Home ARTE E CULTURA Richard Galliano chiude il Roma Jazz Festival dell’Auditorium

Richard Galliano chiude il Roma Jazz Festival dell’Auditorium

galliano.JPGUn grande ritorno chiude in bellezza il Roma Jazz Festival: Richard Galliano, il talento della fisarmonica scoperto negli anni ottanta dalla Cam, si esibirà in un concerto domani, 30 novembre, alle 21 all’Auditorium.  Nato in Francia nel 1950, Galliano è stato introdotto alla musica giovanissimo iniziando con la fisarmonica all’età di 4 anni sotto l’influenza del padre, fisarmonicista di origine italiana vivente a Nizza. Per un lungo periodo studia trombone,armonia e contrappunto nell’Accademia di Musica di Nizza e, a 14 anni, nel cercare di espandere le sue idee fisarmonicistiche, inizia ad ascoltare jazz sui dischi del grande trombettista Clifford Bronwn di cui rimane affascinato.

Inizia allora un percorso di ricerca all’interno del mondo della fisarmonica aiutato dal suo maestro Claude Noel che gli fa conoscere i maestri italiani e quelli americani. Finiti gli studi e il periodo di apprendistato nel 1973, Richard prende la sua grande decisione e si trasferisce a Parigi dove lo aspetta un colpo di fortuna. Molto rapidamente stabilisce un importantissimo contatto con il famoso cantante Claude Nougaro. Per tre anni ricopre il ruolo di direttore, arrangiatore e compositore per l’orchestra di Nougaro.

Dopo Nougaro, una grandissima importanza per Richard Galliano ebbe l’incontro con Astor Piazzolla. Piazzolla suggerì a Galliano di riscoprire le sue origini francesi e di portare alla luce il New Musette come lui aveva fatto con il Tango Nuevo. Il grande merito di Richard sta quindi nella sua originalità, nell’essere riuscito a sintetizzare tutte queste esperienze in una nuova musica, fatta di jazz e di tradizioni filtrate dalla sua personalità. Fra le sue tantissime collaborazioni ricordiamo la presenza nel gruppo di Zawinul, Charlie Haden e con il quartetto del New York Tango.

[youtube:http://www.youtube.com/watch?v=QRRkTK6M0II&autoplay=0 420 350]

Visita la nostra pagina di Facebook

LASCIA UN COMMENTO

inserisci il tuo commento
inserisci il tuo nome