Home ARTE E CULTURA Auditorium – al via Buonos Aires Tango: 12 giorni di note frenetiche,...

Auditorium – al via Buonos Aires Tango: 12 giorni di note frenetiche, nostalgiche e malinconiche

buenos-aires-tango.jpgDa mercoledì 8 settembre e fino al 19 ecco Buenos Aires Tango: duecento anni di Argentina e cento anni di tango festeggiati all’Auditorium nella più grande rassegna italiana di musica, canto e danza dedicata a questo straordinario patrimonio culturale internazionale. Per 12 giorni l’Auditorium risuonerà di note frenetiche, nostalgiche e malinconiche pur animato dai colori, dai passi e dai movimenti dei danzatori.

Nell’anno in cui si celebra il bicentenario dell’Indipendenza dell’Argentina e un secolo di storia del grande movimento artistico sudamericano, ritorna al Parco della Musica Buenos Aires Tango, il festival dedicato interamente alla cultura – popolare e raffinata – della bellezza, del virtuosismo, della poesia, dell’energia. Prodotta dalla Fondazione Musica per Roma, la rassegna è realizzata in collaborazione con la Città di Buenos Aires che organizza ogni anno il più importante Festival del mondo dedicato al tango. Gli artisti più celebri provenienti direttamente dalla capitale argentina animeranno il Parco della Musica.
In programma 25 spettacoli, corsi di ballo, conferenze, mostre, con il ritorno a grande richiesta del Club de Tango in Teatro Studio – una tangheria sul modello dei famosi locali di Buenos Aires, dove sarà possibile lasciarsi trasportare dal ritmo sensuale, a tu per tu con i più celebri artisti – e delle Milongas nella cavea, dove le musiche a cielo aperto accompagneranno il ballo delle coppie fino a tarda notte.

Tra gli appuntamenti da non perdere, gli inediti incontri con Julio Pane e Daniel Binelli, due tra i bandoneonisti più importanti del tango argentino e dello stesso Binelli con il nostro jazzista di punta Enrico Rava, il ritorno dell’Orquesta El Arranque, considerata ormai parte integrante della storia di questa arte passionale e coinvolgente. Interpreti autorevoli della tradizione, i due fratelli Rudy e Nini Flores presenteranno la Música Interior nel Club de tango. Il dj Negro Juan animerà tutte le milongas notturne nella Cavea, affiancandosi a Horacio Godoy per il gran finale di domenica 19, quando, nel corso di una maratona di virtuosismi, si esibiranno sul palco sotto le stelle i più applauditi ospiti del festival; tra gli altri: Cecilia Berra, Cecilia y Diego con i campioni mondiali di tango 2008 José e Melody.

La programmazione comprende le nuove proposte del quartetto di Esteban Morgado insieme al giovane Jesús Hidalgo, che arriverà in Italia per la prima volta. Hidalgo, con Ariel Ardit e Hernán Lucero, fa parte della nuova generazione di “cantores de la peña” cresciuta nei bar di Buenos Aires dove si formano quelli che poi saranno i grandi artisti dei circuiti internazionali del tango. Tutto da ballare, poi, lo spettacolo Bailongueando, del quartetto di Andrés Linetzky. Per l’ultimo evento in programma in Sala Sinopoli, il quartetto ospiterà Ariel Ardit (El Cantor de Buenos Aires) che evocherà le più belle voci dell’epoca d’oro del tango. Inoltre, in questa edizione, verrà presentata la nuova generazione di ballerini di tango formata dai vecchi milongueros; è prevista la partecipazione di due tra le coppie più interessanti di oggi: Ezequiel e Geraldine, e los Hermanos Macana. Tra gli altri artisti ospiti: il trio Decaríssimo, Aureliano Marín, Hernán Lucero (per la prima volta in Italia), la compagnia No Bailarás di Silvana Grill (che presenta il nuovo spettacolo Sin pecado concebido).

Novità assoluta di questa terza edizione è l’Archivio digitale del tango nello Spazio Ascolto dell’Auditorium. Il progetto ha l’obiettivo di preservare il patrimonio culturale del tango in maniera integrale, catalogandone in modo cronologico e tematico, l’intera storia.

In AuditoriumArte sarà allestita la mostra El segundo paso di Paola Lo Sciuto, che trae ispirazione dalle parole di Borges sul tango. Nel foyer Sinopoli invece sarà possibile ammirare le foto di Sebastián Freire, una selezione di immagini che appaiono nel libro Milongas. Come ormai è tradizione, saranno organizzate lezioni di ballo distribuite lungo tutto l’arco del festival. Nel Foyer Sinopoli, ogni giorno corsi di tre differenti livelli per tutti gli appassionati.
Il musicista e produttore Ignacio Varchausky sarà il protagonista di due conferenze durante le quali svelerà ai più curiosi i segreti e i piccoli dettagli che rendono il tango meraviglioso. Lo Serra ospiterà Casa Argentina, uno spazio espositivo per attività culturali e commerciali inerenti al Tango. Domenica 12 e domenica 19 settembre dalle ore 13 sarà possibile gustare il Tango brunch da Bart accompagnato da esibizioni e musica con i protagonisti del festival.

Buenos Aires Tango è prodotto dalla Fondazione Musica per Roma con il sostegno del Ministero della Cultura della Città di Buenos. Curatore Artistico Carlos Villalba, coordinatore artistico Ignacio Varchausky, produzione esecutiva Aldo Miguel Grompone, Roma. Tutti gli approfondimenti e le informazioni su www.auditorium.com

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome