Home ATTUALITÀ Comune di Roma – aperte le iscrizioni agli asili nido, si possono...

Comune di Roma – aperte le iscrizioni agli asili nido, si possono presentare fino all’8 aprile

Sono state aperte le iscrizioni agli asili nido comunali per l’anno scolastico 2010-2011. Le domande possono essere presentate entro l’8 aprile 2010  presso uno dei 19 Municipi di Roma. Ma nel XX Municipio quest’anno una piacevole ed utile sorpresa attende genitori e bambini. Su iniziativa dell’Assessore alla Scuola del Municipio, Marco Perina, e della Commissione alle Scuole, è stato allestito, al piano terra della sede di via Flaminia, uno spazio accoglienza dotato di un’area giochi per i piccoli, che renderà più confortevole l’attesa. Le domande per il XX Municipio vanno infatti presentate al relativo Ufficio Nidi di Via Flaminia 872 il martedì dalle 8.30 alle 16.30, il mercoledì dalle 8.30 alle 12.30 ed il giovedì di nuovo dalle 8.30 alle 16.30. Ma prima di presentarsi in via Flaminia sarà bene aver attentamente letto il bando pubblico (clicca qui) ed uno specifico avviso (leggi qui). In ogni caso il locale Ufficio Relazioni con il Pubblico  è sempre a disposizione al numero 0669620333/334.

Ma torniamo alle regole valide in tutti i Municipi. Possono essere iscritti al nido del Comune, purchè residenti a Roma, le bambine e i bambini nati dal 1 gennaio 2008 o che nasceranno entro il 31 maggio 2010. Possono presentare domanda anche le famiglie non residenti nel Comune di Roma al momento dell’iscrizione e che siano tuttavia in possesso della ricevuta di richiesta di cambio di residenza nel Comune di Roma e la cui pratica sia ancora in corso di perfezionamento. Possono infine essere iscritti tutti i bambini presenti temporaneamente nel Comune di Roma, anche se privi di residenza, in relazione alle vigenti norme internazionali, nazionali e regolamentari.
La domanda di iscrizione può essere presentata presso un solo Municipio scegliendo tra queste opzioni:
* Municipio di residenza del nucleo familiare;
* Municipio nel cui territorio almeno uno dei genitori presti attività lavorativa;
* Municipio di residenza dei nonni;
* Municipio di residenza del genitore con il quale il minore non risiede o del genitore non affidatario.

Per scaricare il modulo di iscrizione occorre andare sul sito dell’XI Dipartimento del Comune di Roma  oppure più semplicemente cliccare qui. Ricordatevene, le domande devono essere presentate entro l’8 aprile 2010

Per  tutte le informazioni di dettaglio sarà bene consultare prima l’opuscolo informativo in distribuzione da parte del Comune – comunque scaricabile cliccando qui – oppure rivolgersi al Call Center del Comune di Roma tel.060606 od all’Ufficio Relazioni con il Pubblico dell’XI Dipartimento tel. 06671070048/9.  (red.)

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Tutto molto interessante, anche l’iniziativa di Perina……i posti nei nidi però diminuiscono sempre +, guardate ad esempio quelli nella categoria grandi in zona Giustiniana……..ormai fare domanda ai nidi comunali è diventata una cosa che uno fa tanto per fare, viste le probabilità di entrarvi….

  2. quindi fatemi capire bene…può essere iscritto un bambino non residente apolide….ma due gemellini residenti ad ardea (dove non ci sono nidi comunali) e la madre single che lavora in pieno centro (piazza navona) con padre (non affidatario) e nonni residenti a roma non hanno diritto all’iscrizione? e di grazia, che fine hanno fatto il diritto di questi bambini? e il problema vale fino a che non arrivano alla scuola elementare visto che la regola vale anche per la materna….a meno che la mamma non decide di smettere di lavorare o non concede l’affidamento del bambini al padre!!!!! un bell’aiuto veramente….sia alle famiglie che non hanno la possibilità di comprarsi casa a roma pur lavorandoci, e che si accollano già le spese del viaggio giornaliero relativo a 100 km tra andata e ritorno….che a madri lavoratrici single, come nel mio caso….l’unica alternativa sarebbe un nido privato che ovviamente assorbirebbe totalmente il mio stipendio (700 euro al mese per entrambi i bambini)….BRAVI….PROPRIO BRAVI….a non prevedere la miariade di poveracci che pur lavorando a roma (tornando a casa in orari indecenti) devono vivere per questioni economiche a 50 km di distanza e più!!!!

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome