Home AMBIENTE Sigilli al depuratore Acea Ato 2 di Roma Nord

Sigilli al depuratore Acea Ato 2 di Roma Nord

Il personale del Comando Provinciale di Roma del Corpo forestale dello Stato ha sequestrato il depuratore Acea Ato 2 di Roma Nord, dando esecuzione ad un decreto emesso dal GIP del Tribunale di Roma. Lo riferisce, in una nota, lo stesso Corpo forestale dello Stato. Le indagini, spiega il comunicato della Forestale, hanno permesso di accertare ”ripetuti malfunzionamenti” nell’impianto gestito dalla societa’ Acea Ato 2.

L’impianto era autorizzato alla raccolta di liquami provenienti dalla rete fognaria del bacino di Roma Nord ed al trattamento dei fanghi non palabili, cioe’ liquidi, e di altre tipologie di rifiuti provenienti dai depuratori dei comuni appartenenti alle province di Roma e di Rieti che rientrano nell’Ambito Territoriale Ottimale (ATO) 2. Le indagini della Forestale hanno invece documentato ”lo sversamento nel fiume Tevere di acque reflue non correttamente depurate, in quanto addizionate di fanghi non sottoposti ai previsti trattamenti”.

Gli agenti, prosegua la Forerstale, hanno accertato che ”parte dei liquami e dei rifiuti convogliavano direttamente allo scarico nel Tevere dopo il solo processo di sedimentazione primaria e quindi prescindendo dall’effettuazione di tutte le altre fasi di depurazione. I fanghi conferiti su gomma, da considerarsi rifiuti ai sensi della vigente normativa di settore, venivano infatti miscelati con i liquami urbani senza essere sottoposti a tutti i trattamenti previsti”.

Il quadro che emerge dalla relazione degli esperti nominati dal Pubblico Ministero e’ che con ”le modalita’ di gestione attuate per una parte dei rifiuti provenienti dall’esterno, depurati solo parzialmente, di fatto l’impianto veniva a costituire lo strumento per il loro sversamento in acque superficiali, nel caso specifico il fiume Tevere, attraverso una semplice miscelazione con le acque reflue urbane depurate”.

I reati ipotizzati sono la frode nelle pubbliche forniture, in relazione alla ripetuta violazione degli obblighi derivanti dalla convenzione di gestione del servizio idrico integrato, e lo smaltimento illecito di rifiuti.

Attualmente risulta interdetto qualsiasi conferimento presso il depuratore di rifiuti provenienti dall’esterno.

Nel mirino degli investigatori e’ finito anche l’utilizzo in agricoltura dei fanghi derivanti dal processo di depurazione, gestito da una societa’ legata al gruppo ACEA S.p.a., in possesso della specifica autorizzazione della Provincia di Roma.

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome