Home AMBIENTE Cassia Bis – Aspra polemica fra XX Municipio e Provincia di Roma...

Cassia Bis – Aspra polemica fra XX Municipio e Provincia di Roma sulla bonifica delle piazzole

Sacchetti di immondizia, gomme di auto, mobili ed elettrodomestici abbandonati, carcasse di motorini, c’era di tutto sulle piazzole della Cassia bis, da Roma Nord fino a Formello, sia su un lato che sull’altro dei suoi 13 km di lunghezza. Negli ultimi mesi sono state decine le denunce dei cittadini e le inchieste giornalistiche che ne hanno documentato il degrado. A chi competeva pulirle? Dopo un lungo ping pong fra Astral, Regione Lazio e Provincia di Roma, quest’ultima, nella giornata di ieri, martedì 1 febbraio, ha dato il via ai lavori di bonifica.

Lavori sui quali però si è accesa una forte polemica fra la presidenza del XX Municipio e la Commissione Lavori Pubblici della Provincia. Un aspro botta e risposta a suon di comunicati affidati alla stampa.

L’affondo del XX Municipio

Dalla presidenza del XX Municipio si fa infatti notare che “a seguito dei numerosi solleciti del Presidente del Municipio XX, Gianni Giacomini, d’intesa con il Commissario dell’Ente Parco di Veio, Massimo Pezzella, sono iniziati finalmente i lavori di pulizia delle piazzole lungo la Cassia Bis. Purtroppo nonostante le tantissime istanze presentate dal Presidente Giacomini alla Provincia di Roma, il fenomeno è continuato a crescere complice lo scaricabarile circa il declino delle responsabilità tra Regione Lazio e la stessa Provincia di Roma e solo ora si è giunti ad un intervento da parte di quest’ultima.”

Il Presidente Giacomini ci tiene però a condividere il ruolo proattivo sottolineando “il contributo dell’Ente Parco di Veio che, raccogliendo le continue segnalazioni del Presidente del XX Municipio, ha predisposto una serie di interventi per salvaguardare la sicurezza stradale”.

La replica della Provincia

Non si fa attendere la replica. Il vicepresidente della Commissione Lavori Pubblici della Provincia di Roma, Enzo Carpenella, respinge al  mittente  le accuse rispondendo per le rime. Dichiara infatti che “La Provincia di Roma ha avviato la pulizia straordinaria dei rifiuti lungo i margini della Cassia e della Cassia bis facendosi carico, con risorse proprie, di un intervento di bonifica nonostante non fosse di sua stretta competenza.
La Provincia ha infatti competenza sulla manutenzione ordinaria delle due strade, nella quale non rientra la pulizia dei rifiuti nelle piazzole di sosta e lungo i margini.
Appare chiaro, dunque, che non abbiamo risposto ad alcun sollecito, semmai avviato con urgenza i lavori di ripristino ambientale per evitare che la situazione potesse raggiungere livelli di degrado difficili da recuperare. Per questo, c’è da rimanere basiti di fronte alle affermazioni di figure istituzionali come il presidente del XX Municipio e del commissario del Parco di Veio, che appaiono perciò strumentali e lontane dalla verità”.

Ma non basta, Carpanella ci tiene invece a sottolineare che “L’Amministrazione provinciale, sottraendosi al gioco del balletto di responsabilità, o peggio ancora dello scarica barile come invece hanno fatto altre istituzioni, si è assunta l’onere di intervenire per dare una risposta concreta ad un problema di decoro ambientale, togliendo le carcasse di elettrodomestici, inerti, calcinacci, detriti vari lungo i 13 km della Cassia bis e dal km 19 al km 34 della Cassia. Nonostante la Provincia di Roma in queste due strade abbia come unica responsabilità la manutenzione ordinaria, mentre quella straordinaria sia stata affidata dalla Regione, ente proprietario, all’Astral e il conferimento dei rifiuti in discarica spetti ai comuni”

“Ricordiamo – continua Carpenella – che già il 6 dicembre scorso avevamo sollecitato un incontro con Regione Lazio, Astral e comuni di Roma, Formello e Campagnano. Purtroppo non c’è stata alcuna risposta, se non quella generica dei Comuni. Di qui, la nostra decisione di avviare comunque i lavori di pulizia affidando l’intervento ad un’impresa specializzata, coadiuvata dai nostri operatori della viabilità”

“Questa – conclude Carpenella – la corretta ricostruzione dei fatti. Il resto, sono solo polemiche di piccolo cabotaggio nelle quali, francamente non intendiamo scadere e che lasciamo volentieri al presidente del XX Municipio di Roma e al commissario del Parco di Veio”.

Visita la nostra pagina di Facebook

4 COMMENTI

  1. Avevo già segnalato questa indecenza, ma la segnalazione era caduta nel vuoto., perché come al solito, c’era un conflitto di competenze. Ho scritto anche in questo blog, e sembra che finalmente qualcuno si sia accorto dello schifo presente nelle piazzole. Comunico che da ieri ho verificato che le piazzole della Cassia Bis, in direzione Viterbo sono pulite, mentre quelle in direzione roma, penso lo stiamo facendo. Quelle della Cassia, invece ancora sono nello stato pietoso, nel quale sono state ridotte, ma spero che a giorni puliscano anche quelle.

    Grazie per gli aggiornamenti!!

  2. questa mattina le piazzole di sosta verso il G.R.A. erano ancora sporche con la sola differenze che i materessi dal centro della piazzola erano stati spostati sul terrapieno di lato. speriamo che provvedano in tempi brevi e che le persone decidano di servirsi dell’isola ecologica dell’ama ad olgiata

  3. non capisco perchè una volta per tutte non vengano poste telecamere nascoste a filmare chi va a buttare quella spazzatura, dopo di chè con prove in mano aspre multe.
    Chi non ha la sensibilità di rispettare l’ambiente non avrà nemmeno la sensibilità verso uomini, animali e quant’altro, sono quindi persone socilamente pericolose.

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome