Home ATTUALITÀ Roma – Grande Raccordo Anulare a pagamento?

Roma – Grande Raccordo Anulare a pagamento?

codegra.jpgDalla legge Finanziaria in corso di approvazione sembra spuntare l’ipotesi di un pedaggio per il Grande Raccordo Anulare. Un ticket per chiunque debba utilizzarlo a prescindere dal motivo. Un ticket per godere del piacere di stare in fila.

Forse non tutti sanno che il GRA è classificato come A90, dove la “A” sta ad indicare autostrada. Un piccolo particolare – spiega ad esempio AlVolante.it – che secondo quanto previsto dalla finanziaria renderebbe legittimo l’imposizione di un pedaggio per il suo transito.

Immediata e bipartisan la reazione degli amministratori locali.
Sergio Marchi, Assessore alla Mobilità del Comune di Roma, dice che “L’ipotesi di mettere il pedaggio è da respingere con forza. Come già detto in altre occasioni, anche dal sindaco Alemanno – prosegue Marchi – un pedaggio sul Gra è inaccettabile e impensabile perche’ si tratta di una via di collegamento ormai interna alla città di Roma e a servizio dei cittadini romani. Oltre che fuori luogo, una proposta del genere, somiglierebbe all’imposizione di tariffe doganali fra rione e rione”.
Nettamente contrario anche Nicola Zingaretti, Presidente della Provincia di Roma. “In un momento di crisi economica – ha dichiarato – la sola idea d’introdurre balzelli per un’arteria fondamentale del nostro territorio è fuori dal mondo”.
“Speriamo di no, auspichiamo tutti che non sia così” gli ha fatto eco Renata Polverini, Presidente della Regione Lazio.

Nelle prossime 48 ore saranno noti i singoli provvedimenti della Finanziaria, la libera circolazione sul GRA è veramente agli sgoccioli? (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

7 COMMENTI

  1. Glielo dico io perchè. Perchè abitiamo sulla Cassia e mio marito tutti i giorni va a lavorare all’Eur. Bisogna pagare una tassa anche per andare a lavorare ? La soluzione sarà che si sveglierà un po’ prima e farà il centro. Risparmierà ma inquinerà. Contento ?

  2. Carissimo Spiezia , potremmo risponderle alla romana come il Marchese del Grillo , noi siamo noi e gli altri nun sono un ca..
    Ma il GRA è ormai interno alla città e troppi sono i luoghi nei quali si deve andare e che risultano fuori.
    Università , centri commerciali , centri sportivi , motorizzazioni , centri regionali&simili.
    Per andare dalla cassia alla flaminia senza pagare balzelli dovrei fare cassia-corso francia e poi tornare indietro ?
    Per la Salaria invece , cassia-corso francia-olimpica e poi dietro front ?
    Non ne parliamo per andare a sud.
    Spiezia , mica stiamo su M.ARTE come lei che magari ha i dischi volanti !
    E comunque di gratuito non esiste nulla, in qualche modo comunque paghiamo.

  3. sarebbe come pretendere di far pagare un pedaggio per ogni via del corso di ogni singolo paesino sparso in italia.

    il raccordo non è una autostrada, è la principale arteria della città. NON SCHERZIAMO.

    anche solo per il rallentamento al già elevato traffico. facciamo la fila anche per pagare un pedaggio è finita poi.

    e poi perchè dovremmo pagare? l’autostrada si paga ma una alternativa ce l’hai.

    non mi pare ce ne sia una al GRA, visto anche che mettono le ztl e non costruiscono metropolitane.

    si decidessero.

    io la macchina vivessi a londra/madrid/parigi l’avrei già venduta da un pezzo!
    a che te serve? a nulla! vai ovunque rapidamente a qualsiasi ora.

    a Roma senza macchina (specie in questa maledetta XXesima senza macchina sei finito)

  4. Trovo allucinante la soluzione prospettata dalla finanziaria. Non può essere questo il modo per recuperare soldi in un paese in crisi. Il GRA ormai è un anello all’interno della città e se veramente venisse messa una tassa per percorrerlo sarebbe un danno per la città per il suo centro e per l’inquinamento che aumenterebbe a dismisura.
    Il fatto che in altre città sia invece un servizio a pagamento non vuol dire nulla. e’ una banalizzazione e cui non ci possiamo sottoporre ed allora che si tolga anche lì.

  5. il pedaggio sul gra è il pallino di bossi da vent’anni.
    un grazie sentito a tutti i cittadini del XX che per mantenersi qualche piccola meschina impunità hanno votato lega di arcore, ed hanno permesso questo attacco a testa bassa su roma, i suoi cittadini, i suoi enti pubblici, il turismo. l’abolizione della provincia di rieti e il salvataggio di verbano e sondrio.. una perla.
    vi meritate la tassa sul turismo e vi meritereste anche di andare falliti a pagare pedaggi sul gra. non accadrà mai ma è il minimo che vi tocca.

  6. terribile!!! un altro balzello !!! ho l’impressione di essere tornata nel medioevo, dove una casta di pochi ricchi governava su milioni di poveri, vuotandogli le tasche a piè sospinto.
    C’è davvero questa necessità ?
    Perchè chi sta al potere (con i nostri voti) non prova a mascherarsi da cittadino e girare negli autobus o sulla metro, calcato tra la gente, col caldo e le puzze, con l’inquinamento che, sotto la metro, raggiunge livelli superiori anche alle giornate più inquinate, o fare la fila nei discount, o nei supermercati e vedere cosa realmente compra la gente?
    Nessuno di “loro” lo farà mai ecco perchè continuano a spremerci come limoni…basta, pure il raccordo anulare, non se ne può più !!!

    provassero a vivere con 1200 euro, quando si ha fortuna, e tirare avanti una famiglia, crescere i figli, e vorrei ricordare che i figli sono uguali per tutti, anche quelli che guadagnano poco li amano e vorrebbero che crescessero con le cose migliori; c’è da tenerlo a mente.
    E quando ti chiedono cose e gli devi rispondere che non puoi? …e’ umiliante per chi comunque esce da casa alle 5 la mattina per andare al lavoro passando per il raccordo anulare… che vogliono mettere a pagamento…

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome