellata di fotografie, tele, sculture, filmati, etc., sull’emigrazione che nei secoli si ripete ciclicamente con le stesse modalità, le stesse rassegnazioni e le stesse speranze di sempre.

“In tanti, in questi venti anni – commenta il presidente de Il Cantiere dell’Arte, cavaliere Adriana Rasi – hanno condiviso con entusiasmo questa esaltante esperienza. Si è lavorato in accordo e in sintonia su temi universali quali l’interculturalità, tutto veicolato da quello splendido linguaggio che arriva a tutti i cuori che è la musica. Abbiamo col tempo perseverato nel cammino difficile attraverso il quale si muovono l’associazionismo e la cultura in Italia. Una straordinaria esperienza di lavoro e di vita”.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome