Home ATTUALITÀ Il rebus della segnaletica stradale a Roma Nord

Il rebus della segnaletica stradale a Roma Nord

After Covid total restore

p6270012a.jpgLa sicurezza delle persone, nella sicurezza stradale, rientra tra le finalità primarie di ordine sociale dello Stato, per questo motivo con un Decreto Legislativo del 1992 è stato approvato il Codice della Strada che si compone di 245 articoli. All’articolo 38 del Capo II, intitolato “Segnaletica Stradale”, si stabilisce che: “La segnaletica deve essere sempre mantenuta in perfetta efficienza da parte degli enti o esercenti obbligati alla sua posa in opera e deve essere sostituita o reintegrata o rimossa quando sia anche parzialmente inefficiente o non sia più rispondente allo scopo per il quale è stata collocata”.

Una norma che a quanto pare sembra essere del tutto sconosciuta a chi, nel nostro territorio, ha la responsabilità dell’efficienza e manutenzione della segnaletica stradale. Cartelli arrugginiti o scoloriti, in molti casi divelti o ricoperti dalla vegetazione, strisce e righe sbiadite e spesso del tutto illeggibili: questa è la situazione che deve affrontare il già distratto e indisciplinato automobilista di Roma Nord.

[GALLERY=932]

Certo sulla mancata manutenzione peserà senz’altro la cronica mancanza di fondi e risorse e pretendere ovunque segnali nuovi di zecca sembrerebbe troppo; ma la situazione attuale lascia supporre una incuria che si trascina da anni.
In alcuni casi ci si trova di fronte a dei veri e propri reperti archeologici risalenti a chissà quale era geologica: molti cartelli sono stati dimenticati in prossimità di incroci, strettoie o curve pericolose e da anni segnalano un qualcosa che non esiste più. Altri sono stati ricoperti dalla vegetazione che, come in una foresta tropicale, li ha avviluppati per intero. Alcuni, a causa del tempo, hanno perso la loro colorazione originale per cui non è dato sapere se indicano una prescrizione o più semplicemente un pericolo. E poi scuole inesistenti, strade chiuse che non ci sono, parcheggi introvabili; tante le frecce bianche in campo azzurro che obbligano a immaginose direzioni obbligate.

In Via Bomarzo c’è una cartello che farebbe la gioia di chissà quanti collezionisti o “musei della strada” perché riporta un arcaico ‘a passo d’uomo’ oramai introvabile; il cartello si accompagna ad uno scoloratissimo ‘divieto di sorpasso’.

[GALLERY=933]

Molti dei cartelli di Roma Nord sono il bersaglio preferito di writers o lo sfondo ideale per adesivi che pubblicizzano traslochi, riparazioni di serrande o spurgo di fogne intasate. In altri casi la lamiera sforacchiata riporta alla mente la segnaletica dell’Aspromonte o della Barbagia, bersaglio usuale di doppiette e lupare. E’ sufficiente percorrere alcune delle più trafficate strade del nostro quartiere per rendersene conto.

Ma la cosa curiosa è che di fronte a tanto abbandono gli automobilisti appaiono rassegnati o del tutto indifferenti: evidentemente hanno fatto di necessità virtù perché riescono a muoversi disinvoltamente anche se la segnaletica esistente costituisce un vero e proprio rebus. Eppure sarebbero sufficienti un paio di operai armati di cacciavite, pinze, cesoie e di qualche chilo di vernice per rimettere in breve tempo le cose al loro posto: quantomeno potrebbero essere raddrizzati i segnali che il vento o qualche buontempone si diverte a girare.

[GALLERY=934]

Tra tanta incuria c’è una bella eccezione: in Via dell’Acqua Traversa, nel tratto che costeggia la Caserma della Marina e la Riserva dell’Insugherata, sono stati piazzati una miriade di cartelli nuovi fiammanti che indicano il divieto di sosta e fermata e in alcuni casi persino la rimozione del veicolo.
Peccato che in quel tratto, privo di abitazioni, nessuno sia solito fermarsi.

Francesco Gargaglia

© riproduzione riservata

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
After Covid total restore

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome