Home ATTUALITÀ Cineporto 2011 apre i battenti lunedì 18 luglio

Cineporto 2011 apre i battenti lunedì 18 luglio

Come ogni buona tradizione, non poteva mancare nell’estate di Roma Nord la manifestazione cinematografica Cineporto, giunta alla sua XXIV edizione. L’annuncio è delle ultime ore e sancisce il ritorno alla normalità dopo i problemi degli ultimi due anni (leggi qui); infatti, già a settembre 2010, l’amministrazione capitolina aveva riconosciuto a Cineporto lo status di manifestazione storica sanando così il dissidio che si era aperto con gli organizzatori; ma averne la piena contezza rende più tranquilli noi e tutti gli appassionati di cinema di Roma Nord ai quali quindi confermiamo: Cineporto apre i battenti lunedì 18 luglio.

Ancora una volta dunque nel fresco del Foro Italico, a due passi di Ponte Milvio e di fronte al Ministero della Farnesina, i migliori film della stagione si avvicenderanno su un grande schermo che nulla ha a che invidiare alle più attrezzate sale cinematografiche della città.

In più, nella nuova Area Multimediale, si potranno vedere opere prime, documentari e cortometraggi, che arricchiscono e completano una proposta che, nell’anno del 150° anniversario dell’Unità d’Italia, vede il cinema di casa nostra assoluto protagonista, tra grandi successi e film meno fortunati al botteghino – a dispetto della qualità. L’Area Multimediale, così come lo spazio ristoro e un’ampia Area Espositiva, si trovano nella tradizionale “Piazzetta” ad ingresso libero, che rappresenta da sempre l’elegante e animata cornice della manifestazione.

L’Arena

La fornitura e l’allestimento delle attrezzature tecniche legate alle proiezioni in Arena vengono affidate ormai da anni ad una Società leader di questo settore. Il motto “non come al cinema, ma meglio che al cinema” è ormai diventato un punto di forza di CINEPORTO. Non a caso la manifestazione può contare su una dotazione tecnica che non ha pari nel panorama del cinema all’aperto a livello nazionale.

Vengono infatti utilizzati per le proiezioni dei proiettori elettronici che rappresentano una evoluzione di quelli utilizzati negli studi di doppiaggio, gli stessi utilizzati nelle sale ad Alta Tecnologia allestite negli studi di Cinecittà. Inoltre l’impianto di riproduzione sonora dell’Arena è stato arricchito già da diverse edizioni del processore Dolby EX e del processore DTS – Digital Theater Systems 6AD.

La qualità delle proiezioni consentirà agli spettatori di godersi, nella migliore delle condizioni tecniche e ambientali, le commedie italiane premiate al botteghino insieme ad altri film importanti e imperdibili come Noi credevamo di Mario Martone, Il gioiellino di Andrea Molajoli, 20 sigarette di Aureliano Amadei (con il regista presente al termine della proiezione) e Vallanzasca – Gli angeli del male di Michele Placido.

Ricca anche l’offerta del grande cinema internazionale, con i grandi Autori americani come i fratelli Coen (Il Grinta), Woody Allen (Incontrerai l’uomo dei tuoi sogni), Clint Eastwood (Hereafter), il cinema spettacolare di Christopher Nolan (Inception), Neil Burger (Limitless) e Duncan Jones (Source Code) e i film che hanno trionfato all’ultima edizione degli Oscar ovvero Il discorso del Re, The Social Network, The Fighter, Il cigno nero e In un mondo migliore.

Ben rappresentato, come sempre, anche il cinema europeo, a cominciare da Uomini di dio che dopo aver spopolato al Festival di Cannes e al botteghino francese, ha raccolto molti consensi anche presso il nostro pubblico.

L’Area multimediale

Un’area appositamente allestita è destinata ad ospitare uno spazio attrezzato per lo svolgimento delle tre rassegne in programma per la 24° edizione di CINEPORTO, ovvero:

1) N.Aut.It – Nuovi Autori Italiani al Cineporto (in collaborazione con Laziodisu)
Da tre anni, Cineporto ha intrapreso una collaborazione con Laziodisu, l’Ente per il Diritto agli Studi Universitari nel Lazio, per l’organizzazione di una rassegna di film di giovani autori italiani alla Casa dello Studente di Via de Lollis, nel solco aperto per primo da CINEPORTO, molti anni fa, con la rassegna “Ma cos’è questa crisi?”. Tale collaborazione prosegue anche al CINEPORTO per un programma che comprende, oltre ai film proposti in Arena:
– LA PECORA NERA di Ascanio Celestini.
– DUE VITE PER CASO di Alessandro Aronadio.
– DIECI INVERNI di Valerio Mieli.
– INTO PARADISO di Paola Randi.
– 18 ANNI DOPO di Edoardo Leo.

2) CINEPORTO Doc
Negli ultimi anni alcuni documentari, sia italiani che stranieri, hanno trovato regolare distribuzione nelle sale, segnale di un crescente interesse del pubblico nei confronti di un genere che per molti anni è stato relegato solo alla televisione o al circuito dei Festival.

CINEPORTO ha colto questo segnale riservando già da tempo una sezione della manifestazione ai documentari italiani: un appuntamento che si rinnova anche quest’anno con cinque titoli che verranno proposti nell’Area Multimediale ad ingresso libero, tutti già presentati con successo in alcuni festival internazionali e che testimoniano la notevole vitalità del genere, oltre alla varietà e alla ricchezza di temi e personaggi trattati.

In programma:
– FRATELLI D’ITALIA (Italia, 2008) di Claudio Giovannesi.
– 1960 (Italia, 2010) di Gabriele Salvatores.
– NIENTE PAURA (Italia, 2010) di Piergiorgio Gay.
– INGE FILM (Italia, 2010) di Luca Scarzella.
– IN FABBRICA (Italia, 2007) di Francesca Comencini.

3) CineCorto
Fin dalle primissime edizioni, CINEPORTO ha incoraggiato il suo pubblico a rivolgere attenzione al formato del cortometraggio e anche quest’anno non ha voluto far venir meno un appuntamento ormai caro a tutti i frequentatori della manifestazione.

CineCorto presenterà, nell’Area Multimediale ad ingresso libero, tredici cortometraggi italiani provenienti da festival e rassegne nazionali ed internazionali con proiezioni ripetute per assicurare loro la massima visibilità.

Con questa iniziativa, CINEPORTO intende dare spazio ad opere che, pur nella loro brevità, sottendono sforzi produttivi ed artistici non indifferenti, meritevoli di essere riconosciuti anche da platee non specializzate.

In programma:
– JODY DELLE GIOSTRE di Adriano Sforzi (David di Donatello 2011 per il Miglior Cortometraggio)
– OMERO BELLO-DI-NONNA di Marco Chiarini (Nastro d’Argento 2011 per il Miglior Attore Protagonista)
– ARMANDINO E IL MADRE di Valeria Golino (Nastro d’Argento 2011 per il miglior regista esordiente)
– SALVATORE di Bruno e Fabrizio Urso (Premio Miglior Cortometraggio italiano al Festival Arcipelago 2011)
– DIARI DI AUTUNNO di Ruggiero Cilli (Gran Premio della Giuria al Piemonte Movie gLocal Film Festival)
– PIZZANGRILLO di Marco Gianfreda (Premio Speciale della Giuria al Festival Arcipelago 2011)
– 108.1 FM RADIO di Angelo e Giuseppe Capasso (Miglior Film a Efebo Corto Film Festival)
– BLOODY MARY CHRISTMAS di Claudio Centimèri (Selezione di Arcipelago 2011)
– STORIA DI NESSUNO di Manfredi Lucibello (Primo Premio al Festival Internazionale di Courts du Polar di Lione)
– SETTEMBRE di Matteo Mazzoni (Selezione di Arcipelago 2011)
– IL GARIBALDI SENZA BARBA di Nicola Piovesan (Menzione Speciale Giuria Giovani a Valdarno Cinema Fedic 2011)
– VADO PAZZO PER LE VACCHE di Tommaso Magnano (Primo Premio e Menzione della Giuria a Cortomatto 2011)
– COSE NATURALI di Germano Maccioni (Premio Michelangelo Antonioni per la Migliore Regia al Bari International Film&Tv Festival)

Lo spazio espositivo

1) L’Inno di Mameli: 20 Pittori interpretano
In una Serata Speciale, lunedì 25 luglio, in contemporanea con la proiezione di Noi credevamo di Mario Martone, verrà presentata in anteprima assoluta una Mostra Pittorica che ha come tema l’Unità d’Italia, celebrata attraverso l’interpretazione di uno dei suoi momenti più alti ed appassionati: “Il Canto degli Italiani” meglio conosciuto come l’Inno di Mameli.

La Mostra, realizzata dal Gruppo Artistico “Nessun Dorma” di Roma, consta di venti grandi opere pittoriche, appositamente realizzate con tecniche diverse, tutte alte cm 100 per omogeneità di esposizione, ispirate ai versi dell’Inno di Mameli in tutte le cinque strofe, anche quelle meno note, precedute da un pannello introduttivo con l’Inno nella sua completezza ed esposte in sequenza, ciascuna accompagnata da una didascalia con i versi di riferimento.

2) Il Volto del Brigante – Realtà e leggenda del Brigantaggio Politico post-unitario
Realizzata in occasione del 150º anniversario dell’Unità d’Italia ed in collaborazione con il Centro Studi sul Brigantaggio la mostra presentata da CINEPORTO intende portare alla ribalta quella rivolta contadina altrimenti detta Brigantaggio Politico, che concluse drammaticamente il difficile percorso unitario del nostro Risorgimento.

L’intento della mostra, oltre a presentare il fenomeno del brigantaggio pre e postunitario ed i suoi protagonisti, attraverso immagini, fotografie e testimonianze d’epoca, intende evidenziare lo stretto legame che intercorse fra queste bande di Briganti (erano così definiti dai comandi militari Savoiardi tutti i gruppi di resistenza incontrati) e la rivolta sociale sfociata in breve in una guerriglia antiunitaria e filoborbonica.

La mostra si compone di 25 pannelli descrittivi, contenenti un testo preparato appositamente dallo storico Paolo Zanetov, Presidente del Centro Studi sul Brigantaggio, foto d’epoca, riproduzioni di documenti originali, bandi, lettere di riscatto e rari ritratti dei principali capobanda.

3) Personale di Alfredo Moroncelli
Presentata da Achille Bonito Oliva, quella di Alfredo Moroncelli è la Mostra di un mondo nascosto, reso impermeabile e quasi invisibile fino ad oggi dalla profonda mitezza creativa di un uomo dalla genialità esplosiva.

Al CINEPORTO vengono esposte le sue riflessioni plastiche sul dopo terremoto e sul disastro di Fukushima, prosecuzione di una grande esposizione in una prestigiosa galleria d’arte romana. Un ciclo di opere, sculture in ferro, collages, grandi carte verniciate e dipinte, con le vernici scure della notte del terremoto, dipinte con i colori di chi ha conosciuto la paura.

Il riscatto di un popolo, quello giapponese, nella memoria di una cultura antica e profonda, che ha saputo superare la violenza dello tsunami e combattere l’aggressione radioattiva con la dignità che lo contraddistingue.

4) Personale di Antonio Ciarallo
Formatosi nella Torino dell’Arte Povera e dell’Arte Concettuale, Antonio Ciarallo è un artista che conosce le alchimie della materia, i misteri della lievitazione, il rapporto tra la terra e un suo prodotto, il grano, l’aria, l’acqua ed il fuoco perché ha conosciuto, dalla sua educazione da fornaio, il miracolo della produzione del pane.

Questa origine è davvero importante per entrare nel suo mondo pittorico, dove l’uso sapiente della materia, unione di sensibilità e innata interpretazione emotiva, nascono dal quotidiano e trascendono la pura rappresentazione formale.

5) Personale di Alessandro Sansoni
Quello di Alessandro Sansoni è un viaggio nel labirinto delle emozioni, riscaldato dalla memoria e reso trasparente dal velo della pittura, che a volte cancella ed altre volte evidenzia, un sogno lucido senza esercizi di stile, un aprirsi generoso alle proprie contraddizioni, un offrirsi senza difese al sacrificio rituale dell’arte.

Le sue opere sono segnale e chiave di lettura, rivelano sogni ed aspirazioni, descrivono dubbi e certificano quel malessere che ci fa desiderare l’apparizione di un fiore dietro il cemento, risarcimento dello spirito, premio conquistato nella sfida della pittura e della coscienza, nel nome dell’intelligenza ed in virtù dell’arte.

6) Le Mostre Fotografiche
Nello Spazio Espositivo si avvicenderanno anche le Mostre di fotografi italiani di fama internazionale curate del Centro Sperimentale di Fotografia “adams”, alcune delle quali legate al cinema e ai suoi protagonisti.

Scuola di burraco

Tutti i giorni, dalle 19.30 alle 20.30, nella Piazzetta di CINEPORTO, l’arbitro della FEBURIT (Federazione Burraco Italia) Antonio Archina terrà lezioni sulle regole e le strategie del gioco del Burraco. Alle 21, quindi, si svolgeranno Tornei tra gli spettatori appassionati del gioco.

Info e programma

CINEPORTO 2011, dal 18 luglio al 28 agosto è in Viale Antonino di S. Giuliano (100 mt da Ponte Milvio).  Apre alle 19.30 e l’inizio proiezioni è alle 21.15
L’ingresso all’Area (Area Multimediale, Spazio Mostre, Ristoro, Tornei) è gratuito, l’ingresso all’Arena costa 6 euro, ridotti a 4 per studenti universitari del Lazio, e aventi diritto.
Per leggere l’intero programma è sufficiente cliccare qui.

 

 

 

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome