Home ATTUALITÀ Provincia di Roma e ANIA distribuiscono 35mila cd per esame patentino

Provincia di Roma e ANIA distribuiscono 35mila cd per esame patentino

patentino.jpgLa Provincia di Roma e la Fondazione Ania per la Sicurezza Stradale, nell’ambito del Protocollo d’Intesa per la sicurezza stradale, presentano il progetto ‘Patentino on-line’, che coinvolgerà i ragazzi del biennio delle scuole medie superiori dei 121 Comuni del territorio, compresa la Capitale. A partire da giovedì 21 gennaio, infatti, in 162 scuole a Roma ed in 92 nel resto della provincia, verranno distribuiti  a ragazzi con età compresa tra i 14 e i 16 anni 35mila cd-rom che consentiranno di prepararsi al meglio per il conseguimento del certificato di idoneità per la guida del ciclomotore, con accesso gratuito all’esame.

Spiega il sito web della Provincia che questa iniziativa si propone di contrastare il grave fenomeno dell’incidentalità stradale, prima causa di morte tra i giovani. Basti pensare che, solo nel 2008, sono state 4.731 le vittime della strada in Italia; di queste, 493 si sono registrate nella Regione Lazio, 313 in provincia di Roma, 190 sul solo territorio della Capitale.

“Iniziative come questa – dichiara l’assessore provinciale alla Mobilità e Trasporti, Amalia Colaceci – vogliono essere un valido strumento per rendere protagonisti i ragazzi nella diffusione e promozione di un messaggio importante come quello della sicurezza stradale. Da sempre siamo convinti che il modo migliore per affrontare questo tema sia quello di parlare direttamente ai ragazzi.”

“Il progetto ‘Patentino on-line’ – dichiara Sandro Salvati, Presidente della Fondazione Ania – rappresenta un ulteriore passo avanti nella diffusione della cultura della sicurezza sulle strade. Crediamo fortemente che educare i nostri giovani a una guida sicura, a partire dalle due ruote, contribuirà a renderli automobilisti migliori e più prudenti in futuro. L’educazione stradale, a partire dalla giovane età, può rivelarsi determinante per contrastare soprattutto l’incidentalità sul ciclomotore che, nell’ultimo anno in Italia, ha provocato 29.530 feriti e 305 morti”.

“Noi siamo convinti – prosegue Salviati – che la formazione dei giovani al rispetto delle regole deve essere un dovere costante di tutti: delle istituzioni pubbliche e private, ma anche degli educatori scolastici e soprattutto dei genitori. Solo così potremo piangere meno lutti e ottenere risultati concreti nella lotta contro la più grave delle tragedie nazionali, i morti e i feriti sulle strade”.

Visita la nostra pagina di Facebook

2 COMMENTI

  1. Con l’attuale diffusione di internet tra i giovani c’era proprio bisogno di fare dei CD?
    Non era meglio farne un sito Internet magari navigabile anche da Cellulare?
    Senza contare che i Netbook così diffusi tra i giovani non hanno il lettore CD.
    Per non parlare poi dell’inquinamento che i 35.000 CD provocheranno quando non serviranno più (dopo l’esame) e verranno buttati nella spazzatura.

    Ma chi li ha consigliati?

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome